HOME - Approfondimenti
 
 
15 Aprile 2014

I materiali alternativi all'amalgama sono sicuri e longevi? La UE cerca una risposta. L'opinione della comunità scientifica sui materiali compositi


Nel 2012 il COEN Group della Commissione Europea, che  assieme al Medical Devices Experts Group si occupa di dispositivi medici, ha elaborato un questionario con il fine di analizzare gli eventuali rischi o le problematiche legate ai materiali relativi all'amalgama dentale.
In una riunione tenutasi a Bruxelles nel febbraio scorso, vagliati i risultati ottenuti dal questionario ha valutato necessario richiedere una serie di chiarimenti ai produttori per capire la sicurezza di questi prodotti.

A questo link trovate il documento inviato dalla FIDE (Federazione Europea dell'Industria Dentale di cui fa parte UNIDI che ha reso pubblico il documento) in risposta alle richieste avanzate.

Ma la domanda di fondo che da tempo sia l'UE, tentando di limitare l'utilizzo dell'amalgama dentale in quanto contenente mercurio e quindi potenzialmente pericolosa soprattutto per l'ambiente, è quella di capire se i nuovi materiale, sintetizzando li chiamiamo compositi, potrebbero efficacemente (e garantendo sicurezza al paziente) sostituire l'amalgama dentale.

"Le resine composite -ci dice Stefano Daniele, odontoiatria libero professionista e Tutor del Corso di laurea in odontoiatria dell'Università degli Studi di Milano- sono i materiali maggiormente impiegati in alternativa all'amalgama d'argento. Sono sostanzialmente delle resine acriliche rinforzate con micro particelle di riempitivo inorganico che conferiscono, appunto, la caratteristica di materiale composito".
Dal punto di vista della resistenza all'usura il dott. Daniele evidenza come la comunità scientifica abbia rilevato una tendenza nel corso degli anni a subire una usura superficiale  e "per tale motivo è difficile stabilire un dato certo di sopravvivenza dei restauri in composito inseriti nella bocca dei pazienti".

"L'usura del materiale -continua il ricercatore- dipende da molti fattori: corretta esecuzione della procedura clinica, igiene orale del paziente e ovviamente qualità del materiale impiegato. Rispetto all'amalgama d'argento i materiali compositi sono più suscettibili ad infiltrarsi marginalmente e dare origine a carie secondaria intorno al restauro. Le resine composite possono poi liberare, se non adeguatamente polimerizzate, costituenti all'interno del cavo orale che teoricamente hanno effetti tossici sulle cellule dell'organismo. In realtà, anche nel caso di scarsa polimerizzazione, il quantitativo di costituenti liberato nel cavo orale è insufficiente per dare effetti tossici sistemici mentre riduce drasticamente la longevità dell'otturazione".

Articoli correlati

Nonostante il “vento del cambiamento” che ha interessato il Governo del nostro Paese, ed anche quello odontoiatrico, in questo mese di agosto il settore dentale si è trovato nuovamente a...


Ma i veri obblighi scattano a gennaio, ancora aperta la questione separatori d’amalgama


"Se non fossimo intervenuti l'amalgama dentale sarebbe stata bandita in brevissimo tempo e gli adempimenti a carico degli studi odontoiatrici sarebbero stati molto più pesanti e...


L'amalgama dentale si potrà ancora utilizzare ma con delle accortezze legate prevalentemente al suo smaltimento, fatte salve le indicazioni già emanate dal Ministero della Salute. E'...


Nel febbraio del 2009 l'Agenzia delle Nazioni Unite per l'Ambiente con la risoluzione 25/5 istituiva un Comitato Negoziale Intergovernativo per la stesura  di un trattato giuridicamente...


Altri Articoli

La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Il Governo al lavoro per sitarlo e garantire la somministrazione al maggior numero di persone in tempi rapidi. Anelli (FNOMCeO) pensa di coinvolgere anche i dentisti


Il dott. Azzalin di Varese ci racconta la sua esperienza, diretta, di una visita nei NAS per verifiche igienico sanitarie ed amministrative


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Il presidente dell’Ente di previdenza di medici e dentisti interviene durante la presentazione del 2° Rapporto Censis - Tendercapital sui buoni investimenti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina