HOME - Approfondimenti
 
 
26 Maggio 2014

Il Codice Deontologico per il presidente ANDI Gianfranco Prada un utile strumento per la professione. Ora lavoriamo sui regolamenti


Soddisfatto per l'approvazione del nuovo Codice Deontologico il presidente nazionale ANDI Gianfranco Prada, che ricorda come siano stati recepiti gli obblighi di legge rivolti principalmente alla tutela delle persone assistite (in tema soprattutto di formazione continua ed assicurazione obbligatoria) ed introdotte importanti norme che andranno a meglio regolare la professione di odontoiatra in quanto libero professionista.

"Lo giudico un passo importante ed utile alla professione", ci dice il presidente Prada ricordando come siano stati recepiti molti degli elementi proposti anche dall'ANDI, grazie al continuo e positivo rapporto con la CAO nazionale e la componente medica della FNOMCeO, in particolare nei passaggi sull'abusivismo, il prestanomismo e le  direzioni sanitarie delle strutture.

"Il testo contiene chiarimenti e positività che possono contribuire a rendere l'esercizio della professione più trasparente anche nel rapporto tra iscritto ed Ordine stesso".

Tra gli aspetti positivi il Prada indica quello sugli obblighi e le responsabilità del direttore sanitario ed il fatto che un iscritto non potrà più "dirigere" svariate strutture. "Viene indicato chiaramente, come ANDI aveva chiesto, che il direttore sanitario non può seguire più strutture, introducendo il divieto di assumere incarichi plurimi, incompatibili con le funzioni di vigilanza attiva e continuativa".
Aver rafforzato i doveri dell'iscritto verso la prevenzione del prestanomismo e il favoreggiamento all'esercizio abusivo della professione, per il presidente ANDI, è un'ulteriore presa di distanza da chi svilisce la professione favorendo l'illegalità e mettendo a rischio la salute del paziente. 
Tra i passaggi positivi include anche quello sulle sponsorizzazioni e patrocini da parte degli iscritti, che sono preclusi se finalizzati a favorire la commercializzazione di prodotti sanitari, ma che consentono di partecipare ad iniziative che hanno il fine della prevenzione e tutela della salute pubblica, anche se sono sostenute da aziende, come per esempio il Mese della Prevenzione Dentale ANDI.

Tra gli articoli del Codice che per il presidente Prada potevano essere meglio definiti, c'è quello sull'ECM, in quanto "avremmo voluto indicazioni di uniformità di comportamenti per i singoli Ordini provinciali, e maggiori riconoscimenti ed agevolazioni per i colleghi che si aggiornano", e quello sulle società tra professionisti".

"Ora lavoreremo per sensibilizzare la FNOMCeO nello stilare i regolamenti attuativi, quelli che guideranno i presidenti di Ordine e delle CAO nella concreta applicazione del Codice Deontologico, in particolare sui temi come pubblicità sanitaria, abusivismo, società  tra professionisti ed altri argomenti che interessano la professione odontoiatrica, in quanto massima espressione della libera professione in ambito sanitario".

Articoli correlati

"Nel nuovo codice ci sono aspetti positivi ed altri meno", ci dice Pierluigi Delugu presidente nazionale AIO. "Ottimo aver sottolineato ulteriormente la punibilità del professionista che...


ANDI ricorda la scadenza ed invita a regolarizzare per evitare controlli alla categoria. I casi in cui si deve pagare e quelli in cui non è obbligatorio


Il presidente Fiorile annuncia un lavoro comune tra Sindacati e CAO per fare apportare le modifiche a quanto stabilito nell’ultima Finanziaria


Un convegno organizzato dalla CAO Roma ha fatto il punto. Santaniello: serve attenzione anche su temi extra-clinici tra i quali quello previdenziale e di sostegno alla libera professione


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Altri Articoli

Un modello riproducibile e sostenibile di umanizzazione dell’assistenza odontostomatologica che parte da una corretta formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra....


A metà febbraio le scadenze: quella sui radiografici che interessa i soli studi odontoiatrici e quella per l’autoliquidazione INAIL che riguarda anche laboratori ed aziende del settore. Per i...


In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Sono stati in militari del NAS di Bologna, secondo la stampa locale su segnalazione di un paziente, a scoprire a Riccione lo studio di un finto dentista, un diplomato odontotecnico di 69 anni.Secondo...


L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni