HOME - Approfondimenti
 
 
03 Luglio 2014

Trattamenti estetici da parte degli odontoiatri. Il Ministero della Salute chiede al CSS un parere tecnico. Convocato il CIC


Da tempo si dibatte sulla possibilità o meno, per i laureati in odontoiatria, di effettuare interventi di medicina estetica su viso e labbra.
Le continue richieste di questi interventi e la riduzione del numero di pazienti per le classiche cure negli studi odontoiatrici hanno portato molti dentisti a praticare questi tipi di cure. Ma il laureato in odontoiatria può praticare cure estetiche nella zona dei tessuti periorali, come sostiene la professione, oppure no in quanto devono essere considerate prestazioni mediche e quindi esclusive dei laureati in medicina e chirurgia,: come invece sostengo i medici estetici?

Il dubbio deve essere venuto anche al Ministero della Salute che, forse, per dare un indicazione definitiva sulla questione o solamente per capirne di più ha chiesto al Consiglio Superiore di Sanità un parere in merito.

CSS che ha convocato nelle scorse settimane, come esperti, una delegazione del CIC.

"La domanda che ci è stata posta era se questo tipo di terapia fosse o meno di pertinenza della professione odontoiatrica", ci dice il presidente del CIC prof. Gianfranco Carnevale (nella foto).
"Già l'anno scorso, quando è stata valutata per la prima volta la questione, il Collegio delle società scientifiche italiane di medicina estetica si sono messe intorno ad un tavolo con la nostra associazione di categoria, l'ANDI e dopo una lunga trattativa, hanno stilato un "position statement" in cui le parti hanno trovato un accordo".

"Al Consiglio Superiore di Sanità -aggiunge il vicepresidente del CIC dott. Augusto Malentacca- abbiamo fatto riferimento a questo accordo e alla legge istitutiva della professione odontoiatrica (Legge 24 Luglio 1985, n. 409) che definisce l'ambito di competenza della professione indicando l'odontoiatra come il professionista che può mettere in pratica qualsiasi procedura clinica, a patto di rimanere confinato nell'ambito dei tessuti orali e periorali".

Ma oltre agli aspetti puramente normativi il dibattito si è acceso anche sull'opportunità per il dentista di offrire questi trattamenti. Da una parte chi ritiene che sminuiscano la professione mentre dall'altra chi li ritiene una pratica utile. Prof. Carnevale lei come la vede?

"Non sta a me decidere se sminuiscano o meno la professione. L'unica cosa che posso dire è che, se l'odontoiatra rimane nell'ambito dei tessuti periorali, come la legge gli permette, ognuno ha la discrezionalità di praticare o non praticare queste procedure cliniche. L'unica raccomandazione che mi sentirei di sottoscrivere è quella di prepararsi sia teoricamente che praticamente sull'uso di questi procedimenti estetici e possibilmente, visto che sono entrati nella pratica quotidiana dell'odontoiatra, che la medicina estetica dei tessuti periorali sia insegnata anche nell'ambito del corso di laurea in odontoiatria".

Articoli correlati

Sono già 20 le cliniche dentistiche Sanitas che raccolgono mascherine destinate al riciclaggio. Una mascherina FFP2 può impiegare 400 anni per decomporsi


Uno studio sperimentale ha analizzato la demineralizzazione con acido citrico degli innesti ossei autogeni per aumentare la rigenerazione ossea anche di difetti importanti

di Lara Figini


L’utilità della saliva come biofluido nella diagnosi e nel monitoraggio di Covid-19 rispetto ai tamponi naso faringei. Uno studio di prossima pubblicaizone su Journal of Dental Research ha...

di Lara Figini


Rinnovato anche il Consiglio direttivo del Comitato Italiano di Coordinamento delle Società Scientifiche Odontostomatologiche 


A comunicare il termine della stesura del nuovo Nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche e dell'invio al Ministero della Salute per la validazione è stato il presidente nazionale CAO Raffaele...


Altri Articoli

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Non cambia la sede, sempre Bologna, le iscrizioni (gratuite) entro il 25 marzo. Queste le nuove scadenze per invio abstract e poster


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Il 7,2% di medici ed odontoiatri che, sulla piattaforma del Green pass, risultano ‘inadempienti’ e da verificare. Anelli: “si tratta di un dato grezzo che non fotografa la situazione reale”


ANSOC scrive al Ministero chiedendo un incontro insieme alle altre Associazioni di riferimento. Di Fulvio: “Inspiegabile ed assurda la riduzione di rimborso da somme già insufficienti a coprire i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi