HOME - Approfondimenti
 
 
11 Settembre 2014

Non c'è unità di vedute sul metodo per spazzolare i denti. La comunità scientifica si interroga


Sembra non esserci un accordo unanime su quale sia il miglior modo di lavarsi i denti. Secondo uno studio  del  British Dental Journal (217, E5-8 agosto 2014) non lo si può indicare con esattezza.
L'affermazione arriva da John Wainwright e Aubrey Sheiham, dentisti ricercatori presso la University College di Londra in Inghilterra, che hanno preso in esame le tecniche di spazzolatura manuale descritte nei libri di testo di odontoiatria ed igiene, le istruzioni fornite da aziende produttrici di dentifrici e spazzolini e le raccomandazioni cliniche di 10 associazioni nazionali di dentisti in vari paesi.

La maggior parte delle fonti consiglia di spazzolare due volte al giorno per almeno due minuti ma non sembra esserci un accordo su quale sia il metodo migliore per la spazzolatura manuale dei denti e questo "non fa onore alla professione nel suo insieme"dichiara Wainwright, che continua: "ad oggi non esistono evidenze scientifiche che una tecnica sia migliore delle altre".
Le differenze maggiori riguardano l'angolo con cui si deve appoggiare lo spazzolino sulla superficie dello smalto e il movimento inferto dalla mano allo stesso.

Sulla base di questi due fattori  gli autori hanno distinto sei metodiche diverse. 
Inutile dire che la notizia ha creato un vivo dibattito sul web sia negli ambienti più "accademici" che sulla stampa generalista.  

L'epidemiologo americano Benjamin Chaffee della  University of California entra nella discussione dichiarando all'agenzia Reuters Health che da oltre un secolo l'odontoiatria è focalizzata sulla spazzolatura dei denti come principale strumento di prevenzione, ed  è grave che non si sia raggiunto a livello internazionale un consenso univoco su quale sai la metodica migliore.

" La ricerca deve andare avanti in questa direzione" sottolinea Sheiham professore emerito presso la  University College London e co-autore dello studio, " dobbiamo assolutamente evitare che un paziente ci faccia notare che i nostri consigli sulla spazzolatura dei denti differiscono da quelli che  ha avuto dall' ultimo dentista da cui è andato".

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Qualunque sia la meta, che si parta per un weekend, per un periodo più lungo o semplicemente si passi del tempo fuori casa i prodotti per l’igiene orale non devono mai mancare ...


La linea Forhans Medico è frutto di settant’anni di esperienza nella ricerca di nuove soluzioni per l’igiene orale


Grazie all’esclusivo Complesso Idroxiplus il nuovo dentifricio agisce come filler riparando le micro fratture e le abrasioni sulla superficie dello smalto


Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Altri Articoli

Raffaele Sodano ripercorre i passi che hanno portato alla vendita degli immobili dell’Ente di previdenza di medici e dentisti


Con il parere favorevole arriverebbe la proroga di 12 mesi alle norme transitorie decadute il 20 aprile scorso con l’entrata a regime del profilo dell’ASO


In particolare l’avvocato Colla affronta due aspetti, quello dell’affitto di uno studio già avviato e la questione del divieto di concorrenza


Il primo passo si focalizza su una collaborazione tra lo scanner intraorale 3Shape TRIOS di 3Shape e gli allineatori trasparenti SureSmile di Dentsply Sirona


Agorà del Lunedì     14 Giugno 2021

E gli anziani?

La popolazione invecchia e sorridere potrebbe non essere più solo un privilegio per ricchi. Alcune considerazioni del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi