HOME - Approfondimenti
 
 
07 Ottobre 2014

Interventi di medicina estetica, quelli possibili per l'odontoiatra dopo il parere del CSS. Il parere di Marco Scarpelli odontologo forense


Dopo il parere del Consiglio Superiore dei Sanità che ha ammesso la possibilità per il laureato in odontoiatria di effettuare trattamenti di medicina estetica, ma solo se finalizzati al completamento della terapia odontoiatria e limitati alle labbra, abbiamo chiesto all'odontologo forense  dott. Marco Scarpelli, quali sono gli interventi che il laureato in odontoiatria può eseguire per prevenire eventuali contenziosi.

Il mio commento è sicuramente in relazione al Parere pubblicato dal Consiglio Superiore di Sanità circa la "Competenza dell'odontoiatra alla esecuzione di trattamenti di medicina estetica"  ma anche in relazione al commento del Presidente Nazionale ANDI, Gianfranco Prada che, pur plaudendo il comunicato, afferma che:
" ...Considerando la potenza delle forze in campo, sono comunque soddisfatto solo in parte del parere del Consiglio Superiore di Sanità; fondamentale è stato certo il riconoscimento della liceità a praticare attività di medicina estetica da parte dei Laureati in Odontoiatria, critiche sollevo invece in merito alla limitazione del distretto anatomico di competenza che la Legge 409/85 prevede negli interi tessuti mascellari e che il CSS ha voluto invece restringere alla zona labiale. Su questo aspetto, in caso di contenzioso, ritengo comunque che qualsiasi giudice darebbe maggior valenza alla Legge rispetto ad un parere del CSS...."

Non si può non rilevare che, come ben evidenzia anche il "Position Statement" pubblicato da ANDI  in collaborazione con il Collegio delle società scientifiche Italiane di Chirurgia e Medicina Estetica" (per altro richiamato dal medesimo CSS come riferimento al parere), il distretto anatomico di competenza dell'odontoiatra è l'area cutanea corrispondente " ... ai denti, alla bocca, alle mascelle e ai relativi tessuti ..." come individuato dalla Legge istitutiva della professione odontoiatrica, n. 409/85.

Pertanto ben si accoglie il parere del CSS se pure la dichiarazione " ...limitatamente alla zona labiale", individua si le labbra come struttura anatomica contenuta nel terzo medio (labbro superiore) e terzo inferiore (labbro inferiore) del viso, ma dimentica la zona cutanea periferica.

Ritengo che una corretta interpretazione, ragionevole, perfettamente in linea con quanto rileva anche il Presidente Prada, sia l'applicazione del "parere favorevole all'esecuzione da parte dell'odontoiatra, di terapie con finalità estetica ....." all'intero terzo medio e terzo inferiore del viso, ovvero alle aree cutanee adese al mascellare superiore ed inferiore (mandibola).

Non si può che ritenere questo il verosimile orientamento del magistrato, eventualmente chiamato sulla questione, nel rispetto delle raccomandazioni cliniche pubblicate dalle Associazioni di categoria sopra citate ma anche e soprattutto del testo di legge che regolamenta la professione di medico odontoiatra.

A cura di: Marco Lorenzo Scarpelli,  medico chirurgo, specialista in Odontostomatologia, Medicina legale,  prof. a c. in "Etica e Comportamento nella professione", al CLOPD e Coordinatore  Master  di  II livello  in "Odontologia  Forense" all'Istituto di Medicina Legale dell' Università degli Studi di Firenze

Articoli correlati

Un regolamento, in fase di realizzazione, definirà le regole per iscriversi. Pollifrone (CAO Roma): “l’obiettivo è quello di tutelare sempre la salute dei cittadini”


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Con il presidente SIMEO proviamo a fare il punto sulle applicazioni pratiche del parere fornito al Ministero dal Consiglio Superiore della Sanità


Il dott. Francesco Spatafora ripercorre i passaggi normativi e non che hanno preceduto il parere del CSS e avanza considerazioni e dubi


La Società scientifica, soddisfatta del parere, si dice pronta ad attivare iniziative a tutela della salute e sicurezza dei pazienti per il rispetto dei limiti sanciti dal CSS


Altri Articoli

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION