HOME - Approfondimenti
 
 
29 Ottobre 2014

Prima visita, l'importanza di una buona accoglienza da parte del personale di studio


Dopo aver analizzato i contatto telefonico ed evidenziato l'importanza di fare una buona, prima,  impressione, con questo approfondimento parliamo di accoglienza del paziente da parte dell'ASO.

L'accoglienza è una fase del processo di prima visita. Essa consiste principalmente nell'accogliere il paziente, aprendo la porta o lasciando accedere il paziente in sala d'attesa. Nel caso in cui al paziente sia  data facoltà di accesso alla sala d'attesa, è fondamentale che l'operatore di front office si alzi e vada a presentarsi in sala d'attesa al paziente, in nome e per conto dello studio.

Un sorriso, la mano tesa e la pronuncia del proprio nome con chiarezza, daranno l'impronta dello stile di comunicazione che lo studio adotta. Verificare il nome del paziente e la correttezza della sua collocazione ( giorno, ora, puntualità e  operatore destinato).
Consegnare l'informativa privacy e chiedere il consenso al trattamento dei dati. Raccogliere i dati anagrafici.

Secondo le decisioni della direzione si consegnerà la scheda anamnestica per la compilazione o si accompagnerà il paziente nella compilazione. L'anamnesi è un momento delicato, perché indaga la storia medica del paziente recente e remota e la storia familiare del paziente. Psicologicamente è un momento molto importante ed è fondamentale che l'operatore adotti toni e modi adeguati.. Se si sceglie di far compilare l'anamnesi al paziente in sala d'attesa, mettere a disposizione occhiali per le diverse necessità.

Se si sceglie di verificare, approfondire l'anamnesi con un operatore, è opportuno che questo aspetto avvenga nell'ambulatorio,in riservatezza. Ascoltando attentamente durante l'anamnesi, è possibile cogliere numerose informazioni sul tipo di percezione del paziente degli eventi riguardanti la sua salute, utili  per il percorso di cura. Sarà infine il medico responsabile dei processi clinici a verificare, approfondire e specificare eventuali aspetti della storia medica del paziente che prenderà in carico.

A cura di: Roberta Pegoraro, consulente aziendale per il settore sanitario


Sull'argomento leggi anche:

17 Ottobre 2014: Prima visita: il contatto telefonico. Come si deve comportare l'ASO


22 Ottobre 2014: La prima impressione è quella che conta, soprattutto durante la prima visita. L'importanza "dell'ambiente"

Articoli correlati

Da SIASO una utile raccolta dei protocolli operativi che l’ASO deve seguire durante la giornata di lavoro


La difforme interpretazione della norma degli Ispettori del lavoro crea problemi agli studi ed agli esperti di radioprotezione. La dott.ssa Rossetti chiede una presa di posizione ufficiale


Oggi, a differenza di quanto ero Ministro, ci sono le condizioni per proporre un modello di odontoiatria sostenibile che integri pubblico e privato, si potrebbero trovare i fondi necessari ed il...

di Norberto Maccagno


Molti i quesiti che abbiamo ricevuto dopo la pubblicazione della notizia della sentenza del tribunale di Ascoli Piceno. Li abbiamo girati alla dott.ssa Rossetti


Altri Articoli

Ogni anno la multinazionale con il Global Clinical Case Contest premia gli studenti di tutto il mondo per i loro rimarchevoli successi nel settore dell’odontoiatria estetica. ...


Pratica commerciale scorretta l’accusa dell’Antitrust. L’indagine era partita dalla denuncia di Altroconsumo 


La comunità scientifica e la politica si stanno interrogando. Ecco per quali categorie potrebbe diventare realtà il richiamo 


Sarebbero tra il decreto 101 rispetto alle indicazioni della Commissione Europea. L’esperto di radioprotezione Giancarla Rossetti le segnala al Ministro della Salute con la richiesta di annullare...


“Evidenziate le storture che da sempre l’Associazione denuncia perché penalizzano pazienti e medici. Serve una modifica legislativa del sistema” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio