HOME - Approfondimenti
 
 
10 Dicembre 2014

Rapporto Eures-CAO. Fiorile (AIO) da rivedere la programmazione e la formazione dei futuri odontoiatri


Ricca e interessante, Rapporto Eures presentata, conferma quanto da tempo AIO va dicendo e che è emerso in modo molto preciso in occasione del 4° Congresso politico che si è tenuto a Roma il 22 novembre scorso:

1. A fronte di un eccesso di professionisti evidente, (un dentista ogni 1000 abitanti contro il numero indicato ideale dall'Oms di uno ogni 2000 ab.), e di un'emigrazione professionale italiana che si sta evidenziando pari al 52% di tutti gli spostamenti di sanitari in Europa (dati usciti al congresso AIO), serve certamente mantenere una programmazione del numero attraverso una selezione che dovrebbe tendere a individuare i migliori candidati, cosa che gli attuali test non garantiscono. Sempre più, sarà importante avere medici che certamente conoscendo la "tecnica e la tecnologia",  dovranno ritornare ad avere "predisposizione all'ascolto" e attenzione alla "relazione medico paziente". Serve, accanto a quella scientifica, una preparazione umanistica dell'uomo-medico, che alcuni percorsi scolastici di scuola superiore possono meglio garantire. Pensare nella selezione ad un plus che favorisca i candidati che hanno frequentato un liceo classico o scientifico rispetto ad altre scuole, oltre ad individuare test che verifichino meglio la "vocazione" ad essere buon medico, potrebbero essere, ad esempio, direzioni su cui lavorare.

2. Oggi serve innanzitutto puntare sulla qualità della formazione che vuol dire, Dentisti laureati preparati dal punto di vista teorico e competenti dal punto di vista clinico. Oggi questo in Italia non è garantito se non in alcune eccellenze che non sono però la regola. Si deve pertanto puntare a chiudere alcune sedi universitarie magari accorpandole, per passare dalle attuali 34 sedi a 10-15 sedi max; un ottimo punto di partenza per fare economie di scala e creare occasioni nella ristrutturazione dei percorsi formativi. Quanto emerso dalla ricerca evidenzia come ci sia una significativa differenza, tra le valutazioni fatte dai docenti (sempre molto positive) rispetto a quelle dei neolaureati (in molti casi appena sufficienti) in merito alla qualità della formazione erogata dalle Università. L'indagine Eures evidenzia una certa autoreferenzialità dell'Università che non aiuta certo a migliorare le cose.

3. In entrambe le occasioni, Rapporto Eures e congresso AIO, purtroppo sono mancati i politici, (evidentemente non attratti?) da entrambe le manifestazioni istituzionali della professione. Professione che però si sta ricompattando e organizzando di fronte alla crisi legata alle opportunità di lavoro che non sono più garantite e ai rischi per il mantenimento di una qualità dell'Odontoiatria italiana. Le elezioni ordinistiche per le CAO provinciali che hanno evidenziato una forte partecipazione al voto, e la continua forte attività dei sindacati AIO e ANDI, sono la testimonianza che l'attenzione da parte degli Odontoiatri ai temi della professione è forte. Serve lavorare in sinergia! AIO é sempre stata di questa idea è sempre disponibile per parte sua, ma auspica lo stesso atteggiamento da parte di tutti gli attori.

Fausto Fiorile, Vicepresidente Nazionale AIO

Articoli correlati

I due sindacati odontoiatrici non parlano delle possibili modifiche ma si dicono fiduciosi e plaudono le Istituzioni per aver attivato un confronto per risolvere le criticità


Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra chi si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Fiorile, una norma che crea disagi ad anziani e famiglie e va nella direzione opposta chiesta da AIO


Per la presidente siciliana è il quarto mandato consecutivo. “Lavoreremo all’insega della continuità consolidando la nostra identità volta a promuovere l’aggiornamento su tutto il territorio...


Il presidente Fiorile annuncia un lavoro comune tra Sindacati e CAO per fare apportare le modifiche a quanto stabilito nell’ultima Finanziaria


Altri Articoli

ANDI in collaborazione con AIO, CAO, Fondazione ANDI, diffonde una guida pratica per odontoiatri e personale di studio condivise con il Ministero della Salute


Le misure da adottare in studio, la gestione dei pazienti, la comunicazione anche attraverso i social. Questa l’esperienza del presidente CAO Reggio Emilia Fulvio Curti


Le ordinanze a causa del coronavirus hanno costretto il SIASO e rimandar eil Congresso Nazionale programmato sabato 29 febbraio a Milano


Il past president UNIDI guiderà l’International Dental Manufacturer Association. Guarda la video intervista


Il Ministero ha rilasciato una circolare con alcuni chiarimenti sul COVID-19. Tra le indicazioni anche quelli su pulizia ambienti sanitari e non sanitari e le misure preventive


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni