HOME - Approfondimenti
 
 
17 Dicembre 2014

Il nostro volto  ci  svela  lo stato  di salute: Stereofotogrammetria  e  novità  nell'analisi antropometrica anche per il settore dentale


Le analisi quantitative del volto umano hanno sempre ottenuto molta attenzione da parte di scienziati, medici ed anche artisti. La forma del nostro volto viene analizzata oggi con tool matematici, software in 3D, analisi che possono identificare l'armonia muscolo-facciale e studiare passo passo lo sviluppo cranio-facciale e dei denti. Il nostro volto comunica non solo chi siamo, ma anche come siamo e se siamo in salute. Si possono valutare così le anomalie o le  modifiche che abbiamo dalla nascita o che subiamo con gli anni; si può prevenire o curare meglio la modalità di cura per una corretta masticazione e si è arrivati a calcolare dati che ci consentono di definire quali volti siano più sani e ben sviluppati nel loro equilibrio muscolo-scheletrico.  

"L'analisi antropometrica", dice il prof. Gianluca Tartaglia, della Clinica SST,"gioca un ruolo chiave nel nostro lavoro e ci consente di fare diagnosi accurate anche relative a diverse sindromi. Possiamo infatti valutare la crescita normale e anormale muscolo-facciale e dei denti ad essa correlati. Ciò ci consente anche di stimare quali siano i trattamenti più adeguati, sia chirurgici che ortodontici, per ogni singolo paziente e di valutarne i risultati. Ci sono oggigiorno una varietà di tecniche non invasive che permettono analisi facciali con una ricostruzione in tridimensione a supporto del nostro lavoro in odontoiatria quali  laser scanning,  ultrasuoni, risonanza magnetica, digitalizzazione a contatto e, infine, la stereofotogrammetria.

Quest'ultimo è il metodo più accurato  per la diagnosi e la cura dei pazienti. Consente di catturare differenti immagini del soggetto da angoli multipli e simultaneamente con un software dedicato digitale in 3D che riproduce l'immagine del paziente. La velocità di acquisizione dei dati riduce il problema di eventuali movimenti del soggetto e non c'è bisogno di un contatto diretto con la superficie facciale, il che evita modifiche anche dei tessuti molli che possono causare errori di corretta misurazione.  

La stereofotogrammetria è un metodo di rilevamento ottico basato sull'impiego di opportune coppie di fotogrammi relativi allo stesso oggetto, consentendone una accurata ricostruzione tridimensionale. E' un metodo molto affidabile che analizza le deformità cranio-facciali con precisione.
I vantaggi dei sistemi di stereofotogrammetria sono dovuti alla non necessità di contatto con la superficie cutanea del paziente ma anche alla immediatezza di analisi. E' uno strumento di diagnosi, documentazione clinica e simulazione terapeutica altamente affidabile.

E' facile immaginare l'affiancamento che potranno svolgere ulteriori sviluppi di software di imaging medicale, operanti a partire dalla stessa piattaforma tridimensionale, nell'attività quotidiana di  noi dentisti e dei chirurghi plastici, che ci consentirà sempre meglio di  poter anche prevedere come e in quale misura il nostro trattamento andrà ad inserirsi nel contesto morfo-funzionale dei pazienti". 

Nelle analisi medico-cliniche si utilizzano tre criteri: antropometrico (misure dirette), statistico (di analisi e confronto delle misure del singolo rispetto alle medie della popolazione) e funzionale (vincoli cinematici).


La stereofotogrammetria non ha controindicazioni, è non invasiva e veloce, offre una qualità superiore di immagini della superficie facciale da diversi punti di vista. E' un metodo non solo preciso ma che consente la ripetibilità di analisi e studi specifici sulla base delle differenze biologiche dei pazienti. Questo strumento va molto bene per bambini, disabili,  persone per le quali l'acquisizione dei dati muscolo-facciali  possa essere problematica.

L'associazione tra il modello dentale digitale e le immagini 3D del viso può consentire al clinico di analizzare le relazioni tra tessuti molli e arcate dentarie, evitando il più possibile il ricorso ai raggi X. Si possono effettuare anche valutazioni quantitative della morfologia labiale e peri-labiale in risposta ai cambiamenti della morfologia dentale. Differenti metodi per analisi tridimensionali sono stati sviluppati e studiati, ma in generale, il costo elevato, restringe il loro utilizzo nella pratica clinica.

Il volto umano insomma rappresenta il distretto corporeo più rappresentativo e caratterizzante dell'intera persona. Le principali funzioni dell'organismo, come la respirazione, l'alimentazione, la fonazione, i cinque sensi, devono necessariamente servirsi di questo distretto per potersi esprimere e funzionare al meglio. Attraverso di esso, inoltre, hanno luogo le azioni più importanti e peculiari di ogni essere umano: il riconoscimento, l'espressione mimica, la comunicazione sociale.

"Analizzare quantitativamente un volto," continua il prof. Gianluca Tartaglia," è una procedura che mettiamo tutti noi in atto pressoché quotidianamente, spesso in maniera inconsapevole. In campo medico, molti specialisti compiono lo stesso tipo di misurazioni, utilizzando tecniche che, per la loro accuratezza e precisione, rispecchiano i necessari criteri scientifici. In questo modo, chirurghi estetici, maxillo-facciali, otorinolaringoiatri, dentisti, chirurghi orali, ortodontisti possono sia documentare i casi clinici, sia confrontarli tra di loro, sia confrontare diverse immagini di uno stesso paziente, per esempio prima e dopo una determinata cura. La stereofotometria  sta rivoluzionando  in particolare l'approccio odontoiatrico. Le immagini svolgono un ruolo chiave a partire dalla diagnosi, dall'inquadramento nosologico, dalla comunicazione col paziente, per arrivare poi a documentare l'intero iter medico-chirurgico, in tutte le sue fasi, dall'intervento fino al follow-up. Una documentazione visuale efficace sarà sempre più utilizzata, in campo scientifico e comunicazionale, sia nel rapporto medico-paziente, sia nel rapporto dei medici tra loro".

Articoli correlati

Il 15 ottobre a Napoli il corso organizato dall'OMCeO partenopeo dal titolo “La violenza di genere nel sistema socio-sanitario: dall’identificazione dei sintomi alla risposta operativa"


L'Amministratore delegato, della società responsabile della pubblicità "Impianto dentale a 1 euro", ha inviato un email al presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di...


In Italia le professioni odontoiatriche appaiono in crisi? Oltreoceano la situazione sembra molto diversa: per il terzo anno consecutivo, infatti, i professionisti che si dedicano alla cura dentale...


Il Sen. Luigi Marino, relatore al DDL Concorrenza in discussione in Commissione Industria al Senato, ha pubblicamente espresso un giudizio negativo sull'inserimento dell'obbligo per le società...


Troppo spesso nel parlare di Ordini professionali, si riscontra una grande confusione terminologica che non consente di portare a conclusione un ragionamento chiaro e compiuto.Senza alcuna pretesa di...


Altri Articoli

Per i prossimi quattro anni l’Associazione Italiana Odontoiatri è stata riconosciuta come provider di crediti ADA CERP per altri quattro anni, fino al 2023


1200 ortodontisti e assistenti dentali Invisalign provenienti da tutta Italia si sono trovati a Torino per discutere e analizzare le esperienze cliniche


Il parere di OPI, l’associazione Odontoiatria Privata Italiana, su ruolo del sindacato ma anche sul potere contrattuale dei collaboratori nelle Catene ed altro ancora


Può rappresentare una valida alternativa ai farmaci per favorire la collaborazione del paziente o sostituire in alcuni casi la sedazione. Le potenzialità dell’ipnosi nell’esperienza del...


Si è spento il direttore della clinica odontoiatrica dell’Università dell’Insubria e dell'Ospedale di Varese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi