HOME - Approfondimenti
 
 
09 Febbraio 2015

Video, social media e content marketing per studi dentistici innovativi. L'esperienza, positiva, di uno studio odontoiatrico che ha raccolto in poche settimane 30 mila contatti


Fiducia nell'innovazione e nessuna paura di buttarsi a capofitto nei nuovi media, affidandosi a giovani professionisti. E' così che uno studio dentistico, "normale", ottiene visibilità e fa parlare di se positivamente, agendo con fare da grandi e senza adottare logiche di vendita diretta, grazie ad azioni di marketing coerenti con lo spirito e la reputazione di un medico che fa dell'aggiornamento costante e multidisciplinare il suo punto di forza.

Contenuti video non convenzionali e web marketing sulle piattaforme Social: questo il mix che lo Studio Dentistico Michele Bonfrate sta adottando per comunicare con i propri pazienti e acquisirne di nuovi.
Da questi presupposti è nata la campagna "Tutta un'altra storia", pianificata e sviluppata nei giorni precedenti il periodo natalizio, ha raggiunto a fine gennaio 90.000 utenti che hanno interagito con il sito web studiobonfrate.eu, la pagina Facebook e il canale YouTube dello studio. Il dato che maggiormente colpisce è il numero di visualizzazioni: oltre 30.000 su tutti i mezzi.

Il video (vedi sotto) è stato prodotto e realizzato da Elianto Film, giovane cooperativa di base a Milano.

"Dopo aver incontrato Michele che ci ha spiegato a fondo il suo metodo e il suo obiettivo di comunicazione, egli ci ha dato carta bianca per la realizzazione dell'audiovisivo", dice il regista Alessandro Maria Buonomo. "L'idea di partenza è ispirata dalle sensazioni comunemente associate al dentista: angoscia, paura, dolore, associata alla volontà di demolire il mito del dentista terrificante che non deve far più paura anzi. Inizialmente abbiamo pensato a un unico personaggio, con differenti problemi, che potessero risolversi nello stesso studio e al contempo prevedevamo un tono ironico, per sfruttare al meglio le pecularità di un canale distributivo come il web. Queste due intuizioni ci hanno portato a scegliere invece una bambina e il suo immaginario, che spesso fa proprio coincidere l'idea di paura con quella dei mostri. Spesso questi mostri hanno una serie di problemi come la gobba di Igor, il mal di testa di Frankenstein, i denti in cattivo stato di una strega o i canini troppo cresciuti di Dracula. Abbiamo reclutato questi mostri per raccontare la paura e la risoluzione della stessa con ironia ma senza banalità, con l'obiettivo di ribaltare il sentire comune e restituire un'immagine diversa dei servizi di un dentista, che possono, come in questo caso, andare molto oltre a quello che comunemente si immagina. Lo sguardo prima impaurito e poi sorridente della bambina racconta proprio tale mutamento. La scelta del tono ironico è ispirata anche dal clima che si respira nello studio del dott. Bonfrate: un ambiente di lavoro piacevole dove tutti si sentono coinvolti e nessuno ha difficoltà a mettersi a disposizione, a metterci la faccia. Michele e tutti i suoi collaboratori si sono messi in gioco e dal primo momento siamo stati in sintonia: anche Elianto Film parte dall'idea che le diverse professionalità debbano essere strettamente integrate e che la collaborazione sia il valore fondamentale a cui affidarsi per ottenere il miglior risultato possibile".

Cosimo D'Amicis ha curato la diffusione sul web del video.

"Dopo aver compreso la filosofia del dott. Bonfrate, ho capito che bisognava usare il video per emozionare le persone, incuriosire e riaccendere l'interesse attorno al nome del dottore. Sfruttando il coinvolgimento generato dal video, abbiamo raggiunto oltre 30.000 visualizzazioni di cui solo metà a pagamento. Il monitoraggio costante della campagna e dei risultati ha permesso di raffinare la profilazione del target (in partenza rappresentato dalla popolazione residente nella parte sud della Puglia) e di conseguenza ottimizzare estremamente la spesa: 1.300 € di budget suddivisi tra Facebook e Youtube per un costo di visualizzazione medio inferiore a 0,05 €". 

A questi si deve aggiungere il costo della produzione del video, in questo caso il budget era di circa 5mila euro.

"L'applicazione di metodi di analisi statistica unita a un video di qualità eccelsa e alla pluriennale esperienza di Michele che ha fornito preziose indicazioni sul mercato e dei clienti -continua D'Amicis- ha permesso di ottenere risultati molto interessanti sotto il profilo del controllo costi. I dati di consultazione del sito hanno fatto emergere l'estrema importanza del traffico proveniente da smartphone e tablet: i tempi di permanenza e il numero di pagine lette per visita dopo l'applicazione di un layout compatibile sono triplicati. Notevole anche il traffico proveniente dai Social grazie alla campagna, allineato in qualità e quantità a quello proveniente dalla ricerca organica di Google, la fonte di utenti più nobile in assoluto. Questa è la dimostrazione che un'adeguata gestione dei Social e della linea editoriale permettono di raddoppiare il risultato derivante dall'investimento che si fa sul sito e sulla content strategy. Al momento siamo in fase di "coda lunga": abbiamo riportato lo studio sul palcoscenico del web con la campagna video; tramite azioni di e-mail e content marketing sfrutteremo la potenza di contenuti specifici e appositamente strutturati per canalizzare traffico sempre più qualificato verso il sito del dentista. Ultima cosa ma non meno importante e di vitale importanza per la buona riuscita della campagna, è il riverbero sugli organi di stampa. Occasioni uniche come questa evidenziano e premiano gli sforzi di chi non si arrende, rischia e innova continuamente, come il dott. Bonfrate. Non c'è soddisfazione più grande per un professionista del marketing di mostrare i risultati ottenuti e di poter essere di ispirazione per altri committenti e operatori del settore".

"Se guardo agli anni passati e alle cose fatte, posso affermare che il percorso che ha orientato la mia crescita culturale, mi ha spinto a esplorare territori a quel tempo sconosciuti, dove il sapere odontoiatrico si è confrontato e alle volte fuso con discipline che pensavo lontane dall'odontoiatria classica: omeopatia, kinesiologia applicata, osteopatia, trager, energie sottili ed altro ancora", dice il dott. Michele Bonfrate (nella foto). "Tutto ciò mi ha arricchito e trasformato. E ha modificato sia il mio atteggiamento verso il lavoro sia le procedure operative strettamente tecniche".

"Però oggi mi chiedo se il tipo di comunicazione che ho utilizzato fino a ieri e che si basava soprattutto sul passaparola, può ancora essere efficace. I miei pazienti, soprattutto quelli nuovi che voglio raggiungere, come possono sapere che il mio sforzo culturale e di innovazione tecnica non viene meno,  nonostante la grave situazione economica che il paese sta attraversando? L'incontro con Rodrigue Mathieu e l'applicazione dei principi dell'OSB (Organizzazione Spaziale della Bocca), un metodo globale di lettura e intervento sulle patologie del cavo orale, mi hanno ispirato a ideare, con l'aiuto di giovani esperti del WEB, una campagna pubblicitaria che diffondesse nel modo più appropriato i concetti  del metodo OSB".
"Mi preme dire ai colleghi -conclude Bonfrate- che chiudersi nel proprio mondo ed economizzare sull'aggiornamento e il confronto con i nuovi mezzi di comunicazione è una scelta suicida. Chi vuole "sopravvivere" e ripartire, deve prepararsi soprattutto culturalmente,  per trasformarsi e diventare nuovi e moderni".

Articoli correlati

Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Probabilmente il corpo umano, macchina perfetta, non è proprio studiata al meglio per sopportare il carico di movimenti ripetitivi, che in un odontoiatra professionista si protraggono per...