HOME - Approfondimenti
 
 
31 Marzo 2015

Allarme radiografia dal dentista dall'ultimo film di Castellito. Polimeni: non esiste nessun pericolo ma utilizzate l'esame diagnostico solo se necessario


Da qualche settimana è nelle sale cinematografiche il nuovo film di Sergio Castellito "Nessuno si salva da solo" tratto dal libro scritto dalla moglie, Margaret Mazzantini, (Mondadori editore 2011)

Delia (Jasmine Trinca) e  Gaetano (Riccardo Scamarcio), i protagonisti del film, si incontrano per una cena durante la quale discuteranno di come far trascorrere l'estate ai bambini. I due sono da poco separati.
La cena occupa l'intero svolgimento del film, continui flashback ripercorrono la vita dei protagonisti, dall'entusiasmo dei primi anni di vita in comune, all'insorgere dei primi problemi, fino alla separazione.

Il sorriso ha un ruolo importante nel film, Delia ha in passato sofferto di anoressia che ha anche rovinato il suo sorriso; ben visibili le tipiche erosioni da vomito sugli incisivi inferiori molto ber riprodotte dai truccatori.

Un episodio che ha fortemente influito sui rapporti tra Delia e Gaetano è stato l'aborto a cui Delia è stata costretta quando era incinta del terzo figlio. Delia si decide  a farsi curare i denti, con la contrarietà di Gaetano, i cui ricordi dei primi baci erano legati all'imperfezione dei denti di Delia.
Il dentista, all'oscuro della gravidanza in quanto non comunicato -nonostante Delia lavori nel campo della sanità- esegue le radiografie senza protezione, così si rende necessario l'aborto per evitare pericoli di malformazioni. Almeno così viene motivato nel film.

Proprio questo aspetto del film deve aver colpito alcuni spettatori se è vero, come ci hanno segnalato dei lettori di Odontoaitria33, che alcuni pazienti si sono informati, preoccupati, prima di sottoporsi ad un esame radiografico.

Abbiamo scritto alla Mazzantini per capire come mai avesse scelto questo fatto per giustificare un aborto, ma la sua assistente personale ci ha risposto che l'autrice è all'estero e non poteva rilasciare l'intervista.

Ma è pericoloso per una futura mamma sottoporsi ad una radiografia ai denti, e questa può provocare una malformazione al feto?

"Assolutamente no", dice ad Odontoaitria33 la prof.ssa Antonella Polimeni, professore ordinario dell'Università La Sapienza e componente del Gruppo tecnico sull'Odontoiatria presso il Ministero della Salute che ha recentemente licenziato le "Raccomandazioni per la promozione della salute orale in età perinatale".

"Possiamo tranquillizzare la nostre pazienti che le misure diagnostiche, comprese le radiografie, possono essere intraprese in modo sicuro. Comunque vi sono delle precauzioni che possono essere adottate".

Consigliato non eseguire radiografie durante il primo trimestre e comunque ridurre "al necessario" le indagini radiografiche nel corso di tutta la gravidanza. Consigliabile anche l'utilizzo di teli protettivi da posizionare sull'addome della gestante.

"La comunità scientifica -continua la prof.ssa Polimeni- indica che la soglia di pericolosità durante la gravidanza si raggiunge con almeno 3-4 tac o 10-20 radiografie a livello addominale o lombare, che quindi investono direttamente il feto. Il valore di una rx ednorale è ridottissima".

"Chiarito questo -conclude la prof.ssa Polimeni- il consiglio è quello di eseguire una indagine radiografica, su qualsiasi paziente, solo quando questa è realmente necessaria".

Articoli correlati

Il monitoraggio a lungo termine delle condizioni dei tessuti molli e duri perimplantari è una parte cruciale nel raggiungimento del successo implantare. La precisa valutazione...

di Lara Figini


La radiografia periapicale è utilizzata come strumento di indagine primaria in endodonzia, sia per la diagnosi che per la valutazione dell'esito di una terapia endodontica. Ma...

di Simona Chirico


Negli ultimi anni l'evoluzione della diagnostica radiologica e della relativa strumentazione ha avuto un grandissimo miglioramento sia qualitativo sia quantitativo. In particolare negli ultimi 15...


Se dal punto di vista clinico abbiamo visto che la vicenda raccontata nel film "Nessuno si salva da solo" di Sergio Castellito, legata ad una radiografia eseguita nello studio odontoiatrico, non...


Altri Articoli

Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni