HOME - Approfondimenti
 
 
06 Maggio 2015

Medicina estetica: l'odontoiatra può svolgere interventi in autonomia. Da Consensus Conference  Poiesis un documento di intenti sottoscritto da dentisti e medici estetici


I trattamenti estetici del terzo medio del volto sono di competenza dell'odontoiatra che può  trattarli un assoluta autonomia.
A ribadire la posizione contraria a quanto espresso dal Consiglio Superiore di Sanità, con il parere del 17 settembre scorso, è Poiesis -società scientifica che si occupa di medicina estetica- che ha promosso un documento sottoscritto dalle principali società scientifiche e sindacati in ambito della medicina estetica e dell'odontoiatria durante Consensus Conference dal titolo "Odontoiatria e Medicina Estetica: competenza dell'odontoiatra".

"L'esigenza di fare chiarezza su questo argomento è stata da sempre, per Poiesis, fondamentale", spiega Ezio Costa, Presidente POIESIS.
"Il recente parere del Consiglio Superiore di Sanità -continua- ha non poco disorientato i medici odontoiatri, creando una situazione d'insicurezza assolutamente non giustificata. Il parere del CSS suppone, nella sua interpretazione, degli importanti limiti all'attività di medicina estetica per il medico odontoiatra: limiti che andrebbero ad inficiare la capacità terapeutica che il medico odontoiatra dovrebbe poter, con competenza, esercitare verso i propri pazienti".

Numerosi i relatori invitati all'evento tra i quali, esponenti di spicco dell'odontoiatria legale e odontologia forense italiana; i rappresentanti dei sindacati di categoria ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani), AIO (Associazione Italiana Odontoiatri), SUSO (Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia), CAO (Commissione Albo Odontoiatri), i rappresentanti di società scientifiche e scuole di formazione SIOF (Società Italiana di Odontoiatria Forense che riunisce medici-legali, odontologi forensi e giuristi), SIMEO (Associazione Italiana Medicina Estetica Odontoiatrica), AIME (Associazione Italiana Medicina Estetica), AMPIS (Aesthetic Medicine Practical Italian Society); i rappresentanti di Università sede di Master o di Corsi di perfezionamento in medicina estetica per odontoiatri: Foggia, Chieti, Genova, Camerino, Roma Sapienza.

Tre i punti fondanti del documento redatto che punta a tracciare le linee di una moderna odontoiatria:

1) L'odontoiatria è istituita professione medica e pertanto il Medico Odontoiatra esegue tutti gli step
dalla diagnosi alla cura delle patologie e dei dismorfismi del distretto di competenza, in autonomia
decisionale, secondo scienza e coscienza;

2) L'estetica è parte del benessere della persona e come tale costituisce parte integrante dell'atto
medico;

3) In accordo con le premesse enunciate fin qui risulta particolarmente privo di fondamento
giuridico l'invito rivolto ai medici odontoiatri ad eseguire trattamenti secondo criteri di accessorietà
o seguendo le limitazioni imposte da una sorta di mansionario.

I firmatari del documento non concordano con il parere del Consiglio Superiore di Sanità in quanto da una parte ammette la piena legittimità dell'odontoiatra a svolgere terapie con finalità estetica ma dall'altra limita queste alla necessità che siano finalizzate alla cura odontoiatrica e limitate alla zona labiale escludendo mascellare e relativi tessuti.


Sull'argomento leggi anche:

6 ottobre 2014: Trattamenti estetici possibili anche nello studio odontoiatrico: parere favorevole del Consiglio Superiore di Sanità ma con limitazioni

7 ottobre 2014: Interventi di medicina estetica, quelli possibili per l'odontoiatra dopo il parere del CSS. Il parere di Marco Scarpelli odontologo forense

9 ottobre 2014: POIESIS contro il parere del CSS. Costa: stiamo valutando azioni legali contro Ministero e CSS

4 Maggio 2015: Medicina estetica, AIO: legge 409 abilita gli odontoiatri a tutte le tipologie di cura di denti, bocca, mascelle e relativi tessuti

Articoli correlati

Con il presidente SIMEO proviamo a fare il punto sulle applicazioni pratiche del parere fornito al Ministero dal Consiglio Superiore della Sanità


Il dott. Francesco Spatafora ripercorre i passaggi normativi e non che hanno preceduto il parere del CSS e avanza considerazioni e dubi


La Società scientifica, soddisfatta del parere, si dice pronta ad attivare iniziative a tutela della salute e sicurezza dei pazienti per il rispetto dei limiti sanciti dal CSS


Nuovo parere sul tema che ribadisce quanto già indicato nel 2014 ma meglio, definendo le aree anatomiche di intervento, auspicando l’inserimento della materia nel percorso formativo.


ANDI, POIESIS e SIMEO lo ritengono un passo avanti, ma sottolineano che non basta: “la strada da percorrere è ancora molta”


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi