HOME - Approfondimenti
 
 
20 Maggio 2015

Cure odontoiatriche all'estero. Gli italiani le guardano con attenzione ma per ora non le hanno utilizzate


L'Unione Europea, dopo quella realizzata nel 2007, ha commissionato una nuova indagine per valutare la situazione dell'assistenza sanitaria transfrontaliera dopo l'applicazione della direttiva che permette ai cittadini dell'Unione di recarsi all'estero, in determinate condizioni, per effettuare le cure.

L'indagine è stata condotta attraverso intervite telefoniche verso 27.868 cittadini Europei, 1.019 gli italiani sentiti.
Il sondaggio, principalmente, esplora quanti europei hanno ricevuto cure mediche in un altro Paese dell'UE nel corso dell'ultimo anno e cerca di capire quanti sarebbero disposti a farlo.

I dati, pubblicati sul sito dell'UE nei giorni scorsi, contemplano,anche, le cure odontoiatriche.

I cittadini che desiderano recarsi in Paese della UE diverso da quello di residenza in prevalenza lo farebbero per curarsi dal cancro (53%), da malattie cardiache (38%), per cure odontoiatriche (28%), per trattamenti diagnostici (26%), per un intervento di protesi all'anca o al ginocchio (19%), per interventi oculistici (17%).

Per quanto riguarda le cure odontoiatriche sono i cittadini irlandesi (62%) a dichiarare la volontà di rivolgersi ad un dentista di un altro Paese, seguiti dagli austriaci (57%), e tedeschi (48%).
Più fedeli i cittadini bulgari (solo il 7% ha dichiarato di essere disposto rivolgersi ad un dentista in un altro Stato), quelli ungheresi (8%) ed i polacchi (9%).

Per quanto riguarda gli italiani, il 25% si dichiarano disposti a tradire l'italico dentista, mentre il 58,4% si recherebbe all'estero per effettuare cure oncologiche, il 38% per quelle cardiologiche, il 19% per effettuare esami diagnostici.

Questo per quanto riguarda le intenzioni, ma gli italiani all'estero a farsi curare ci sono andati?

L'8% ha dichiarato di esserci andato per cure programmate da tempo mentre il 4% per cure non programmate. Non è disponibile il dato sui cittadini italiani che si sono recati all'estero per le cure odontoiatriche.

Nello specifico gli italiani sarebbero disposti a recarsi all'estero per ricevere cure non disponibili nel nostro Paese (67%), per ricevere cure di qualità migliore (55%), per ricevere cure da uno specialista rinomato (42%), per ricevere cure con tempi di attesa più ridotti (31%), per ricevere cure più economiche (14%).
 
Norberto Maccagno

Articoli correlati

Dalla CAO informazioni verso i rischi e uno sportello di consulenza a disposizione dei cittadini per ottenere informazioni e consulenza anche su eventuali azioni legali da intraprendere 


Contestati dalla Guardia di Finanza reati fiscali ad un imprenditore romagnolo che organizzava da oltre 15 anni, viaggi in Croazia


Pollifrone evidenza a Il Messaggero i rischi ed informa di un caso di decesso sospetto


Una ricerca neozelandese ha cercato di individuare le principali cause d’insuccesso


Tra i punti interessanti della ricerca di Altroconsumo sul turismo odontoiatrico c'è quello, forse scontato, che permette di conoscere i motivi che spingono a varcare l'italica frontiere e...


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Il presidente Landi su Open Access Government: la pandemia può essere un’opportunità per favorire l’accesso alle cure odontoiatriche e ripensare il futuro del settore


ANTLO incaricata dalla Regione di raccogliere i dati di tutti i titolari di laboratorio, socie e dipendenti inserendoli nel sistema di prenotazione della Regione


L’Associazione Odontoiatria Privata Italiana scrive la Ministro Speranza: ''mettiamo a disposizione i nostri studi quali ulteriori punti di vaccinazione''


Entro fine mese si devono comunicare i dati del 2020 secondo le vecchie disposizioni, ma per il 2021 la comunicazione diventa mensile e con più dati da inserire


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta