HOME - Approfondimenti
 
 
01 Luglio 2015

Il rapporto paziente dentista secondo la giurisprudenza. Fino a che punto il paziente può decidere che cura accettare e quando il dentista può rifiutarsi?


Le recenti sentenze che hanno condannato dentisti per un "difficile" rapporto con i propri pazienti che non avevano permesso di effettuare le cure come andavano fatte, hanno fatto molto discutere.

Odontoiatria33 ne ha parlato con il prof. Paolo Mnestiroli Medico Chirurgo, Specialista in Odontostomatologia, Titolare per Affidamento Insegnamento di Medicina Legale C.L.I.D. Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano.

Prof. Monestiroli, come va considerato il rapporto paziente dentista, soprattutto quando ad essere curati sono i minori?

Il rapporto che contrae l'odontoiatra con il paziente o i genitori del paziente minore, come specificato da Fabrizio Montagna e Coll. nel testo " La responsabilità nella professione odontoiatrica" è fiduciario e di natura contrattuale (Art.2222-2238c.c. Contratti d'opera intellettuale).

L'oggetto della prestazione è finalizzato dalla definizione di una diagnosi e dall'esecuzione di una terapia e, attraverso un obbligazione di soli mezzi, al conseguimento della guarigione del paziente.

Tale obbligazione insorta con il contratto d'opera può estinguersi in vari modi. Uno di questi risiede nell'impossibilità sopravvenuta per causa non imputabile al debitore, per recesso unilaterale dal contratto per giusta causa(art. 1373c.c.) ipotesi in cui si applica una compensazione tra parcella e prestazione.

Quali possono essere i motivi della giusta causa?

Tra i motivi della Giusta Causa per recedere dal contratto per il professionista sono ricomprese aperte manifestazioni di sfiducia, mancato rispetto degli appuntamenti, mancato pagamento degli onorari da parte del paziente, sopravvenuta impossibilità all'esecuzione dell'opera per fattori estrinseci dovuti a mutate condizioni orali del paziente.

Come può tutelarsi il dentista?

L'odontoiatra, come più volte sottolineato, dovrà basare il rapporto con il proprio cliente-paziente sulle informazioni continuative rilasciando la documentazione come fondamento della congruità degli interventi comprese le informazioni come fondamento della relazione con l'obbiettivo della tutela della salute del proprio paziente.

Da ultimo l'odontoiatra dovrà accertarsi che dalla sospensione del rapporto fiduciario con il paziente non derivi un danno, segnalando e riportando in cartella clinica o in una apposita lettera di dimissioni, la necessità di proseguimento delle terapie presso altro curante rilasciando, come anticipato, documentazione e relazione clinica sulle cure prestate.

Sull'argomento leggi anche:

23 Giugno 2015: Il dentista è responsabile anche del lavoro fatto dal precedente dentista, se decide di prendere il carico il paziente. I consigli del medico legale su come tutelarsi

5 Giugno 2015: Trattamento ortodontico. Denti cariati a fine terapia perché il paziente non rispetta le indicazioni sull'igiene orale. Il responsabile è comunque il dentista

Articoli correlati

Pubblicato uno dei primi lavori europei riguardante l’impatto che il Covid-19 ha avuto sugli odontoiatri. Ricerca condotta grazie alla collaborazione tra Federazione Regionale degli Ordini...


Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Altri Articoli

La medicina è donna, l’odontoiatria ci sta arrivando ma la politica della professione è ancora in mano solo agli uomini con il rischio che le scelte che saranno fatte,...

di Norberto Maccagno


Il rapporto WHO che riconosce la salute orale come "parte integrante del benessere generale della persona"


Fra le principali richieste dell'Associazione: protezione legale e miglioramento al programma di protezione dei compensi


Introdotti nel nuovo impianto contrattuale strumenti capaci di fronteggiare la continua evoluzione del mercato del lavoro 


Fondazione ANDI organizza lunedì 8 marzo un webinar sull’importanza della prevenzione e dell’intercettazione precoce del fenomeno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP