HOME - Approfondimenti
 
 
13 Luglio 2015

Io mi sono diplomato in .... Le scelte ed i commenti di 6 odontoiatri "conosciuti" in tema di diploma di scuola media superiore


Dai dati del MIUR emerge che sono prevalentemente i diplomati al Liceo Scientifico ad entrare alla facoltà di odontoiatria.

Odontoiatria33 ha chiesto a 5 laureati conosciuti laureati in odontoiatria ed al presidente AISO, quali fossero state le loro scelte e se si erano pentiti.

Fabio Carboncini, Presidente AIOP: Liceo Scientifico

Ho fatto lo Scientifico, anche se avrei voluto fare il Classico. Ma il classico era a Siena e lo scientifico a Colle Val d'Elsa e i miei genitori, nonostante avessero entrambi la maturità classica, preferivano "tenermi sotto controllo". Inoltre, essendo entrambi laureati in materie scientifiche, erano convinti che mi sarebbe stato più utile per ciò che avrei voluto fare dopo, il dentista come avevo deciso fin da piccolo.

Allo Scientifico ottenni costantemente risultati eccellenti in latino e inglese ed ebbi la conferma che la mia attitudine principale era proprio per le lingue, ma me la cavai discretamente anche nelle materie scientifiche. Devo riconoscere che le nozioni di matematica, biologia, fisica e chimica apprese al liceo furono fondamentali per passare, quarto su cinquecento, l'esame di ammissione alla facoltà di odontoiatria, istituita proprio nell'anno in cui presi la maturità. Formazione acquisita che risultò essere molto utile anche per superare, senza troppa fatica, alcuni degli esami del primo biennio del corso di laurea. A posteriori credo di aver fatto una buona scelta. L'unica cosa che veramente mi dispiace è non aver studiato il Greco classico, ma non è mai troppo tardi per rimediare...

Pierluigi Delogu, Presidente AIO: Liceo Classico

Ho il diploma di maturità classica. Ritengo che sia stata un ottima base per affrontare l'impegno universitario. Inoltre mi ha consentito di avere una cultura base di tipo umanistico che si è rivelata molto utile per leggere e analizzare i fatti quotidiani, le dinamiche sociali, ma anche avere una buona capacità relazionale con i pazienti e una visione più completa degli stessi. Un approccio a tutto tondo e non solo basato sugli aspetti tecnico-pratici. Se non avessi fatto il classico l'altra scelta sarebbe stata liceo scientifico.

Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33: Liceo Classico

Io ho fatto il Liceo Classico. Rifarei questa scelta perchè è soprattutto una scuola di vita e ti insegna un metodo di studio che può essere applicabile per qualsiasi scelta possa essere fatta successivamente.

Di sicuro il Liceo Scientifico sarebbe stato più indicato ma in realtà per le materie scientifiche che ci sono ad odontoiatria, anche la preparazione data in questo senso al classico è sufficiente, inoltre il Greco può tornare utile per la terminologia medica.. Io ho trovato più complesso il Liceo Classico di Odontoiatria.

Emilio Fiorentino, Presidente AISO: Liceo Scientifico

Ho conseguito la maturità scientifica nel 2008. Il Liceo Scientifico mi ha fornito una buona preparazione di base, nonostante questo non sono riuscito a superare il test di ammissione al primo tentativo. Ricordo che sei anni fa il test non era nazionale, quindi anche se, con un punteggio pari o superiore alle soglie di altre facoltà, i posti alla Federico II erano 16 e nonostante lo scorrimento ed un punteggio di circa 47-48 non riuscii ad essere ammesso ad odontoiatria. A prescindere da ciò, ritengo che il liceo scientifico sia una scuola che riesce a formare e preparare uno studente al test d'ammissione. L'unica alternativa valida, a mio parere, al liceo scientifico (o al liceo classico che prepara in maniera altrettanto valida, forse compensando matematica e fisica con più cultura generale) potrebbe essere l'istituto tecnico di biotecnologie sanitarie, ma è solo una mia ipotesi, non avendolo frequentato. Tornando indietro, sceglierei sempre e comunque il liceo scientifico.

Gianfranco Prada, Presidente Nazionale ANDI: Liceo Scientifico

Ho conseguito la maturità scientifica al Liceo "Paolo Giovio" di Como, uscito con 60/60 e certamente è stata un'ottima preparazione.

Ritengo che la preparazione di un liceo, soprattutto in quei tempi dove gli ordinamenti prevedevano sostanzialmente solo licei ed istituti professionali sia stata fondamentale, sia per la mia formazione generale che per affrontare il test di accesso.

Chiaramente c'è sempre stata una certa disputa tra Classico e Scientifico per l'aspetto della formazione generale.

A Como però il Liceo Classico era frequentato soprattutto dai "borghesi" ed era una scuola considerata più "seria" dello Scientifico, dove era invece molto più forte era la contestazione contro il sistema (erano gli anni 1975/80) e spesso si facevano scioperi ed autogestioni.

Ritengo comunque che l'importante è avere i docenti giusti che sappiamo insegnarti a studiare. Per me il Liceo Scientifico è stato utile sia per la formazione umana (ho avuto professori molto validi) sia per affrontare bene il corso universitario e soprattutto le materie scientifiche del primo anno (Fisica, Chimica, Biologia, Istologia,..).

Raffaele Sodano, Segretario AIO: Liceo Scientifico

Ho frequentato il Liceo Scientifico, mi sono diplomato con 60/60esimi nel 1983. Le domande del test di ammissione (le materie erano Matematica, Chimica, Fisica e Biologia) erano perfettamente allineate con i programmi scolastici svolti, per questo ritengo il percorso formativo offerto dallo scientifico soddisfacente per affrontare le domande proposte nel test di ammissione senza troppa fatica, di rendita. Il dato, però, di maggiore vantaggio? I 60/60esimi! Senza aver messo penna su foglio avevo già in tasca 30 punti (al tempo il voto di maturità faceva punteggio al fine dei test) Fatto 100 il massimo dei punti ottenibili, 70 era il valore derivante dalle 70 domande e 30 quello derivante dal voto dell'esame di maturità. Ma..... ma ancor meglio si potrebbe fare se, atteso che il "sistema" prepari o distrattamente produca il presupposto per un bel ricorso, si investisse in un idoneo legale per un fantastico ricorso dal quale partire per una fantastica sanatoria. Oppure... oppure estero! Con ampia scelta di sfumature a seconda del grado di sforzo economico per la famiglia e di impegno per lo studente...

Raccontaci la tua esperienza e come la pensi sulla nostra pagina Facebook

Articoli correlati

Secondo la ricerca effettuata dall'istituto Dotto Formazione di Torino, di cui Odontoaitria33 vi aveva dato informazione, sono i licei a dare una migliore preparazione per accedere ai corsi di laurea...


I probiotici, microrganismi, che l’Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto come capaci di conferire beneficio per la salute quando somministrati in dosi sufficienti, stanno...


L’epatite C (HCV) è un’infezione virale che colpisce una stima di 71 milioni di persone in tutto il mondo, con oltre 1 milione di nuove infezioni ogni anno. La prevenzione...

di Lara Figini


La parodontite è una malattia infiammatoria cronica derivante da un’infezione opportunistica del biofilm di placca endogena. La parodontite colpisce oltre il 50% degli adulti...

di Giulia Palandrani


L'osteointegrazione di un impianto necessita di alcuni mesi di guarigione, come minimo, e questo periodo, che richiederebbe il non immediato inserimento dei denti, viene quasi...

di Lara Figini


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni