HOME - Aziende
 
 
23 Febbraio 2016

Premio Listerine 2015. Vince l'Università di Trieste

Premio Listerine 2015

Da sinistra: dott.ssa Erika Russi, prof. Mario Giannoni, dott.ssa Angelica Severin, prof. Foglio Bonda, dott. Gianluca Campus, dott.ssa Giulia Mazzotti, dott.ssa Renata VecchiatiniDa sinistra: dott.ssa Erika Russi, prof. Mario Giannoni, dott.ssa Angelica Severin, prof. Foglio Bonda, dott. Gianluca Campus, dott.ssa Giulia Mazzotti, dott.ssa Renata Vecchiatini

Sabato 20 febbraio, nel corso di una giornata di approfondimento scientifico, si è tenuta la cerimonia di assegnazione del Premio Listerine 2015, andato, per il decimo anno consecutivo, alle due migliori tesi di laurea in Igiene Dentale aventi come tema l'"Igiene orale". La consegna del Premio si è tenuta quest'anno a Novara, ospitata dall'Università del Piemonte Orientale presso l'Aula Magna dell'ex Caserma Perrone.

In apertura dei lavori si è unito ai saluti della professoressa Sandra Brunelleschi, presidente del Corso di Studi in Igiene Dentale dell'Università del Piemonte Orientale, ospite della giornata, il professor Mario Giannoni, Presidente della Commissione Nazionale dei CSID.

Il Premio è stato consegnato dal dottor Gianluca Campus, Professional Marketing Manager di Johnson & Johnson. Un ringraziamento particolare, oltre che all'azienda Johnson & Johnson per il costante impegno nel sostenere l'iniziativa, è stato rivolto al professor Pier Luigi Foglio Bonda e all'intera commissione di valutazione per il rigoroso lavoro svolto in fase di lettura delle tesi candidate. Anche in occasione di questa edizione del Premio è stato sottolineato l'impegno delle sedi universitarie e dei laureati per la qualità delle tesi, che hanno confermato il trend di crescita delle ultime edizioni.

A seguire le due tesiste, accompagnate dalle rispettive relatrici, la dottoressa Erika Russi e la dottoressa Renata Vecchiatini, hanno presentato i risultati dei loro lavori: la dottoressa Angelica Severin dell'Università degli Studi di Trieste, risultata la prima classificata con la tesi intitolata "Relazione tra salute orale e aprassia costruttiva in pazienti anziani ospedalizzati: studio osservazionale" e la dottoressa Giulia Mazzotti dell'Università degli Studi di Ferrara che si è classificata seconda con la tesi "Impatto del trattamento parodontale non chiururgico in una popolazione di pazienti affetti da disordini onco-ematologici".

Fra gli applausi del pubblico, le vincitrici hanno dimostrato l'elevato livello sia dell'insegnamento sia dell'attività di ricerca portata avanti dagli atenei italiani e come sia importante in tal senso il sostegno delle aziende quando, come in questo caso, agiscono nel rispetto della piena autonomia dei singoli atenei.

In chiusura dei lavori, il professor Foglio Bonda, confermato presidente della commissione di valutazione del Premio Listerine 2016, ha annunciato la pubblicazione del bando della nuova edizione in occasione del prossimo Collegio dei Docenti che si terrà a Roma dal 14 al 16 aprile pv.

L'appuntamento per la cerimonia di premiazione del Premio Listerine 2016 è invece per sabato 18 febbraio 2017 a Trieste.

A cura di: Ufficio Stampa

Articoli correlati

“Premio per la miglior ricerca clinica presentata nel campo della biologia peri-implantare”: è il riconoscimento attribuito dalla European Academy for Osseointegration (EAO), la società...


Entro il 16 settembre si devono presentare i lavori


aziende     13 Giugno 2018

Premio Colgate 2018

Da sinistra, M. Rossini, vice presidente della commissione nazionale dei CSID, M. Giannoni, presidente della commissione nazionale dei CSID, Rossella Lapalorcia, Professional Business Manager Colgate-Palmolive Italia

Vince un progetto dell’Università Politecnica delle Marche


cronaca     25 Maggio 2018

Premio Listerine 2018

Pubblicato il bando della tredicesima edizione


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni