HOME - Aziende
 
 
10 Ottobre 2017

Continua il sostegno della Eklund Foundation alla ricerca. Anche nel 2017 i progetti italiani tra i premiati

Premio Eklund Foundation

Nel 2015, in concomitanza al 50° anniversario di TePe, la famiglia Eklund ha donato 5,4 milioni di Euro alla nuova fondazione Eklund Foundation, istituita per supportare la ricerca e l'educazione in campo odontoiatrico.

L'idea di riconoscere e stimolare la ricerca odontoiatrica è stata per lungo tempo interesse della famiglia Eklund e nel 2015 questo interesse ha preso forma. La Eklund Foundation in primis ha distribuito e distribuirà i fondi per la ricerca e l'educazione che incoraggiano lo sviluppo della conoscenza in ambito orale.

"La fondazione è un modo per dimostrare il nostro apprezzamento e creare qualcosa che contribuirà alla conoscenza e allo sviluppo in campo odontoiatrico per molti anni a venire. Siamo felici di poter contribuire oggi ad importanti ricerche odontoiatriche", commenta Joel Eklund, Presidente della Eklund Foundation e CEO TePe Munhygienprodukter AB.

Ci fa piacere sottolineare che tra i numerosi e meritevoli progetti provenienti da tutto il mondo, ben due di quelli premiati nel 2016 erano di ricercatori italiani e tra i progetti premiati nel 2017 troviamo nuovamente un progetto di ricerca italiano. Si afferma ancora una volta una proficua collaborazione tra Italia e Svezia dove viene dato valore all'odontoiatria italiana su scenario internazionale. Il gruppo di ricerca premiato per il lavoro "Peri-implant disease in elderly population: epidemiology and treatment strategy of an emerging problem", proviene dall'Università di Padova ed è rappresentato da Riccardo Guazzo, Luca Sbricoli, Michele Stocchero ed Eriberto Bressan (nella foto).

"Perché la scelta di questo argomento?" abbiamo chiesto al gruppo di ricerca dell'Università di Padova.

"La scelta di approfondire il tema del mantenimento implantare è iniziata qualche anno fa ed è originata da una serie di constatazioni cliniche. Viviamo un'epoca in cui la terapia implantare è ampiamente utilizzata e ci stiamo rendendo conto di come il mantenimento e la prevenzione delle complicanze siano la chiave per il successo a lungo termine. Alcune circostanze possono rendere complicato il mantenimento di una adeguata igiene orale ed è per questo che siamo interessati ad approfondire la realtà di questi pazienti che da anni utilizzano una riabilitazione supportata da impianti" affermano.

Alla domanda "Cosa rappresenta un riconoscimento come quello ricevuto dalla Eklund Foundation per l'avviamento della vostra ricerca?" il gruppo di ricerca ci risponde:

"Eklund Foundation è per noi sinonimo di una realtà che crede nella ricerca scientifica volta al miglioramento della qualità di vita dei pazienti. Il riconoscimento ricevuto ha un duplice significato: prima di tutto è la conferma che la strada che stiamo percorrendo è condivisa a livello internazionale e che c'è reale interesse nel migliorare costantemente la salute orale dei pazienti. In secondo luogo, questo riconoscimento rappresenta "l'innesco" per dare inizio alla realizzazione concreta dello studio. Grazie al sostegno della Fondazione siamo in grado di dare seguito a questo progetto con l'obiettivo di raccogliere delle conoscenze che possano poi essere condivise dal mondo scientifico."

A cura di: Ufficio Stampa TePe

Articoli correlati

Nel mese di maggio attivo il sito per presentare i progetti


La Fondazione Eklund ha annunciato i 4 candidati selezionati per ricevere i fondi per quest'anno. Tra le candidature provenute da nazioni di tutto il mondo, quattro meritevoli progetti di ricerca in...


Il progetto ANDI, Fondazione ANDI e Mentandet dedicato alla prevenzione orale dei più piccoli si arricchisce di nuovi materiali fruibili da bambini con DSA e barriere linguistiche in famiglia


Primo elenco dei progetti sovvenzionati e date per presentare le domande al nuovo bando per la ricerca finanziato dalla Fondazione Nakao


Altri Articoli

ePur legittimando l’obbligo vaccinale, i Giudici rilevavo differenti trattamenti tra chi svolge l’attività come autonomo e chi come dipendente. Dubbi anche sulla sospensione dall’Albo


La pandemia ha ampliato gli adempimenti burocratici per lo studio odontoaitrico, per il dott. Cirulli la morte da burocrazia si evita con strategia mirate ed efficaci


Sulla base di studi epidemiologici condotti negli ultimi cinquant’anni, la prevalenza di ASD sembra aumentare a livello globale ma i pazienti con diagnosi di ASD non differiscono dagli altri per...


Le indicazioni per provider e discenti. Confermato il numero di crediti triennali da raccogliere e la possibilità di recuperare parte dei crediti mediante l’autoformazione


E’ mancato all’affetto dei suoi cari il prof. Nicola Gagliani, papà di Massimo docente presso l’Università di Milano, Coordinatore scientifico dell’area odontoiatrica del Gruppo...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi