HOME - Aziende
 
 
17 Maggio 2018

Capire il grado di rischio dello studio in tema di privacy

Compilando una checklist online è possibile avere una autovalutazione sul rischio


Dal 25 maggio 2018 diventa applicativo il General Data Protection Regulation, il cui approccio è basato sul rischio, sul principio di responsabilizzazione, (Accountability) e su un sistema sanzionatorio modulare. 

Per assolvere al principio di responsabilizzazione è necessario verificare il livello di adeguatezza del sistema di gestione dei dati in essere. 

Checklegal.org è uno strumento che consente, compilando online un questionario, di ottenere una autovalutazione del livello di adeguatezza al Nuovo Regolamento UE 2016/769 in modo da poter attivare gli strumenti e le iniziative necessarie. Rispondendo alle domande sullo studio, la clinica (che vertono sugli aspetti fondamentali del GDPR) il tool stima il profilo di rischio associato al fatturato in base alla percentuale di sanzione massima, (4%) e attribuendo una percentuale per i danni patrimoniali (sanzione inflitta dal Garante a risarcimento dell’interessato) e di immagine, (reputazionali di perdita di una eventuale certificazione di qualità) il tool stima l’importo dei danni.  L’esito del questionario, identifica l’ambiente in cui è presente il rischio, la lista delle raccomandazioni da seguire e calcolo del rischio totale maturato in quell’ambiente. 

A quel punto chiama a raccolta le persone interessate dei trattamenti e grazie all’esito del questionario si organizza per un piano di adeguamento. 

Per informazioni a questo link. 

Articoli correlati

Utilizzare strumenti di telemedicina per “visitare” a distanza i propri pazienti può costituire una violazione della privacy, servono ulteriori consensi? Il parere del Garante 


Nessun problema di privacy per il triage effettuato prima della visita. Nel caso di un paziente con sintomi, allo studio non spetterebe il compito di comunicarlo ad Enti preposti alla salute pubblica


Dura presa di posizione della CAO Nazionale. D’Agostino: i dentisti devono poter tutelare pazienti e gli stessi operatori


Le considerazioni del presidente CAO di Cuneo su privacy e ruolo dell’odontoiatra in questo momento di “crisi” sanitaria


Anche Windows 7 è andato in pensione, ma è obbligatorio passare al sistema operativo più recente? Questi i doveri secondo il GDPR sulla privacy


Altri Articoli

La fotografia della sanità integrativa per le cure odontoiatriche attraverso i numeri e le criticità per pazienti e dentisti e la proposta di spostare i 4 miliardi di defiscalizzazione per...


Corsi di aggiornamento gratuiti per l’aggiornamento obbligatorio. Possono aderire gli ASO dipendenti degli studi odontoiatrici aderenti a Fondoprofessioni.


Bilancio dell’Ente previdenziale di medici e dentisti sugli aiuti erogati ed alcune precisazioni utili per chi non li ha ricevuti ma ancora potrebbe


Ricercatori italiani hanno misurato l’incidenza della carie sulla base degli indicatori economici e sociali. L’Italia retrocede rispetto ad altri Pesi europei. Prof.ssa Strohmenger: “servono...


Faranno parte della CAO provinciale anche Raimondo Raffaele, Gemelli Andrea, Noce Daniele,Tomasin Lisa


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio