HOME - Aziende
 
 
17 Maggio 2018

Capire il grado di rischio dello studio in tema di privacy

Compilando una checklist online è possibile avere una autovalutazione sul rischio


Dal 25 maggio 2018 diventa applicativo il General Data Protection Regulation, il cui approccio è basato sul rischio, sul principio di responsabilizzazione, (Accountability) e su un sistema sanzionatorio modulare. 

Per assolvere al principio di responsabilizzazione è necessario verificare il livello di adeguatezza del sistema di gestione dei dati in essere. 

Checklegal.org è uno strumento che consente, compilando online un questionario, di ottenere una autovalutazione del livello di adeguatezza al Nuovo Regolamento UE 2016/769 in modo da poter attivare gli strumenti e le iniziative necessarie. Rispondendo alle domande sullo studio, la clinica (che vertono sugli aspetti fondamentali del GDPR) il tool stima il profilo di rischio associato al fatturato in base alla percentuale di sanzione massima, (4%) e attribuendo una percentuale per i danni patrimoniali (sanzione inflitta dal Garante a risarcimento dell’interessato) e di immagine, (reputazionali di perdita di una eventuale certificazione di qualità) il tool stima l’importo dei danni.  L’esito del questionario, identifica l’ambiente in cui è presente il rischio, la lista delle raccomandazioni da seguire e calcolo del rischio totale maturato in quell’ambiente. 

A quel punto chiama a raccolta le persone interessate dei trattamenti e grazie all’esito del questionario si organizza per un piano di adeguamento. 

Per informazioni a questo link. 

Articoli correlati

Luca è un dentista titolare di un piccolo studio di provincia, Anna (entrambi i nomi sono di fantasia) è la sua assistente: in studio sono solo loro due. Dal 15 ottobre prossimo, per via di...

di Norberto Maccagno


Il Garante risponde alla CAO di La Spezia e chiarisce che in tema di vaccinazione l’Ordine può raccogliere il dato anche in assenza di consenso dell’iscritto


Il dott. Mele commenta la motivazione data dal Garante alla pubblicazione del nome del dentista che avrebbe violato la privacy chiedendo al paziente se fosse sieropositivo e poi rifiutandosi di...


Il Garante: è un effetto dell'applicaizone della sanzione accessoria della pubblicazione prevista nell'ordinanza d'ingiunzione


Nelle settimane in cui, in Italia, la questione dell'omotransfobia è tornata ad animare lo scontro politico, il tema delle discriminazioni tocca anche il settore dentale. Almeno così era...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Aperte le preiscrizioni al Master universitario di 1° livello organizzata dal COI con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino che si terrà a partire da...


Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Lutto nell’odontoiatria piemontese e nel mondo ordinistico per l’improvvisa scomparsa del presidente CAO del Verbano Cusio Ossola Claudio Buffi (nella foto) deceduto sabato scorso per un...


La sospensione è dal lavoro non dall’Ordine. Per i Giudici l’Ordine deve esclusivamente comunicare l’atto ricevuto dall’ASL e non adottare una delibera del Consiglio


A darlo per possibile il quotidiano online Huffington Post. Proposta accolta con soddisfazione dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio