HOME - Aziende
 
 
19 Giugno 2019

Italiani ancora poco consapevoli dei disturbi del cavo orale. Al via la campagna informativa “e tu di che dente sei?”


Gengive irritate, dolore acuto quando addentiamo qualcosa di molto freddo o molto caldo, carie: sono questi i disturbi più frequenti del cavo orale tra gli italiani. 
È quanto emerge da una ricerca dell’IstitutoGfK commissionata da GSK Consumer Healthcare e realizzata su un campione di 2.000 italiani, secondo la quale 8 intervistati su 10 dichiarano di soffrire di tali problematiche. Lo studio ha preso in considerazione elementi come la diffusione dei disturbi, la conoscenza di queste tematiche e la consapevolezza delle modalità di prevenzione, mettendo in luce quanto sia necessario e fondamentale informare ed educare alla prevenzione.  

Tra i disturbi del cavo orale, che secondo la ricerca colpiscono circa 30 milioni di italiani, la gengivite si colloca al primo posto e interessa il 47% degli intervistati, seguita dalla sensibilità dentinale con il 34%, problemi di placca e tartaro che coinvolgono il 42%, carie per il 29%, e problemi di alitosi riconosciuti dal 29% degli intervistati. 
Ma le percentuali di gengivite e sensibilità dentale crescono rispettivamente al 65% e 48% nel momento in cui vengono suggeriti i sintomi dei disturbi, segno che sono in molti a non sapere riconoscere il problema.  

Ancora oggi infatti persiste una scarsa conoscenza dei disturbi del cavo orale, cui si accompagna poca disposizione da parte degli italiani ad informarsi adeguatamente e approfondire i propri problemi rivolgendosi ad uno specialista – dentista, igienista dentale o farmacista (solo il 57% lo fa). 

Per favorire una maggior consapevolezza sui disturbi della bocca prende il via “E tu di che dente sei?”, un’iniziativa di informazione e sensibilizzazione sulla salute orale realizzata da GSK Consumer Healthcare, una delle principali aziende a livello mondiale nei settori dell’automedicazione e della salute orale. L’iniziativa, che prevede un’attivazione su diversi canali offline e online nei mesi di giugno, luglio e agosto, inviterà gli Italiani a riflettere sulla propria salute orale e scoprire come riconoscere, prevenire e intervenire sui disturbi della bocca. 

“Da sempre, GSK Consumer Healthcare è seriamente impegnata nell’educazione e sensibilizzazione sulla prevenzione dei disturbi del cavo orale e sull’impatto che la salute della bocca ha sul benessere generale delle persone – ha affermato Julien Pennaforte, Direttore Marketing GSK Consumer Healthcare Italia – L’iniziativa “E tu di che dente sei?” è un esempio concreto del nostro costante impegno per informare il pubblico e invitarlo a riflettere sulla condizione di salute della propria bocca”. 

Attraverso la distribuzione di materiali informativi e di brevi questionari, l’iniziativa “E tu di che dente sei?” accompagnerà il pubblico alla scoperta dei sintomi e delle cause principali dei disturbi più comuni e fornirà i primi suggerimenti per affrontarli – anche attraverso l’utilizzo di rimedi specifici – invitando a rivolgersi ad uno specialista per gli approfondimenti necessari e l’individuazione dei rimedi più appropriati.Inoltre, c’è un’opportunità in più: acquistando due prodotti per la salute orale GSK Consumer Healthcare – di cui un dentifricio – e seguendo le istruzioni indicate, sarà possibile vincere ogni giorno un buono spesa del valore di  €100. 

Saranno coinvolte nell’attività le principali insegne della grande distribuzione e circa 3.000 studi dentistici in tutta Italia dove saranno disponibili leaflet informativi sull’importanza della salute della bocca e della prevenzione, con focus su sensibilità dentale, disturbi gengivali e carie. 

Al sito www.scopridichedentesei.it, il pubblico avrà l’opportunità di approfondire le proprie conoscenze sui disturbi del cavo orale,  di imparare a riconoscerli e prevenirli quotidianamente e attraverso visite regolari e periodiche presso gli specialisti. 

A cura di: Ufficio Stampa

Articoli correlati

Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


È ormai assodato che le nuove tecnologie implanto-protesiche possano riformare i processi decisionali e istruire flussi di lavoro assolutamente innovativi, da cui discende la...


Lavorare in Olanda può essere un’opportunità per i dentisti italiani, ci sono solamente 3 Università e il numero di dentisti neolaureati non è sufficiente a coprire la domanda di cure...


Fondazione Querini Stampalia

Il 2° Simposio Internazionale Gardalaser – dal titolo “Laser e odontoiatria d’eccellenza: lo stato dell’arte e prospettive future” – avrà luogo a Venezia il 20 e 21...


aziende     17 Giugno 2019

Global Clinical Case Contest

Dentsply Sirona ha presentato i risultati dell’edizione 2018/2019 del Global Clinical Case Contest, il concorso universitario mondiale che Dentsply organizza ogni anno, dal...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi