HOME - Aziende
 
 
03 Luglio 2012

Sweden & Martina investe nel futuro: la conquista dei mercati internazionali

Comunicato stampa

Sono trascorsi 40 anni da quando Sandro Martina costituì una prima società unipersonale, attiva poco oltre i confini della provincia di Padova; da allora con rapidissima evoluzione la società ha vissuto una lunga serie di successi in Italia per superare finalmente i confini nazionali con risultati altrettanto sorprendenti.

Così nel 2007 Sweden & Martina ha aperto le porte a rapporti di distribuzione in molteplici Paesi, primi fra tutti il Portogallo, la Turchia, la Slovenia, la Croazia e la Spagna, dove nel 2008 ha costituito la prima filiale a Valencia, che oramai annovera 35 collaboratori e che vanta un fatturato di 5 milioni di Euro nel 2011; Sweden & Martina oggi varca i confini del Vecchio Continente per stringere rapporti commerciali e scientifici con validissimi partner asiatici.
Certamente si deve riconoscere a Sweden & Martina di avere un occhio molto attento alle richieste merceologiche, alla semplificazione delle procedure chirurgiche, all'aggiornamento scientifico, ai movimenti dei mercati nonché alle singole esigenze di ciascun mercato. Non solo: per conquistare un distributore quale è Daishin in Giappone doveva necessariamente esserci qualcosa in più, come ha raccontato il Presidente Nakajima in un'intervista rilasciata di recente.

Daishin è un partner tanto importante quanto "impegnativo": una missione verso la formazione del tutto confrontabile con quella di Sweden & Martina, una struttura commerciale capillarmente distribuita per una copertura totale del territorio giapponese, un fatturato annuo di 50 milioni di dollari e una pregressa esperienza di 18 anni quale distributore dei sistemi implantologici Straumann. Ciò naturalmente sta suscitando l'interesse di alcuni altri distributori in Asia, con i quali Sweden & Martina sta affrontando nuove trattative per la distribuzione dei suoi sistemi implantologici.

Ma riassumiamo i punti di forza che stanno accompagnando questi successi a livello internazionale:
uno scambio didattico-scientifico grazie al quale sono già in pista numerose date di seminari a Singapore (mèta di accademici e liberi professionisti implantologi provenienti da tutto il sud-est Asiatico), in Giappone e in Turchia (mercato in fortissima espansione, soprattutto in ambito implantologico), in aggiunta all'usuale fitto calendario di appuntamenti formativi internazionali e nazionali;  un confronto regolare, in Italia e nei vari Paesi interessati, tra i professionisti che oggi promuovono l'utilizzo dei sistemi implantologici Sweden & Martina in Europa e coloro che saranno deputati a farlo in futuro nei propri Paesi di origine;
la costante ricerca di soluzioni che semplifichino il lavoro di chirurghi e protesisti;  il regolare aggiornamento dei risultati scientifici (i due volumi SCIENTIFICA editi nel 2010 e 2011 raccolgono tutta la bibliografia internazionale esistente sui sistemi implantologici Sweden & Martina);
una flessibilità interna che tipicamente manca alle altre multinazionali e che consente di plasmare prodotti, procedure e soluzioni con estrema rapidità in funzione delle specifiche richieste dei diversi mercati.

Anche in Europa e in Medio Oriente si stanno concretizzando varie opportunità di espansione: da poco più di un anno è attiva una efficace organizzazione di vendita diretta in Francia, mentre è in corso di definizione una rete distributiva in Germania; infine è stato siglato un accordo con uno dei maggiori distributori in Iran, Paese che vanta un importante potenziale di crescita in implantologia, in particolare verso le tecniche di riabilitazione estetica.
Per tutto questo ci vuole l'idea propulsiva, ci vuole grinta, ci vogliono uomini e donne di serie A che lavorino senza sedersi, con professionalità e con passione. Sweden & Martina è pronta e guarda sempre avanti.

Articoli correlati

Focus sulle giornate romane di odontoiatria protesica Sweden & Martina


Non c'era nulla fuori posto, al Palazzo della Ragione, nelle tre giornate che hanno ospitato in un contesto architettonico straordinariamente emozionante una serie di relazioni scientifiche capace di...


Il caso presenta la riabilitazione di un premolare superiore interessato dal fallimento di un trattamento endodontico in una paziente donna di 37 anni, non fumatrice e con una buona igiene.A seguito...


In un panorama saturo di offerte è difficile per un professionista scegliere come crescere e quali argomenti approfondire. Ma c'è un appuntamento immancabile, capace di offrire scienza...


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni