HOME - Chirurgia Orale
 
 
28 Febbraio 2006

Anchiloglossia: aspetti clinici e tecnica chirurgica. Caso clinico

di G. Sammartino, O. Trosino, A.E. Di Lauro, E. Gentile, G. Marenzi


Gli Autori, dopo una breve valutazione dei quadri clinici legati all’anchiloglossia, prendono in esame alcune tecniche chirurgiche di frenulectomia linguale. L’estrema variabilità clinica della compromissione funzionale linguale ha generato una varietà di tecniche chirurgiche, che mirano a ridare un’adeguata mobilità alla lingua compatibile con le sue molteplici funzioni. Ancora oggi non esistono linee guida comportamentali per la valutazione della reale necessità di un trattamento chirurgico. Gli Autori suggeriscono alcuni parametri clinici ritenuti di maggiore rilevanza che possono aiutare il clinico a orientarsi sull’opportunità di una risoluzione chirurgica dell’anchiloglossia. Vengono descritte alcune delle modalità chirurgiche per una corretta asportazione del frenulo linguale. È tuttavia convinzione degli Autori che il trattamento dell’anchiloglossia non sia esclusivamente chirurgico, ma deve avvalersi anche di altre competenze specialistiche (foniatrica, logopedica) per il suo corretto trattamento.   

Ankyloglossia: clinical features and surgical treatment
After a short evaluation of its clinical features the authors review some surgical treatments of ankyloglossia. Wide variability of tongue functional impairment occurring with ankyloglossia has led to many surgical techniques aiming to restore its mobility. Unfortunately evaluating the real need of this surgical treatment is still a decision not based on any approved guideline. The Authors suggest some clinical parameters that may help the clinician to decide if a surgical treatment of ankyloglossia is justified. Some surgical techniques are described for a correct removal of lingual frenulum. However, the Authors are convinced that ankyloglossia should not be treated by surgery alone but by a more comprehensive approach involving other medical specialists such as speech therapists.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Napoli "Federico II"
Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche e Maxillo-Facciali - Scuola di Specializzazione in Chirurgia Odontostomatologica - Direttore: prof. G. Sammartino
Cattedra di Chirurgia Speciale Odontostomatologica - Titolare: prof. F. di Lauro

Italian Oral Surgery 2006; 1: 5-9

Articoli correlati

La deglutizine spontanea è un atto riflesso, innato, inconscio, incondizionato, è presente alla nascita insieme alla respirazione e al riflesso per la protezione delle vie respiratorie. Questo atto...


Il diastema è definito come uno spazio, o gap, più o meno ampio tra due denti consecutivi ed è un disturbo comune. È improbabile che un diastema mediale mascellare (MMD)...

di Lara Figini


Introduzione¦ Si definisce frenulo una plica mucosa che collega le labbra o la lingua alla mucosa alveolare. È costituito da tessuto connettivo fibroso rivestito da epitelio pavimentoso non...


Il lavoro è volto, in una prima parte, all’analisi delle determinanti anatomiche della lingua che siano utili al chirurgo orale per un intervento risolutivo dell’anchiloglossia; in una seconda...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi