HOME - Chirurgia Orale
 
 
19 Marzo 2018

Influenza della modalità di scollamento di un lembo spostato coronalmente nell’ottenimento di una copertura radicolare completa

Studio del San Raffaele vince il premio Goldman


Nel corso del XX Congresso Nazionale della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), tenutosi a Rimini dal 14 al 17 Marzo, è stato assegnato il prestigioso premio Goldman per la miglior ricerca clinica al dott. Marco Clementini, assegnista di ricerca dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano.  

La ricerca vincitrice, coordinata dal prof. Massimo de Sanctis, titolare della Cattedra di Parodontologia dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano (nella foto con il prof. Enrico Gherlone), si pone nell’ambito della chirurgia mucogengivale per la copertura delle recessioni gengivali, ed ha voluto indagare, con una metodologia di studio randomizzato, l’influenza della modalità di scollamento di un lembo spostato coronalmente nell’ottenimento di una copertura radicolare completa e quindi di un grado di soddisfazione migliore per il paziente.  

Attualmente infatti sono note e validate dalla letteratura diverse metodiche di esecuzione del lembo spostato coronalmente.

Nel 2007 è stata pubblicata dal prof. Massimo de Sanctis (insieme al Prof. Giovanni Zucchelli, dell’Università di Bologna) una variazione della tecnica chirurgica originale, che prevedeva, tra le varie modifiche, una elevazione del lembo a spessore misto (parziale delle papille chirurgiche, totale della parte centrale del lembo, e quindi di nuovo parziale nella zona apicale alla linea mucogengivale). Tuttavia, fino ad oggi, non vi era stato nessuno studio che mettesse a confronto la tecnica classica (eseguita con una elevazione della totalità del lembo a spessore parziale) con la sua variazione introdotta nel 2007.  

I risultati dello studio, presentati in occasione della sessione dedicata al Premio Goldman, hanno mostrato come l’elevazione di un lembo a spessore misto (secondo la tecnica di “De Sanctis & Zucchelli”), probabilmente per il mantenimento del periostio all’interno del lembo nella parte elevata a spessore totale, effettivamente portino a miglior risultati in termini di copertura radicolare completa.  

“I risvolti clinici -spiegano i ricercatori- di questa ricerca sono numerosi, e si collocano non solo nella risoluzione chirurgica delle recessioni gengivali, ma anche nel trattamento dei tessuti molli intorno agli impianti, che negli ultimi anni sta acquisendo sempre maggiore importanza”.

Articoli correlati

Semplicità è la parola chiave della nuova gamma di micromotori per implantologia e chirurgia orale sviluppata da Bien-Air Dental


I terzi molari, o denti del giudizio, normalmente erompono tra i 17 e i 26 anni e poiché sono gli ultimi denti a entrare in arcata in un’elevata percentuale di casi non trovano...

di Lara Figini


Le suture sono il dispositivo medico più utilizzato per la chiusura delle ferite.Analogamente ad altri materiali impiantati nel corpo umano, i materiali da sutura sono considerati...

di Giulia Palandrani


La batteriemia è il passaggio di batteri nel flusso sanguigno in modo transitorio, intermittente o continuo. Le estrazioni dentali sono le procedure chirurgiche orali con il...

di Lara Figini


Le lesioni al nervo alveolare inferiore (IAN) sono purtroppo complicanze non trascurabili in chirurgia orale e maxillo-facciale e possono incorrere durante trattamenti quali la...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


Circolare FNOMCeO su novità dalla finanziaria. La Federazione mettere in guardia medici e dentisti sui rischi di non avere in studio il Pos


L’imprenditrice Canegrati condannata a 12 anni, pene minori per gli altri imputati. Il sen. Rizzi e l’odontoiatra Longo avevano già patteggiato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni