HOME - Chirurgia Orale
 
 
19 Marzo 2018

Influenza della modalità di scollamento di un lembo spostato coronalmente nell’ottenimento di una copertura radicolare completa

Studio del San Raffaele vince il premio Goldman


Nel corso del XX Congresso Nazionale della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), tenutosi a Rimini dal 14 al 17 Marzo, è stato assegnato il prestigioso premio Goldman per la miglior ricerca clinica al dott. Marco Clementini, assegnista di ricerca dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano.  

La ricerca vincitrice, coordinata dal prof. Massimo de Sanctis, titolare della Cattedra di Parodontologia dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano (nella foto con il prof. Enrico Gherlone), si pone nell’ambito della chirurgia mucogengivale per la copertura delle recessioni gengivali, ed ha voluto indagare, con una metodologia di studio randomizzato, l’influenza della modalità di scollamento di un lembo spostato coronalmente nell’ottenimento di una copertura radicolare completa e quindi di un grado di soddisfazione migliore per il paziente.  

Attualmente infatti sono note e validate dalla letteratura diverse metodiche di esecuzione del lembo spostato coronalmente.

Nel 2007 è stata pubblicata dal prof. Massimo de Sanctis (insieme al Prof. Giovanni Zucchelli, dell’Università di Bologna) una variazione della tecnica chirurgica originale, che prevedeva, tra le varie modifiche, una elevazione del lembo a spessore misto (parziale delle papille chirurgiche, totale della parte centrale del lembo, e quindi di nuovo parziale nella zona apicale alla linea mucogengivale). Tuttavia, fino ad oggi, non vi era stato nessuno studio che mettesse a confronto la tecnica classica (eseguita con una elevazione della totalità del lembo a spessore parziale) con la sua variazione introdotta nel 2007.  

I risultati dello studio, presentati in occasione della sessione dedicata al Premio Goldman, hanno mostrato come l’elevazione di un lembo a spessore misto (secondo la tecnica di “De Sanctis & Zucchelli”), probabilmente per il mantenimento del periostio all’interno del lembo nella parte elevata a spessore totale, effettivamente portino a miglior risultati in termini di copertura radicolare completa.  

“I risvolti clinici -spiegano i ricercatori- di questa ricerca sono numerosi, e si collocano non solo nella risoluzione chirurgica delle recessioni gengivali, ma anche nel trattamento dei tessuti molli intorno agli impianti, che negli ultimi anni sta acquisendo sempre maggiore importanza”.

Articoli correlati

L’allungamento di corona è una delle procedure chirurgiche di più frequente utilizzo durante la pratica clinica parodontale. è una tecnica che consente di evitare una...

di Edoardo Mancuso


Le suture sono il dispositivo medico più utilizzato per la chiusura della ferita. Lo scopo principale della sutura è quello di controllare il sanguinamento nell’immediato...

di Lara Figini


Immagine di archivio

La rimozione chirurgica dei terzi molari mandibolari è uno dei trattamenti più frequentemente eseguito dai chirurghi orali, e nonostante l’ampio ricorso a procedure...

di Lara Figini


Una metodica per affrontare con sicurezza e con minore invasività la chirurgia orale e implantare. Ne abbiamo parlato con il dott. Angelo Cardarelli


La rimozione chirurgica dei terzi molari inferiori impattati o semi-impattati è una procedura di routine invasiva, eseguita da chirurghi orali e maxillo-faciali, che coinvolge...

di Lara Figini


Altri Articoli

Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


Il dott. Campolongo ripercorre i commenti al DiDomenica sulla programmazione dei posti ad odontoiatria e porta il suo tentativo di sintesi che passa, anche, dal potenziamento dell’odontoiatria...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION