HOME - Chirurgia Orale
 
 
19 Marzo 2018

Influenza della modalità di scollamento di un lembo spostato coronalmente nell’ottenimento di una copertura radicolare completa

Studio del San Raffaele vince il premio Goldman


Nel corso del XX Congresso Nazionale della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), tenutosi a Rimini dal 14 al 17 Marzo, è stato assegnato il prestigioso premio Goldman per la miglior ricerca clinica al dott. Marco Clementini, assegnista di ricerca dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano.  

La ricerca vincitrice, coordinata dal prof. Massimo de Sanctis, titolare della Cattedra di Parodontologia dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano (nella foto con il prof. Enrico Gherlone), si pone nell’ambito della chirurgia mucogengivale per la copertura delle recessioni gengivali, ed ha voluto indagare, con una metodologia di studio randomizzato, l’influenza della modalità di scollamento di un lembo spostato coronalmente nell’ottenimento di una copertura radicolare completa e quindi di un grado di soddisfazione migliore per il paziente.  

Attualmente infatti sono note e validate dalla letteratura diverse metodiche di esecuzione del lembo spostato coronalmente.

Nel 2007 è stata pubblicata dal prof. Massimo de Sanctis (insieme al Prof. Giovanni Zucchelli, dell’Università di Bologna) una variazione della tecnica chirurgica originale, che prevedeva, tra le varie modifiche, una elevazione del lembo a spessore misto (parziale delle papille chirurgiche, totale della parte centrale del lembo, e quindi di nuovo parziale nella zona apicale alla linea mucogengivale). Tuttavia, fino ad oggi, non vi era stato nessuno studio che mettesse a confronto la tecnica classica (eseguita con una elevazione della totalità del lembo a spessore parziale) con la sua variazione introdotta nel 2007.  

I risultati dello studio, presentati in occasione della sessione dedicata al Premio Goldman, hanno mostrato come l’elevazione di un lembo a spessore misto (secondo la tecnica di “De Sanctis & Zucchelli”), probabilmente per il mantenimento del periostio all’interno del lembo nella parte elevata a spessore totale, effettivamente portino a miglior risultati in termini di copertura radicolare completa.  

“I risvolti clinici -spiegano i ricercatori- di questa ricerca sono numerosi, e si collocano non solo nella risoluzione chirurgica delle recessioni gengivali, ma anche nel trattamento dei tessuti molli intorno agli impianti, che negli ultimi anni sta acquisendo sempre maggiore importanza”.

Articoli correlati

I denti sovrannumerari hanno una frequenza di sviluppo, nella dentizione permanente, compresa tra lo 0,15% e il 3,9% nei caucasici e superiore al 3% negli individui di razza...

di Lara Figini


I dentisti, così come i chirurghi orali, rappresentano una categoria indiscutibilmente molto esposta a svariate malattie infettive professionali, a causa delle procedure dentali...


Immagine d'archivio

In uno studio in vitro, pubblicato su Oral Surgery gli autori hanno confrontato la preparazione del sito implantare ottenuta mediante un sistema di frese rotanti a paragone con quella ottenuta...

di Lara Figini


Salvare i denti anteriori è obbligatorio non solo per ragioni estetiche ma anche per i grandi problemi che una soluzione protesica o implantologica implica. Ecco perché la...

di Massimo Gagliani


Il trapianto di un dente da un sito all’altro nello stesso paziente, chiamato autotrapianto, rappresenta oggi una tecnica ben documentata che dovrebbe essere considerata come...

di Lara Figini


Altri Articoli

Documento INAIL fornisce indicazioni sulle corrette procedure di utilizzo dei termometri infrarossi senza contatto, utilizzati per il controllo della temperatura corporea 


Anche le spese per le cure odontoiatriche concorreranno al numero di acquisti minimi necessari per ottenere il contributo del 10%. Al via la sperimentazione per il periodo natalizio. 


Finto dentista multato anche per non aver rispettato le norma anti Covid, ora al vaglio la situazione fiscale


L’American Dentist Association ha chiesto al Center for Disease Control and Prevention di includere gli odontoiatri fra i professionisti della salute a cui verrà somministrato il vaccino contro...


Il Consiglio generale della Confederazione ha eletto la nuova giunta esecutiva per il prossimo quadriennio. Alla vice presidenza il notaio Claudia Alessandrelli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali