HOME - Chirurgia Orale
 
 
23 Aprile 2018

Lesioni iatrogene del nervo alveolare inferiore e linguale

Le conseguenze sulla vita dei pazienti

di Lara Figini


La lesione del nervo alveolare inferiore e linguale è una delle conseguenze più problematiche delle procedure chirurgiche dentali, con conseguenze significative per i pazienti e importanti implicazioni medico-legali. La causa più comune di lesione del nervo alveolare inferiore (IAN) e del nervo linguale (LN) è la chirurgia del terzo molare, seguita dall’esecuzione dell’anestesia tronculare e dal posizionamento di impianti.

L'incidenza della lesione temporanea del nervo linguale LN con durata di massimo 1 giorno dopo l'intervento chirurgico del terzo molare varia dallo 0,4% all'1,5%, mentre l'incidenza della lesione di questo nervo persistente per più di 6 mesi varia dallo 0,5% fino al 20% nei casi di lembi linguali. L'incidenza della lesione temporanea del nervo alveolare inferiore IAN fino a 7 giorni di durata dovuta alla chirurgia del terzo molare varia dall’1 al 5%, mentre la lesione persistente di IAN (oltre i 6 mesi) varia dallo 0,0% allo 0,9%.

La lesione di IAN permanente causata dalle manovre di anestesia tronculare è molto meno frequente (≤0,01%), mentre l'incidenza di lesioni IAN permanenti associate al posizionamento di impianti varia dallo 0% al 40%. Le lesioni nervose di questi due nervi provocano alterazioni della sensazione e/o dolore che possono interferire con le funzioni quotidiane come parlare, mangiare, spazzolare i denti e bere; di conseguenza, molti pazienti che hanno subito tali lesioni riportano una qualità della vita significativamente ridotta (QoL) e questo può portare a sviluppare anche problematiche psicologiche.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

Uno studio pubblicato recentemente su Oral Surgery ha indagato quanto e come la lesione dei nervi LN e IAN di ordine iatrogeno interferisse sulla qualità della vita dei pazienti colpiti. Gli autori hanno condotto un’indagine mediante questionario su 30 pazienti che frequentavano una clinica specializzata in lesioni nervose al Manchester Dental Hospital indagando quanto il danno orale influisse sul rendimento giornaliero (ODIP). Ogni intervista è stata registrata e le risposte sono state analizzate tematicamente.

Risulta

18 pazienti avevano subito una lesione del nervo alveolare inferiore e 12 al nervo linguale. La maggior parte dei soggetti ha riportato di avere subito alterazioni sociali e di relazione, alterazioni della capacità di mangiare e di gustare il cibo. Tali lesioni sono risultate influenzare anche la capacità di mantenere uno stato emotivo tranquillo senza diventare facilmente irritabili. La maggior parte (70%) delle lesioni nervose è risultata essere stata causata da estrazioni dentali.

Una correlazione statisticamente significativa è stata riscontrata tra le lesioni di questi nervi dopo la rimozione chirurgica di un dente del giudizio e un peggioramento della qualità di vita (P <0,05, IC al 95%).

Conclusioni

La lesione del nervo trigemino (IAN e LN) iatrogena rimane ancora una complicanza significativa in odontoiatria. Questo studio ha descritto l'impatto importante che queste lesioni hanno sulla qualità della vita dei pazienti attraverso l'uso di un’indagine trasversale e di interviste semi-strutturate.

Implicazioni cliniche

Il rischio di lesioni nervose deve essere ridotto al minimo con un'attenta pianificazione pre-chirurgica e un'attenta tecnica operativa.


Per approfondire:

Articoli correlati

In odontoiatria uno dei maggiori problemi durante un intervento di estrazione di un ottavo inferiore è quello del controllo del dolore. La lidocaina cloridrata, considerata il "gold standard",...


Obiettivi. Lo scopo di questo studio è di analizzare le diverse opzioni diagnostiche a oggi in uso per la valutazione degli eventuali rapporti anatomici tra il nervo alveolare inferiore (NAI) e gli...


Obiettivi. Al fine di essere d’ausilio per scelte cliniche più consapevoli e attente, sono state considerate le complicanze e gli incidenti neurologici correlabili ai trattamenti chirurgici di...


Praticare correttamente la  chirurgia orale richiede non solo l’approfondita conoscenza delle singole tecniche, ma anche una sintesi tra competenze di anatomia ed eziopatogenesi delle...

di Lea Fanti


Altri Articoli

Viviamo in una società che accetta che il destino di 40 disperati lasciati in balia del mare per 20 giorni sia un caso politico e non umanitario, che in Italia migliaia di donne vengano molestate,...


Sono molte le classifiche, con base in differenti Paesi, che ogni anno cercano di valutare le Università e la capacità di fare ricerca, in tutti gli ambiti, dei vari Stati, ognuna applicando...


A dirlo è Assosoftware che, in attesa che l’Agenzia delle Entrate pubblichi una nuova circolare con i chiarimenti ufficiali sulla fatturazione elettronica, ha fornito alcune...


La SIOCMF, Società Italiana di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale, ha riconfermato alla presidenza per il biennio 2019-2012 la professoressa Antonella Polimeni (nella foto), preside...


“Sportelli del cittadino” sulla sicurezza delle cure, da attivarsi in tutte le Regioni, dove medici e avvocati insieme possano ricevere le segnalazioni dei pazienti su eventi non attesi e fornire...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi