HOME - Chirurgia Orale
 
 
04 Febbraio 2019

Alterazioni dello sviluppo delle arcate dentali dopo chirurgia primaria nelle labioschisi e labio-palatoschisi


di Lara Figini


Le labio e labio-palatoschisi (CLP) sono l’anomalia craniofacciale più diffusa negli esseri umani e per riabilitare l‘individuo colpito sono necessari numerosi interventi chirurgici.

La cheiloplastica e la palatoplastica vengono eseguite nei mesi successivi alla nascita del bambino, e sebbene questi interventi chirurgici di ricostruzione anatomica aiutino l’aspetto funzionale, possono però d’altro canto limitare la crescita 3-dimensionale (3D) delle arcate dentali.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio clinico, pubblicato su OOO di dicembre 2018 gli autori hanno eseguito un'analisi morfometrica longitudinale delle alterazioni delle arcate dentali mascellari in bambini con labio e palatoschisi prima e dopo gli interventi primari tradizionalmente eseguiti per correggere la malformazione di labbro e/o palato utilizzando una stereofotogrammetria tridimensionale.

Gli autori hanno rilevato i calchi dentali di 60 bambini con labbro leporino unilaterale completo (UCL) e labbro e palato leporino completo unilaterale (UCLP). Gli archi dentali sono stati valutati prima della cheiloplastica (T1), dopo la cheiloplastica (T2) e 1 anno dopo la palato-plastica (T3). Il t-test indipendente e il Mann-Whitney U test sono stati utilizzati per i confronti tra i gruppi e il t-test accoppiato, il test di Wilcoxon e l'analisi della varianza a misure ripetute (ANOVA), seguita dal test di Tukey, sono stati utilizzati per i confronti tra gruppi.

Risultati
Al tempo T1, le distanze intercanine e intertuberosità nel gruppo UCLP sono risultate essere statisticamente superiori a quelle del gruppo UCL. Al tempo T2, le dimensioni mascellari sono aumentate in modo significativo, a eccezione della distanza intertuberosità in UCL. Tra T1 e T3, la distanza intercanina e la lunghezza anteriore sono risultate diminuite significativamente, mentre la distanza intertuberosità e la lunghezza totale del palato aumentate in modo significativo.

Conclusioni
Dai dati emersi da questo studio, che debbono però trovare conferma con altri lavori analoghi, si può concludere che la chirurgia primaria delle labbra altera evidentemente lo sviluppo delle arcate dentali nei bambini con UCLP. La chirurgia del palato primario interferisce con la crescita della regione palatale anteriore nel gruppo UCLP. Bambini con UCLP manifestano uno sviluppo più limitato dell'arcata dentale mascellare rispetto ai bambini con UCL.

Implicazioni cliniche  
Analizzare e comprendere la crescita delle arcate dentali negli invidui con labioschisi e labio-palatoschisi è importante per permettere di eseguire un miglior approccio terapeutico per la riabilitazione di questi pazienti.

Per approfondire
Eloà Cristina Passucci Ambrosio, Chiarella Sforza, Marcio De Menezes, Daniele Gibelli, Marina Codari, Cleide Felıcio Carvalho Carrara, Maria Aparecida Andrade Moreira Machado, Thais Marchini Oliveira. Longitudinal morphometric analysis of dental arch of children with cleft lip and palate: 3D stereophotogrammetry study. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol 2018;126:463-8.

Articoli correlati

L’innesto del tessuto connettivo (CTG) è considerato il materiale di scelta nel trattamento delle recessioni gengivali o della mucosa intorno ai denti e agli impianti. Oggi...

di Giulia Palandrani


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


La cheratocisti odontogena (OKC), anche conosciuta come tumore odontogeno cheratocistico, è localmente aggressiva e recidiva frequentemente, con la maggior parte delle recidive...

di Lara Figini


Praticare correttamente la  chirurgia orale richiede non solo l’approfondita conoscenza delle singole tecniche, ma anche una sintesi tra competenze di anatomia ed eziopatogenesi delle...

di Lea Fanti


Altri Articoli

Per i prossimi quattro anni l’Associazione Italiana Odontoiatri è stata riconosciuta come provider di crediti ADA CERP per altri quattro anni, fino al 2023


1200 ortodontisti e assistenti dentali Invisalign provenienti da tutta Italia si sono trovati a Torino per discutere e analizzare le esperienze cliniche


Il parere di OPI, l’associazione Odontoiatria Privata Italiana, su ruolo del sindacato ma anche sul potere contrattuale dei collaboratori nelle Catene ed altro ancora


Può rappresentare una valida alternativa ai farmaci per favorire la collaborazione del paziente o sostituire in alcuni casi la sedazione. Le potenzialità dell’ipnosi nell’esperienza del...


Si è spento il direttore della clinica odontoiatrica dell’Università dell’Insubria e dell'Ospedale di Varese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi