HOME - Chirurgia Orale
 
 
20 Gennaio 2006

Prelievo di osso autogeno dalla teca cranica. Tecnica ambulatoriale

di G. Gallini, R. Borloni, *R. Bonada


In due pazienti consenzienti e selezionati per un prelievo tradizionale di calvaria a scopo preimplantare abbiamo voluto simulare un prelievo "minore" eseguibile in anestesia locale in ambulatorio allo scopo di verificare nel successivo corso dell'intervento, a campo allargato gli effetti sulla teca cranica del primo prelievo.
Abbiamo quindi praticato una minima incisione a livello cranico ed effettuato il prelievo per mezzo di una raspa da osso monouso azionata manualmente a secco riempiendone per tre volte successive il serbatoio posto nel manico.
La metodica dimostra semplicità di esecuzione e offre una discreta quantità di osso fresco raccolto in sicurezza, sufficiente per esempio per un rialzo monolaterale di seno mascellare.
La verifica eseguita allargando il campo chirurgico ha consentito di visualizzare l'azione erosiva superficiale della raspa che in nessun punto ha oltrepassato lo spessore della corticale esterna tecale.
La tecnica viene eseguita in campo sterile e richiede l'adeguato preventivo addestramento dell'operatore e dell'équipe che lo affianca.

Calvaria autologous bone graft
In this article the authors report two cases where a little autologous bone graft was obtained from calvaria of two patients using local anaesthesia; during the subsequent graft procedure under general anaesthesia the effects of the first graft were observed and described. Patients were informed and their consent was obtained before treatment.
The first operation was performed by a short incision before taking bone using a disposable scraping device and filling three times its handle reservoir. This procedure proved to be simple and able to give a fair quantity of bone; for example, it is enough for a unilateral maxillary sinus lift.
In the second surgical operation the authors could observe the traces left by the scraping device on the bone but its outer cortical portion was not perforated in any point.
This procedure requires a sterile setting and an adequate training both for the dentist and for his assistants.

Qualifiche Autori:
Istituto Stomatologico Italiano - Milano
Dir. Scientifico: dott. G. Gallini
*Libero professionista - Varese



Articoli correlati

Pillole di evidenza scientifica per la pratica quotidiana è il nuovo approfondimento per i lettori di Odontoiatria33 curato dal prof. Esposito. Oggi si parla di impianti


La mucosite perimplantare (PiM) è definita come un’infiammazione gengivale con sanguinamento al sondaggio (BOP) e aumento della profondità di sondaggio (PD), senza però...

di Lara Figini


Sebbene il titanio sia utilizzato con successo in implantologia dentale ormai da più di cinque decenni, vi è una crescente domanda di un’alternativa non metallica.Il materiale...

di Lara Figini


In considerazione dell’accresciuta aspettativa di vita, a seguito dei miglioramenti delle tecnologie sanitarie e degli approcci alla salute pubblica, nei prossimi decenni è...

di Lara Figini


Negli ultimi anni l’aspettativa estetica da parte dei pazienti nei confronti delle riabilitazioni dentali è diventata sempre più predominante, portando gli odontoiatri a...

di Lara Figini


Altri Articoli

Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra che si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Per Dentix Italia sono solo indiscrezioni di stampa ed assicura che non ci sono problemi per pazienti e collaboratori 


I problemi potrebbero nascere per coloro che sono esentate in Italia dal conseguire l’attestato di qualifica. Il Ministero intanto ha definito le modalità di riconoscimento per i titoli conseguiti...


Cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni