HOME - Chirurgia Orale
 
 
30 Gennaio 2007

Uso della claritromicina RM in chirurgia orale. Studio comparativo

di G. Bombeccari, R. Marino, F. Spadari


La complessità anatomo-istologica del cavo orale, l’interazione con l’ambiente esterno e i rapporti di mutualismo ecologico delle specie microbiche stanziali configurano le caratteristiche distintive delle infezioni orali a connotazione polimicrobica. La conoscenza dei meccanismi istolesivi e citopatici dei patogeni coinvolti e la loro ubicazione regionalistica associata ai dati epidemiologici circa la distribuzione territoriale della resistenza antibiotica sono i presupposti per la programmazione empirica o ragionata di un antibiotico-terapia. L’ampiezza dello spettro antibatterico, il profilo farmacocinetico favorevole, il tropismo per i tessuti orali e la tollerabilità completano i criteri di scelta nel razionale selettivo di una molecola antibatterica.
La finalità di questo studio preliminare si è concretizzata con l’analisi retrospettiva nell’ambito di biopsie programmate su tre gruppi di pazienti, distinti da tre tipologie di rischio: sistemico, locale, operativo. Gli aspetti valutativi erano riferiti alla qualità di guarigione delle ferite chirurgiche e al grado di tollerabilità riguardo alla somministrazione di claritromicina RM, comparata ad amoxicillina e acido clavulanico e tra queste e un gruppo placebo. I risultati preliminari hanno documentato un elevato indice di tolleranza per i pazienti trattati con claritromicina RM e un sensibile miglioramento dei processi di guarigione post-chirurgici. L’interpretazione di questi dati si traduce nella pratica clinica in un ampliamento opzionale nella scelta del principio attivo quale strategia terapeutica di fronte a fenomeni di resistenza batterica e di sensibilizzazione individuale alle altre molecole antibiotiche.

The use of MR clarithromycin in oral surgery: a retrospective and comparative study
Polymicrobial oral infections are influenced by anatomy and histology of oral cavity, interactions with external environment and mutual relationships among resident microbial species. The knowledge of pathological mechanisms, pathogens location and epidemiological data about antibiotic resistance may support empirical planning of antibiotic therapy. A wide spectrum together with favourable pharmacokinetics, oral tissue tropism and good tolerance are the main selective criteria to choose antibacterial drugs. Aim of this preliminary study is a retrospective evaluation of wound healing and tolerance in three groups of patients submitted to oral biopsies; Patients were divided according to their risk (systemic, local, operative) and the therapeutic effects of clarithromycin RM were compared with amoxicillin-clavulanic acid and a placebo. The preliminary results showed good tolerance and considerable improvement in wound healing in the clarithromycin RM group. Clinical implications of these data suggest a widening of antibacterial drug options facing increasing bacterial resistance and individual sensibilization to antibiotics.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Milano
Istituti Clinici di Perfezionamento ICP
Istituto di Clinica Odontoiatrica e Stomatologica
Direttore: prof. F. Santoro



Articoli correlati

La batteriemia è il passaggio di batteri nel flusso sanguigno in modo transitorio, intermittente o continuo. Le estrazioni dentali sono le procedure chirurgiche orali con il...

di Lara Figini


L’inizio e la progressione della parodontite sono dovuti a una complessa comunità microbica, piuttosto che a un singolo batterio patogeno, e la terapia per questa patologia si...

di Lara Figini


Da tempo anche i dentisti sono sul banco degli imputati per la questione dell’antibiotico resistenza, accusati di prescriverli con troppa disinvoltura. Recenti ricerche hanno evidenziato come i...


L’uso eccessivo di antibiotici e l’emergere di ceppi batterici resistenti agli antibiotici è una preoccupazione globale. Poiché i dentisti prescrivono circa il 10% di...

di Simona Chirico


Il Council of European Dentists, principale organo professionale dell’Unione Europea presieduto dall’italiano Marco Landi, ha lanciato un grande sondaggio continentale sull’uso degli...


Altri Articoli

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


Istituto indica i DPI che gli operatori devono indossare a seconda delle mansioni, comprese quelle che prevedono una esposizione all’aerosol a meno di un metro


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP