HOME - Chirurgia Orale
 
 
30 Giugno 2008

Riabilitazione di creste alveolari atrofiche

di M. Cassetta, D. Dell'Aquila, A. Dolci


La principale considerazione diagnostica nella selezione del paziente candidato all’implantologia riguarda la quantità di osso alveolare residuo presente a livello dei siti da riabilitare. Il riscontro di creste alveolari atrofiche o di difetti ossei è frequente quale esito di estrazione, perdita traumatica degli elementi dentari, fratture dentali corono-radicolari, parodontopatia, azione di protesi incongrue, difetti congeniti. Diverse tecniche chirurgiche sono state proposte in Letteratura per ricostruire una cresta che presenti dimensioni insufficienti al corretto posizionamento degli impianti dentali o per promuovere la formazione ossea nei difetti residui all’inserimento degli impianti, tuttavia sulla base dei dati disponibili non sembra possibile accertare la superiorità di una particolare procedura per quel che riguarda la predicibilità dell’incremento osseo desiderato e il tasso di sopravvivenza o successo degli impianti. Ognuna presenterebbe, infatti, vantaggi e svantaggi che devono essere attentamente valutati nella fase di programmazione del trattamento.
La tecnica chirurgica proposta in questo lavoro prevede l’inserimento protesicamente guidato degli impianti in creste alveolari parzialmente atrofiche e contestualmente la correzione dei minus ossei residui verticali e/o orizzontali con un innesto di osso particolato stabilizzato con una griglia in titanio. Il rientro chirurgico per il posizionamento delle viti di guarigione e l’applicazione della protesi provvisoria viene realizzato dopo due mesi di guarigione per favorire la guarigione ossea secondo l’azione delle forze di carico, ed evitare il riassorbimento dell’osso innestato.




Articoli correlati

ObiettiviLa realizzazione di osteotomie per split crest consente di aumentare lo spessore di creste edentule contestualmente all’inserimento di impianti. Lo scopo di questo lavoro è illustrare con...


In implantologia uno dei fattori chiave che influenza l’osteointegrazione finale è la stabilità primaria dell’impianto. Esiste un’evidenza scientifica che sia la quantità...

di Lara Figini


prodotti     24 Maggio 2012

Kit per Innesti Ossei

Studiato per la chirurgia rigenerativa avanzata, il nuovissimo Kit per Innesti Ossei di Sweden & Martina si compone di un cacciavite, 16 viti, 2 frese a spirale, un'asta e un accessorio per la...


Durante la pianificazione del trattamento implantare spesso l'operatore si trova a dover gestire situazioni di scarsità di tessuto osseo. Nella terapia dei difetti della cresta alveolare...


Obiettivi. Analizzare i principi biologici su cui si basa la rigenerazione ossea guidata (GBR) e fornire informazioni sulle diverse membrane utilizzabili per rigenerare l’osso.Materiali e metodi....


Altri Articoli

Straumann Group, azienda leader nel settore odontoiatrico, annuncia la nomina di Davide Marchini in qualità di General Manager e Amministratore Delegato di Straumann Group...


Obiettivo primario: fornire risposte significative ed efficaci ai diversi fabbisogni di sviluppo dei contesti e delle professionalità che operano all’interno dello studio odontoiatrico


Nel ricordo dei presidenti CAO scomparsi la prima Assemblea CAO dopo il lockdown. Uno sguardo a cosa è successo e le questioni in agenza, partendo da StP e ''Avvio della professione'' 


Le novità introdotte dai chiarimenti della Regione Lazio sulle Società Tra Professionisti spiegate dal presidente Pollifrone. Ecco cosa cambia


Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION