HOME - Chirurgia Orale
 
 
30 Giugno 2009

Studio comparativo sulla rigenerazione ossea in difetti cistici

di C. Bertoldi, D. Zaffe, A. Lucchi, U. Consolo


 Obiettivi. Determinare la rigenerazione ossea di difetti cistici delle ossa mascellari dopo riempimento con osso autologo o con copolimero PLA-PGA (Fisiograft ®) tramite valutazioni cliniche, radiologiche e istologiche.
 Materiali e Metodi. Otto pazienti maschi consenzienti, affetti da cisti odontogena in rapporto a elementi dentari a prognosi infausta in cui il trattamento endodontico clinico era fallito, sono stati sottoposti a intervento di enucleazione cistica e a innesto con osso autologo (gruppo di controllo GC) o con copolimero (gruppo di trattamento GT) con follow-up di 4 mesi.
 Risultati. I risultati clinici e radiologici (area, diametri, livelli di grigio) evidenziano un lieve miglior esito per il gruppo di controllo, senza differenze statistiche significative. L’analisi istologica delle biopsie di quattro mesi evidenziava uno steady-state osteogenico nel GC, con frammenti di osso risparmiato dagli osteoclasti e porzioni di osso neoformato. Osso neoformato a fibre intrecciate e attività fosfatasi alcalina positiva erano invece caratteristiche distintive del GT. L’ammontare di osso presente (TBV) non risultava differente nei due gruppi
(m ~ 16,5%).
 Conclusioni. I risultati ottenibili con il copolimero, non molto diversi da quelli conseguiti con osso autologo, sono da considerarsi molto apprezzabili in considerazione della maneggevolezza del materiale e dell’assenza della necessità di un sito donatore secondario.

Comparative study on bone regeneration of cystic lesions
 Objectives. To evaluate healing of cystic lesions in human jawbone filled with autologous bone or PLA-PGA copolymer (Fisiograft®), by means of clinical, radiological and histological methods.
 Material and Methods. After informed consent eight male patients underwent surgical treatment of dental cysts caused by teeth where endodontic treatment failed. Patients were randomly divided into 2 groups: the first (control group) received an autologous bone graft while the second (treatment group) was treated by copolymer with a follow-up of 4 months.
 Results. Autologous bone provided a lightly better clinical and radiological (area, diameters, gray level) outcome without statistically significant differences. Bone activities were enhanced in sites treated with copolymer, whereas a steady-state was observed with autologous bone. The amount of bone (TBV) was similar in both groups (m ~ 16,5%).
 Conclusions. Our results indicate that best outcomes are achieved using autologous bone graft, but good results can also follow the use of copolymer to promote healing of severe bone defects. Additionally, copolymer is easy to handle and does not require a secondary donor site.



Articoli correlati

ObiettiviObiettivo del presente lavoro è illustrare l'utilizzo del pericranio a copertura di un innesto di calvaria nella ricostruzione di una mandibola gravemente atrofica, a scopo...


OBIETTIVI. Fornire una breve panoramica delle possibilità chirurgiche preprotesiche utili per creare basi ossee solide, sulle quali eseguire poi una riabilitazione implantoprotesica.MATERIALI E...


RiassuntoObiettivi: È stata valutata l’efficacia dell’osso e di una membrana connettivo-periostale autologhi (aCPRT) nella terapia rigenerativa di difetti ossei parodontali rispetto alla...


OBIETTIVI. Valutare la riabilitazione di pazienti affetti da severa atrofia del mascellare superiore (V Classe secondo Cawood e Howell), riabilitati mediante rialzo del seno mascellare e innesto di...


Le moderne tecniche dell’ingegneria tissutale ossea, attraverso l’utilizzo combinato di biomateriali e cellule osteogeniche da essi veicolate, promettono la rigenerazione ossea in contesti...


Altri Articoli

Pubblicato in GU il Decreto con la norma che obbliga anche gli igienisti dentali all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture emesse nei confronti dei pazienti. Ecco le modalità


L’invito ai soci è quello di prescriverli sono se necessari ed informare i pazienti sull’utilizzo consapevole. Il presidente Fiorile invita ad aderire al Manifesto di Choosing Wisely Italy.


L’esperienza del dott. La Scala in un video in cui affronta i vantaggi clinici e di comunicazione con il paziente grazie al “communication packaging” e a BLACKBOX di IDI EVOLUTION


Inviata al Ministero della Salute e ad altri interlocutori politico ed istituzionali. Capuano (SUMAI-AIO): serve impegno unitario per una soluzione positiva


A Genova l’eccellenza odontoiatrica ed odontotecnica italiana per celebrare un gruppo che da decenni “aggiorna” i migliori professionisti del settore


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi