HOME - Chirurgia Orale
 
 
31 Gennaio 2010

Controllo del dolore dopo chirurgia estrattiva. Due diversi FANS a confronto

di F. Carini, R. Ingrosso, F. Greco, D. Monai, L. Porcaro, M. Ciaravino


PREMESSE. La presenza di terzi molari inferiori inclusi richiede spesso l’estrazione chirurgica. La gestione delle complicanze postoperatorie, come il dolore e l’infiammazione, è una fase cruciale del processo di guarigione.
OBIETTIVI. Valutare la capacità analgesica e antinfiammatoria di due diversi FANS, il naprossene sodico 550 mg (Synflex forte®, Recordati SpA) e il diclofenac sodico 50 mg (Voltaren®, Novartis Farma SpA) dopo chirurgia estrattiva, nello stesso paziente, di terzi molari inferiori inclusi, e confrontarne l’efficacia.
MATERIALI E METODI. È stato selezionato un campione di 25 pazienti che necessitavano di estrazione dei molari mandibolari inclusi bilateralmente. Il campione è stato suddiviso in due sottogruppi: il primo comprendente le estrazioni dei terzi molari di destra, per il quale la terapia analgesica è stata a base di naprossene; il secondo comprendente le estrazioni dei terzi molari di sinistra, per il quale la terapia analgesica è stata a base di diclofenac. La percezione del dolore è stata valutata facendo riferimento alla Visual Analogue Scale (VAS). I dati raccolti sono stati analizzati ed elaborati statisticamente attraverso il test di Wilcoxon.
RISULTATI. I valori medi della percezione del dolore sono simili in tutti i momenti della rilevazione dei dati: al time 1, sono pari a 61,76 e 62,84 rispettivamente per il sottogruppo del naprossene e del diclofenac; al time 10, sono pari a 18,28 e 18,04. Secondo il modello dell’ANOVA la variabile “gruppo” non è statisticamente significativa (p value = 0,2410), cioè in entrambi i sottogruppi i due farmaci a confronto hanno efficacemente controllato il dolore nei giorni successivi alla chirurgia.
CONCLUSIONI. Secondo il nostro studio, il naprossene sodico 550 mg (Synflex forte®, Recordati SpA) e il diclofenac sodico 50 mg (Voltaren®, Novartis Farma SpA) si sono rivelati farmaci entrambi efficaci nel controllo della sintomatologia dolorosa postoperatoria.



Articoli correlati

Semplicità è la parola chiave della nuova gamma di micromotori per implantologia e chirurgia orale sviluppata da Bien-Air Dental


Le suture sono il dispositivo medico più utilizzato per la chiusura delle ferite.Analogamente ad altri materiali impiantati nel corpo umano, i materiali da sutura sono considerati...

di Giulia Palandrani


La batteriemia è il passaggio di batteri nel flusso sanguigno in modo transitorio, intermittente o continuo. Le estrazioni dentali sono le procedure chirurgiche orali con il...

di Lara Figini


L’innesto del tessuto connettivo (CTG) è considerato il materiale di scelta nel trattamento delle recessioni gengivali o della mucosa intorno ai denti e agli impianti. Oggi...

di Giulia Palandrani


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Altri Articoli

L’On Boldi presenta un emendamento al decreto mille proroghe che punta ad abolire la norma. Dalle carte emerge che l’obiettivo del Governo era risparmiare e non combattere il nero


Domani Convengo sul tema organizzato dall’OMCeO di Roma sul tema del nuovo Regolamento Regionale sulle Autorizzazioni Sanitarie


Scoperto a Como, oltre ad essere abusivo lo studio, anche chi effettuava le cure era privo di laurea e abilitazione 


Il tema è il “Successo a lungo termine in parodontologia ed implantologia”, lo presenta il dott. Daniele Cardaropoli


Nei giorni scorsi il Sole 24 Ore ha pubblicato un bilancio del primo anno di fatturazione elettronica, in realtà come spesso capita con la pubblica amministrazione i dati non sono proprio...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni