HOME - Chirurgia Orale
 
 
31 Gennaio 2010

Controllo del dolore dopo chirurgia estrattiva. Due diversi FANS a confronto

di F. Carini, R. Ingrosso, F. Greco, D. Monai, L. Porcaro, M. Ciaravino


PREMESSE. La presenza di terzi molari inferiori inclusi richiede spesso l’estrazione chirurgica. La gestione delle complicanze postoperatorie, come il dolore e l’infiammazione, è una fase cruciale del processo di guarigione.
OBIETTIVI. Valutare la capacità analgesica e antinfiammatoria di due diversi FANS, il naprossene sodico 550 mg (Synflex forte®, Recordati SpA) e il diclofenac sodico 50 mg (Voltaren®, Novartis Farma SpA) dopo chirurgia estrattiva, nello stesso paziente, di terzi molari inferiori inclusi, e confrontarne l’efficacia.
MATERIALI E METODI. È stato selezionato un campione di 25 pazienti che necessitavano di estrazione dei molari mandibolari inclusi bilateralmente. Il campione è stato suddiviso in due sottogruppi: il primo comprendente le estrazioni dei terzi molari di destra, per il quale la terapia analgesica è stata a base di naprossene; il secondo comprendente le estrazioni dei terzi molari di sinistra, per il quale la terapia analgesica è stata a base di diclofenac. La percezione del dolore è stata valutata facendo riferimento alla Visual Analogue Scale (VAS). I dati raccolti sono stati analizzati ed elaborati statisticamente attraverso il test di Wilcoxon.
RISULTATI. I valori medi della percezione del dolore sono simili in tutti i momenti della rilevazione dei dati: al time 1, sono pari a 61,76 e 62,84 rispettivamente per il sottogruppo del naprossene e del diclofenac; al time 10, sono pari a 18,28 e 18,04. Secondo il modello dell’ANOVA la variabile “gruppo” non è statisticamente significativa (p value = 0,2410), cioè in entrambi i sottogruppi i due farmaci a confronto hanno efficacemente controllato il dolore nei giorni successivi alla chirurgia.
CONCLUSIONI. Secondo il nostro studio, il naprossene sodico 550 mg (Synflex forte®, Recordati SpA) e il diclofenac sodico 50 mg (Voltaren®, Novartis Farma SpA) si sono rivelati farmaci entrambi efficaci nel controllo della sintomatologia dolorosa postoperatoria.



Articoli correlati

L’innesto del tessuto connettivo (CTG) è considerato il materiale di scelta nel trattamento delle recessioni gengivali o della mucosa intorno ai denti e agli impianti. Oggi...

di Giulia Palandrani


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


La cheratocisti odontogena (OKC), anche conosciuta come tumore odontogeno cheratocistico, è localmente aggressiva e recidiva frequentemente, con la maggior parte delle recidive...

di Lara Figini


Altri Articoli

Attivato per tutti gli iscritti medici ed odontoiatri. Intanto FNOMCeO annuncia che le criticità legate alla banca dati Co.Ge.APS, saranno risolte al più presto


Contestato in varie provincie italiane il superamento del limite di spesa in tema di inserzioni pubblicitarie. Ecco cosa dice la norma


In provincia di Latina il Comune sanziona con 10 mila euro il titolare di una Srl odontoiatrica che aveva modificato i locali senza richiedere una nuova autorizzazione sanitaria


Nel fine settimana a Bologna la manifestazione biennale “fiore all’occhiello” del Sindacato degli Ortodontisti (SUSO)


Dopo aver letto le norme inserite nella legge di Bilancio che toccano anche lo studio odontoiatrico, i dati rilevati da EDRA e da Key-Stone che indicano la percentuale di odontoiatri e di futuri...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi