HOME - Chirurgia Orale
 
 
01 Maggio 2010

Efficacia della terapia cortisonica locale nella chirurgia dei terzi molari mandibolari: studio prospettico

di S. Magrin, A. Megliani, M. Del Fabbro, S. Taschieri, A. Di Marco, J. Motta Jones


Obiettivi. Scopo di questo studio prospettico randomizzato è valutare, mediante un protocollo chirurgico split-mouth, se la somministrazione intraoperatoria di cortisone (desametasone sodio fosfato, 4 mg) associata a un’accurata pianificazione preoperatoria e a una tecnica minimamente invasiva possa ridurre la sintomatologia ed eliminare le complicanze più comuni legate all’intervento.
Materiali e metodi. Lo studio è stato condotto con metodica split-mouth, scegliendo cioè in modo randomizzato e del tutto casuale il lato in cui, nello stesso paziente, sarebbe stato somministrato il farmaco oggetto dello studio. Sono stati selezionati 15 pazienti volontari (7 di sesso maschile e 8 femminile), di età compresa fra 18 e 45 anni, che presentassero le indicazioni all’avulsione di entrambi i terzi molari mandibolari appartenenti alla stessa classe di Winter e di Pell e Gregory. La somministrazione del farmaco era randomizzata e determinata all’apertura di una busta opaca prima dell’intervento. Ai pazienti del gruppo test venivano quindi somministrati, mediante iniezione intramuscolare locale a livello del muscolo massetere, 4 mg di desametasone sodio fosfato (Soldesam). I dati sul dolore postoperatorio, ottenuti utilizzando una scala VAS da 0 a 5, sono stati analizzati statisticamente.
Risultati e conclusioni. I risultati di questo studio prospettico dimostrano come la somministrazione locale intraoperatoria di desametasone, dopo interventi di chirurgia estrattiva dei terzi molari inclusi mandibolari, influisca positivamente sul decorso postoperatorio del paziente, soprattutto nelle prime ore successive all’intervento e in prima giornata.





Articoli correlati

La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Dispositivo piezolettrico o chirurgia tradizionale?

di Lara Figini


ObiettiviScopo del lavoro è confrontare le sequele postoperatorie dopo chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica o rotante ad alta...


PREMESSE. La presenza di terzi molari inferiori inclusi richiede spesso l’estrazione chirurgica. La gestione delle complicanze postoperatorie, come il dolore e l’infiammazione, è una fase...


Altri Articoli

Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Caprara: è una strada da percorrere per il nostro bene e quello dei nostri pazienti, non per tornaconti personali o per strategie di marketing


Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi