HOME - Chirurgia Orale
 
 
01 Marzo 2011

Lesione gengivale mascellare

di G. Mergoni, A. Sarraj, R. Guidotti, E. Merigo, M. Meleti, M. Manfredi, P. Vescovi


Giunge alla nostra osservazione il signor S.F., di anni 41, inviato dal proprio odontoiatra per un’epulide insorta fra gli elementi 16 e 17 (fig. 1). Il paziente riferisce che la lesione è presente da qualche mese e non gli arreca particolare fastidio, salvo uno sporadico sanguinamento durante lo spazzolamento dei denti. All’anamnesi riporta un precedente intervento di chirurgia ortognatica effettuato per risolvere una severa II Classe scheletrica. Il paziente riferisce di non assumere alcun farmaco.
All’esame obiettivo l’epulide si presenta come una massa esofitica, peduncolata e in parte ulcerata. La superficie è irregolare e di colore dal rosa corallo al rosso acceso. La lesione mostra una base d’innesto a livello dello spazio interprossimale e si sviluppa vestibolarmente con la sua porzione più voluminosa. Sono evidenti importanti accumuli di placca e tartaro riconducibili sia all’impossibilità da parte del paziente di spazzolare correttamente la zona. Non sono presenti altre lesioni a livello del cavo orale e alla palpazione non si rilevano ingrossamenti dei linfonodi locoregionali. A livello radiografico si evidenzia, oltre alla presenza di tartaro già rilevato clinicamente, un significativo riassorbimento osseo alveolare che raggiunge i 4 mm di perdita di attacco a livello interprossimale fra 16 e 17. Sono inoltre ben evidenti gli esiti della precedente chirurgia ortognatica.
In considerazione dell’aspetto apparentemente benigno si programmano l’asportazione della lesione e la sua valutazione istopatologica.Gli autori dichiarano che lo studio presentato è stato realizzato in accordo con gli standard etici stabiliti nella Dichiarazione di Helsinki, e che il consenso informato è stato ottenuto da tutti i partecipanti prima del loro arruolamento allo studio.



Articoli correlati

Gli scopi di questa ricerca clinica sono stati quelli di valutare i risultati ottenuti attraverso chirurgia laser-assistita con laser al diodo, nei trattamenti di una lesione oro-gengivale...


Gli Autori descrivono un caso d’epulide fibrosa giunto alla loro osservazione. In base alla revisione della letteratura ne descrivono gli aspetti clinici, diagnostici e terapeutici. Si sottolinea...


Dalla Torre et al. hanno pubblicato su Clinical Oral Investigations uno studio che aveva lo scopo di rilevare una possibile associazione tra la qualità oggettivamente...

di Lucia Sardi


L’Helicobacter pylori (H. pylori) è un batterio a spirale gram-negativo che viene trasmesso per via oro-fecale, la cui temperatura ottimale varia da 36 a 42 °C e ha un pH...

di Lara Figini


La cheratocisti odontogena (OKC), anche conosciuta come tumore odontogeno cheratocistico, è localmente aggressiva e recidiva frequentemente, con la maggior parte delle recidive...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


L’imprenditrice Canegrati condannata a 12 anni, pene minori per gli altri imputati. Il sen. Rizzi e l’odontoiatra Longo avevano già patteggiato


Sabato Catania un Corso COI AIOG per parlare di carcinoma orale, di fumo e di prevenzione con uno sguardo ai nuovi dispositivi alternativi alle sigarette. Ecco i dati allarmanti sul fumo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni