HOME - Chirurgia Orale
 
 
01 Maggio 2011

Leucoplachia verrucosa proliferativa. Analisi retrospettiva di 12 casi

di M. Meleti, G. Mergoni, M. Manfredi, E. Merigo, R. Guidotti, A. Sarraj, T. Simonazzi, M. Bonanini, P. Vescovi


Obiettivi. La leucoplachia verrucosa proliferativa (LVP) è un disordine potenzialmente maligno particolarmente aggressivo, caratterizzato da una spiccata tendenza alla trasformazione neoplastica. In questo studio retrospettivo vengono analizzate le caratteristiche epidemiologiche, cliniche e istopatologiche di 12 casi di LVP, mettendo in rilievo il tipo e l’esito della terapia.
Materiali e metodi. Utilizzando i criteri diagnostici originali proposti da Hansen et al., sono stati selezionati 12 pazienti affetti da LVP, afferiti presso l’Unità di Patologia e Medicina Orale della Clinica Odontoiatrica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma fra il gennaio 1993 e il gennaio 2010.
Risultati. Dei 12 pazienti, 10 (83,3%) erano femmine e l’età media era 70,1 anni. Le sedi del cavo orale più coinvolte dalle lesioni erano la mucosa geniena, la lingua e la gengiva aderente. Otto pazienti (60,0%) hanno sviluppato un carcinoma orale nel corso del follow-up. Il tempo medio intercorso fra la prima visita e la diagnosi di carcinoma è stato di 33,8 mesi. Le lesioni maligne sono insorte sulla lingua (3 casi), sulla mucosa geniena (2 casi), sulla gengiva (2 casi) e sul palato duro (1 caso). Nei diversi pazienti sono stati utilizzati i seguenti approcci terapeutici: terapia medica con applicazioni topiche di retinoidi, terapia medica con applicazioni topiche di clobetasolo propionato, asportazione chirurgica delle lesioni con tecniche tradizionali (lama fredda), bisturi a risonanza quantica molecolare, laser Nd:YAG e vaporizzazione con laser Er:YAG. Solo un caso è risultato essere privo di lesioni all’ultima visita di controllo.
Conclusioni. In questo studio viene confermata la spiccata tendenza alla trasformazione maligna e alla recidiva delle lesioni in corso di LVP. Nessun approccio terapeutico ha dimostrato un’efficacia assoluta. Risulta pertanto evidente la necessità di visite di controllo ravvicinate (ogni 3-4 mesi) e di periodiche indagini bioptiche per intercettare precocemente eventuali lesioni neoplastiche.



 



Articoli correlati

Il cancro del cavo orale è il tumore maligno più comune tra i tumori della testa e del collo. Il carcinoma orale a cellule squamose (OSCC) rappresenta il più frequente dei...

di Lara Figini


ObiettiviAnalizzare i parametri di attendibilità diagnostica del test VELscope in lesioni oncologicamente sospette della mucosa orale.Materiali e metodiIn base all'esame obiettivo sono state...


ObiettiviAbbiamo indagato il grado di conoscenza degli studenti del comune di Siena riguardo ai fattori patogenetici noti, quali alcol e fumo, e alla genesi delle neoplasie del cavo orale. Lo scopo...


Obiettivi. La leucoplachia verrucosa proliferativa (LVP) è una forma di leucoplachia orale che colpisce principalmente il sesso femminile dopo la sesta decade di vita. Clinicamente si presenta con...


Sentirsi uno sputo – espressione idiomatica, esprime una percezione di inferiorità, svalutazione, scarsa importanza, qualità che comunemente si attribuiscono alla saliva, liquido umile, un po’...


Altri Articoli

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Non cambia la sede, sempre Bologna, le iscrizioni (gratuite) entro il 25 marzo. Queste le nuove scadenze per invio abstract e poster


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Il 7,2% di medici ed odontoiatri che, sulla piattaforma del Green pass, risultano ‘inadempienti’ e da verificare. Anelli: “si tratta di un dato grezzo che non fotografa la situazione reale”


ANSOC scrive al Ministero chiedendo un incontro insieme alle altre Associazioni di riferimento. Di Fulvio: “Inspiegabile ed assurda la riduzione di rimborso da somme già insufficienti a coprire i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi