HOME - Chirurgia Orale
 
 
01 Dicembre 2011

Tecnica osteotomica piezoelettrica e rotante

di E. Pedullà, G. Severino, A. Cinquerrui, E. Rapisarda


Obiettivi
Scopo del lavoro è confrontare le sequele postoperatorie dopo chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica o rotante ad alta velocità.
Materiali e metodi
Nello studio sono stati inclusi 150 pazienti con terzi molari inferiori inclusi: 75 pazienti sono stati trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica (gruppo A) e 75 pazienti, invece, mediante tecnica osteotomica rotante ad alta velocità (gruppo B). Lo stesso protocollo terapeutico è stato applicato a entrambi i gruppi. Ventiquattro ore dopo l’intervento chirurgico, sono stati valutati in entrambi gruppi due parametri diversi, la tumefazione facciale e il serramento.
Risultati
Il tempo chirurgico medio è stato di 22,65 minuti nel gruppo A e di 17,56 minuti nel gruppo B; in media la tumefazione facciale è stata di 4,44 mm nel gruppo A e di 6,67 mm nel gruppo B; sono stati rilevati valori medi di serramento di 12,28 mm nel gruppo A e di 17,28 mm nel gruppo B. L’analisi statistica ha mostrato una riduzione significativa (p < 0,001) sia della tumefazione sia del serramento postoperatori nel gruppo A; tuttavia in questo gruppo un aumento statisticamente significativo (p < 0,001) è stato riscontrato nella durata dell’intervento chirurgico.
Conclusioni
La tecnica osteotomica piezoelettrica ha prodotto tumefazione e serramento minori nel postoperatorio della chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, ma ha richiesto un tempo maggiore d’intervento, se confrontata con la tecnica osteotomica rotante ad alta velocità



Articoli correlati

La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Dispositivo piezolettrico o chirurgia tradizionale?

di Lara Figini


Obiettivi. Scopo di questo studio prospettico randomizzato è valutare, mediante un protocollo chirurgico split-mouth, se la somministrazione intraoperatoria di cortisone (desametasone sodio fosfato,...


PREMESSE. La presenza di terzi molari inferiori inclusi richiede spesso l’estrazione chirurgica. La gestione delle complicanze postoperatorie, come il dolore e l’infiammazione, è una fase...


Altri Articoli

Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Dopo la presentazione del Manuale di Odontoiatria Speciale, dal suo 20° Congresso la SIOH punta alla formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra verso un’odontoiatria a misura dei pazienti...


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi