HOME - Chirurgia Orale
 
 
01 Dicembre 2011

Tecnica osteotomica piezoelettrica e rotante

di E. Pedullà, G. Severino, A. Cinquerrui, E. Rapisarda


Obiettivi
Scopo del lavoro è confrontare le sequele postoperatorie dopo chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica o rotante ad alta velocità.
Materiali e metodi
Nello studio sono stati inclusi 150 pazienti con terzi molari inferiori inclusi: 75 pazienti sono stati trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica (gruppo A) e 75 pazienti, invece, mediante tecnica osteotomica rotante ad alta velocità (gruppo B). Lo stesso protocollo terapeutico è stato applicato a entrambi i gruppi. Ventiquattro ore dopo l’intervento chirurgico, sono stati valutati in entrambi gruppi due parametri diversi, la tumefazione facciale e il serramento.
Risultati
Il tempo chirurgico medio è stato di 22,65 minuti nel gruppo A e di 17,56 minuti nel gruppo B; in media la tumefazione facciale è stata di 4,44 mm nel gruppo A e di 6,67 mm nel gruppo B; sono stati rilevati valori medi di serramento di 12,28 mm nel gruppo A e di 17,28 mm nel gruppo B. L’analisi statistica ha mostrato una riduzione significativa (p < 0,001) sia della tumefazione sia del serramento postoperatori nel gruppo A; tuttavia in questo gruppo un aumento statisticamente significativo (p < 0,001) è stato riscontrato nella durata dell’intervento chirurgico.
Conclusioni
La tecnica osteotomica piezoelettrica ha prodotto tumefazione e serramento minori nel postoperatorio della chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, ma ha richiesto un tempo maggiore d’intervento, se confrontata con la tecnica osteotomica rotante ad alta velocità



Articoli correlati

La chirurgia del terzo molare è la più comune procedura in chirurgia orale, e le sue più frequenti complicanze o disagi post-operatori sono il dolore, il gonfiore e il...

di Lara Figini


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Dispositivo piezolettrico o chirurgia tradizionale?

di Lara Figini


Obiettivi. Scopo di questo studio prospettico randomizzato è valutare, mediante un protocollo chirurgico split-mouth, se la somministrazione intraoperatoria di cortisone (desametasone sodio fosfato,...


Altri Articoli

Alessandro Baj

Test sierologici fine a se stessi o studi multicentrici di ricerca? Ne abbiamo parlato con il professor Alessandro Baj


Il Tavolo tecnico modifica il testo su mascherine e camici ed il CTS approva. Il prof Gherlone ci spiega le modifiche e parla del futuro del Tavolo Tecnico 


Alcune considerazioni del dott. Dario Bardellotto sulle possibili soluzioni per combattere gli inquinanti indoor chimici, fisici e biologici di uno studio dentistico


La Società spagnola per il diabete (SED) e la Società spagnola di parodontologia portano l’attenzione sul malato diabetico ed i rischi in questo periodo di Covid-19. Raccomandata la massima...


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni