HOME - Chirurgia Orale
 
 
12 Febbraio 2013

In tema di sedazione cosciente

Intervista a Mario Carbone

di Danilo A. Di Stefano


Gli interventi chirurgici odontoiatrici, soprattutto se complessi, molto spesso ingenerano sentimenti quali paura, ansia, fobie; la risposta a questo importante problema risiede nelle tecniche sedative e di anestesia generale che permettono di operare senza stress per il paziente. Inoltre, un atto chirurgico eseguito in stato di "benessere" consente anche all'operatore di agire in modo ottimale.

Si potrebbe affermare che, al fine di un maggior confort, la durata dell'intervento e il trauma chirurgico a esso legato richiederebbero sempre, anche indipendentemente dallo stato emotivo del paziente, un approccio sedativo. Spesso, purtroppo, questo aspetto del trattamento è trascurato, negando agio e
benessere al paziente e non si considerano le sue esigenze al centro della terapia.
È importante ricordare che prevenire ansia e stress vuol dire anche prevenire patologie latenti e a carattere sistemico. Anche se poco utilizzata nel nostro Paese, riteniamo che la sedazione inalatoria con protossido di azoto e ossigeno sia un ottimo strumento per risolvere al meglio questo tipo di problematiche.

Ci fa piacere affrontare l'argomento con il Prof. Mario Carbone, che ci aiuterà a far luce anche su alcune precisazioni normative e di carattere medico-legale. Mario Carbone, oltre a essere specialista in Odontostomatologia, è anche specialista in Anestesia e Rianimazione. Tra i vari incarichi che svolge come docente presso l'Università degli Studi di Torino ricordiamo in particolare gli insegnamenti: "Trattamento odontoiatrico nei pazienti affetti da malattie sistemiche" e "Sedazione cosciente in Odontoiatria", svolti nell'ambito del Master di "Medicina orale e trattamento odontoiatrico dei pazienti a rischio". Autore di 150 pubblicazioni scientifi che, di cui 41 su riviste indicizzate su Pubmed, è socio dell'AINOS (Società Italiana di Anestesia odontostomatologica) e dell'IRC (Italian Resuscitation Council).



Articoli correlati

Il trattamento a livello odontoiatrico di pazienti in terapia cronica con anticoagulanti è ormai onnipresente nella pratica medica ambulatoriale, in quanto gli anticoagulanti...

di Lara Figini


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Dispositivo piezolettrico o chirurgia tradizionale?

di Lara Figini


Altri Articoli

A denunciare un diplomato odontotecnico di 55 anni di Palermo, con l’accusa di esercizio abusivo della professione sanitaria, sono stati i carabinieri del NAS. Secondo quanto riportato dalla...


“Il meccanismo delle detrazioni sanitarie - è più costoso, regressivo e diseguale territorialmente rispetto a quello degli oneri deducibili applicato alla Sanità Integrativa. Si tratta, inoltre,...


Per i dentisti, igienisti dentali e laboratori odontotecnici che emettono la fattura elettronica per le prestazioni esenti Ivascade lunedì 22 luglio il termine per pagare l'imposta di...


Giornata di incontri istituzionali quella di martedì 16 luglio tra FNOMCeO e Ministro della Salute On. Giulia Grillo ed il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Marco...


Da oltre mezzo secolo l’Acse, l’ambulatorio dei Padri Comboniani, di via del Buon Consiglio a Roma, rappresenta un punto di riferimento per tutte quelle persone costrette ai margini della vita...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi