HOME - Chirurgia Orale
 
 
12 Febbraio 2013

In tema di sedazione cosciente

Intervista a Mario Carbone

di Danilo A. Di Stefano


Gli interventi chirurgici odontoiatrici, soprattutto se complessi, molto spesso ingenerano sentimenti quali paura, ansia, fobie; la risposta a questo importante problema risiede nelle tecniche sedative e di anestesia generale che permettono di operare senza stress per il paziente. Inoltre, un atto chirurgico eseguito in stato di "benessere" consente anche all'operatore di agire in modo ottimale.

Si potrebbe affermare che, al fine di un maggior confort, la durata dell'intervento e il trauma chirurgico a esso legato richiederebbero sempre, anche indipendentemente dallo stato emotivo del paziente, un approccio sedativo. Spesso, purtroppo, questo aspetto del trattamento è trascurato, negando agio e
benessere al paziente e non si considerano le sue esigenze al centro della terapia.
È importante ricordare che prevenire ansia e stress vuol dire anche prevenire patologie latenti e a carattere sistemico. Anche se poco utilizzata nel nostro Paese, riteniamo che la sedazione inalatoria con protossido di azoto e ossigeno sia un ottimo strumento per risolvere al meglio questo tipo di problematiche.

Ci fa piacere affrontare l'argomento con il Prof. Mario Carbone, che ci aiuterà a far luce anche su alcune precisazioni normative e di carattere medico-legale. Mario Carbone, oltre a essere specialista in Odontostomatologia, è anche specialista in Anestesia e Rianimazione. Tra i vari incarichi che svolge come docente presso l'Università degli Studi di Torino ricordiamo in particolare gli insegnamenti: "Trattamento odontoiatrico nei pazienti affetti da malattie sistemiche" e "Sedazione cosciente in Odontoiatria", svolti nell'ambito del Master di "Medicina orale e trattamento odontoiatrico dei pazienti a rischio". Autore di 150 pubblicazioni scientifi che, di cui 41 su riviste indicizzate su Pubmed, è socio dell'AINOS (Società Italiana di Anestesia odontostomatologica) e dell'IRC (Italian Resuscitation Council).



Articoli correlati

I denti con struttura coronale residua ridotta, con carie, riassorbimento o una linea di frattura che si estende anche al di sotto del solco gengivale spesso vengono considerati...

di Lara Figini


Il trattamento a livello odontoiatrico di pazienti in terapia cronica con anticoagulanti è ormai onnipresente nella pratica medica ambulatoriale, in quanto gli anticoagulanti...

di Lara Figini


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Dispositivo piezolettrico o chirurgia tradizionale?

di Lara Figini


Altri Articoli

La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


Per l’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina di Roma sono 9700 nuovi casi in un anno in Italia. Attivata campagna di prevenzione con visite gratuite


Intelligenza artificiali, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale. Anche la prevenzione dei danni da fumo trova nuove...


Il punteggio medio nazionale registrato tra gli idonei è di 35,23. Ecco le previsioni dei punteggi minimi necessari per entrare senza aspettare i "ripescaggi" a medicina ed odontoiatria 


I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi