HOME - Chirurgia Orale
 
 
02 Aprile 2013

Il tessuto adiposo della guancia ha trovato un impiego

La bolla di Bichat riscoperta come sito donatore per le strutture vicine

di Cosma Capobianco


Finora considerata un semplice accessorio anatomico, il tessuto adiposo della guancia, compreso nella bolla di Bichat, sta conoscendo un'inaspettata riscoperta. Infatti, i chirurghi orali hanno incominciato a sfruttarla per sopperire ai deficit di sostanza delle strutture vicine come  palato, pavimento orale e creste alveolari. Situata tra i muscoli buccinatore e massetere, è una struttura che si riduce gradualmente con l'età e dà il caratteristico volume alle guance paffute dei bambini.
Un'interessante rassegna di casi trattati con questa tecnica è stata pubblicata da un gruppo giapponese sul numero di agosto 2012 di Int J Oral Maxillofac Surg (Toshihiro et coll. Applicability of buccal fat pad grafting for oral reconstruction). L'idea non è nuova, dato che la prima segnalazione in letteratura risale al 1977 e riguarda la chiusura di una comunicazione oro-sinusale che rimane ancora la sua principale applicazione.
La bolla di Bichat consiste normalmente di una parte principale, situata sul margine anteriore del massetere, e di quattro estensioni (vestibolare, pterigoidea, temporale superficiale e temporale profonda). La massa è in media di 9 grammi mentre il volume è solo di circa 9 ml (con una leggera differenza a favore del sesso maschile), il che impone di calcolare attentamente le necessità del sito ricevente. Orientativamente, si può tenere come limite un diametro massimo del sito di 4 cm. L'utilizzo di questa riserva di tessuto si  dimostra utile in molte altre situazioni post-chirurgiche, tipicamente nei difetti di sostanza conseguenti a resezione di neoplasie ma anche nelle necrosi da bifosfonati. La tecnica prevede un innesto peduncolato che, se ben eseguito e non soggetto a eccessiva trazione, si riepitelizza nel giro di un mese grazie alla sua ricca vascolarizzazione. Dal punto di vista istologico la guarigione avviene mediante trasformazione fibrotica del tessuto adiposo e copertura con epitelio squamoso stratificato paracheratosico. Grazie alla sua relativa facilità di mobilizzazione e alla scarsa incidenza di complicazioni, è un tipo di innesto ideale per quanto limitato volumetricamente. Per questo è necessario valutarlo preoperativamente mediante RM o TC. È curioso notare che qualche volta, invece, si ricorre all'eliminazione della bolla di Bichat, come negli interventi di "femminilizzazione facciale" eseguiti nei soggetti transessuali.

Articoli correlati

La tecnica Sub-periosteal Peri-implant Augmented Layer,  S.P.A.L presentata con la “passione” del prof. Leonardo Trombelli


La perdita dei denti provoca inevitabilmente un rimodellamento osseo e la riduzione delle dimensioni orizzontale e verticale della cresta alveolare. Nel mascellare superiore può...

di Giulia Palandrani


I bifosfonati sono ampiamente utilizzati per il trattamento delle anomalie del metabolismo osseo, per esempio nell’osteoporosi. Il loro uso continuativo porta a una forte...

di Alessandra Abbà


I dentisti, così come i chirurghi orali, rappresentano una categoria indiscutibilmente molto esposta a svariate malattie infettive professionali, a causa delle procedure dentali...


Il trapianto di un dente da un sito all’altro nello stesso paziente, chiamato autotrapianto, rappresenta oggi una tecnica ben documentata che dovrebbe essere considerata come...

di Lara Figini


Altri Articoli

Aziende     15 Gennaio 2021

Il 2021 visto dal Phibo

L’odontoiatria digitale, le nuove acquisizioni, il CEO ed il Direttore dell'Innovazione del  Gruppo Phibo svelano i progetti futuri


L’obiettivo è fare in modo che la pensione spettante a vedove e orfani sia calcolata sull’importo a cui il familiare deceduto avrebbe avuto diritto al termine della propria carriera


Il neo assessore Moratti conferma il ruolo degli Ordini provinciali nella raccolta dei nominativi degli aderenti 


Assunzione a tempo indeterminato, la candidatura al concorso deve pervenire entro l’11 febbraio 2021


Rispondendo ad Odontoiatria33 il Commissario Straordinario conferma che non è possibile modificare in questa fase le priorità indicate nel piano vaccinale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta