HOME - Chirurgia Orale
 
 
02 Aprile 2013

Il tessuto adiposo della guancia ha trovato un impiego

La bolla di Bichat riscoperta come sito donatore per le strutture vicine

di Cosma Capobianco


Finora considerata un semplice accessorio anatomico, il tessuto adiposo della guancia, compreso nella bolla di Bichat, sta conoscendo un'inaspettata riscoperta. Infatti, i chirurghi orali hanno incominciato a sfruttarla per sopperire ai deficit di sostanza delle strutture vicine come  palato, pavimento orale e creste alveolari. Situata tra i muscoli buccinatore e massetere, è una struttura che si riduce gradualmente con l'età e dà il caratteristico volume alle guance paffute dei bambini.
Un'interessante rassegna di casi trattati con questa tecnica è stata pubblicata da un gruppo giapponese sul numero di agosto 2012 di Int J Oral Maxillofac Surg (Toshihiro et coll. Applicability of buccal fat pad grafting for oral reconstruction). L'idea non è nuova, dato che la prima segnalazione in letteratura risale al 1977 e riguarda la chiusura di una comunicazione oro-sinusale che rimane ancora la sua principale applicazione.
La bolla di Bichat consiste normalmente di una parte principale, situata sul margine anteriore del massetere, e di quattro estensioni (vestibolare, pterigoidea, temporale superficiale e temporale profonda). La massa è in media di 9 grammi mentre il volume è solo di circa 9 ml (con una leggera differenza a favore del sesso maschile), il che impone di calcolare attentamente le necessità del sito ricevente. Orientativamente, si può tenere come limite un diametro massimo del sito di 4 cm. L'utilizzo di questa riserva di tessuto si  dimostra utile in molte altre situazioni post-chirurgiche, tipicamente nei difetti di sostanza conseguenti a resezione di neoplasie ma anche nelle necrosi da bifosfonati. La tecnica prevede un innesto peduncolato che, se ben eseguito e non soggetto a eccessiva trazione, si riepitelizza nel giro di un mese grazie alla sua ricca vascolarizzazione. Dal punto di vista istologico la guarigione avviene mediante trasformazione fibrotica del tessuto adiposo e copertura con epitelio squamoso stratificato paracheratosico. Grazie alla sua relativa facilità di mobilizzazione e alla scarsa incidenza di complicazioni, è un tipo di innesto ideale per quanto limitato volumetricamente. Per questo è necessario valutarlo preoperativamente mediante RM o TC. È curioso notare che qualche volta, invece, si ricorre all'eliminazione della bolla di Bichat, come negli interventi di "femminilizzazione facciale" eseguiti nei soggetti transessuali.

Articoli correlati

L’allungamento di corona è una delle procedure chirurgiche di più frequente utilizzo durante la pratica clinica parodontale. è una tecnica che consente di evitare una...

di Edoardo Mancuso


L’estrazione di un elemento dentale, oltre ad avere un impatto diretto sulla qualità della vita, avvia una cascata di eventi biologici che ne risultano come le alterazioni...

di Lara Figini


Le suture sono il dispositivo medico più utilizzato per la chiusura della ferita. Lo scopo principale della sutura è quello di controllare il sanguinamento nell’immediato...

di Lara Figini


Immagine di archivio

La rimozione chirurgica dei terzi molari mandibolari è uno dei trattamenti più frequentemente eseguito dai chirurghi orali, e nonostante l’ampio ricorso a procedure...

di Lara Figini


La rimozione chirurgica dei terzi molari inferiori impattati o semi-impattati è una procedura di routine invasiva, eseguita da chirurghi orali e maxillo-faciali, che coinvolge...

di Lara Figini


Altri Articoli

Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION