HOME - Chirurgia Orale
 
 
01 Marzo 2013

Decorso postoperatorio in pazienti con terzi molari inclusi trattati con due diverse tecniche osteotomiche rotanti

di E. Pedullà, A. Cinquerrui, C. Liardo, A. Marchetta, E. Rapisarda, S. Ferlito


Obiettivi. Scopo del lavoro è confrontare alcuni aspetti del decorso postoperatorio di pazienti che hanno subito un intervento di chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, trattati con due diverse tecniche osteotomiche rotanti (turbina oppure contrangolo moltiplicatore 1:5, anello rosso)
Materiali e metodi. Nello studio sono stati arruolati 120 pazienti con terzi molari inferiori inclusi: 60 pazienti sono stati trattati mediante tecnica osteotomica con turbina (gruppo A) e 60 pazienti, invece, mediante tecnica osteotomica con moltiplicatore 1:5 (gruppo B). Lo stesso protocollo terapeutico è stato applicato a entrambi i gruppi. La durata dell'intervento è stata registrata. Quarantotto ore dopo la chirurgia sono stati valutati in entrambi i gruppi due parametri diversi: la tumefazione facciale e il serramento.
Risultati. Il valore medio (± deviazione standard) della tumefazione facciale è stato pari a 6,2 (± 3,61) mm nel gruppo A (osteotomia con turbina) e 4,86 (± 2,26) mm nel gruppo B (osteotomia mediante contrangolo moltiplicatore 1:5); il valore medio del serramento mandibolare è stato pari a 16,26 (± 9,46) mm nel gruppo A e 13 (± 6,32) mm nel gruppo B. L'analisi statistica ha mostrato una riduzione significativa dei due parametri nel gruppo B (p < 0,05); tuttavia, l'incremento del tempo chirurgico riscontrato nel gruppo B rispetto al gruppo A non è risultato statisticamente significativo (p > 0,05).
Conclusioni. La tecnica osteotomica con contrangolo moltiplicatore 1:5 ha determinato una riduzione della tumefazione facciale e del serramento mandibolare nel decorso postoperatorio di pazienti sottoposti a chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, pur senza allungare il tempo dell'intervento chirurgico.



Articoli correlati

I trattamenti endodontici vantano ormai successi prevedibili. Talvolta però può verificarsi un fallimento come conseguenza di un’infezione persistente o di una...

di Lara Figini


In ambito odontoiatrico-chirurgico sono state proposte diverse tecniche per risolvere il problema della grave atrofia mascellare, come il rialzo del seno mascellare, la...

di Lara Figini


La riduzione del disagio post-operatorio dopo la rimozione del terzo molare è argomento di grande interesse per tutti i chirurghi orali e maxillo-facciali e per i loro pazienti....

di Giulia Palandrani


In letteratura non vi è ancora totale chiarezza circa il regime di profilassi antibiotica da utilizzare per prevenire fallimenti o infezioni post-operatorie in pazienti sani...

di Giulia Palandrani


La perforazione rotante convenzionale è l’approccio più comune per la preparazione dell’alloggio implantare, ma esistono altri sistemi prevedibili per ottenere tale...

di Lara Figini


Altri Articoli

Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


In attesa del Decreto con modalità operative, l’ENPAM ha dato il via libera alla procedura online per individuare i medici e gli odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero 


Si avvicina (nuovamente) la scadenza che obbligherà gli studi ad avere solo ASO qualificati. Ecco gli scenari per i già assunti, chi potrà essere assunto fino al 20 aprile e chi dopo


Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiali i Decreti firmati dal Ministro della Salute Roberto Speranza attraverso i quali assegna le deleghe al sottosegretario alla...


Il presidente Guarnieri (CAO Cosenza) pone alcune considerazioni e questioni sull’applicazione della norma che obbliga i sanitari a vaccinarsi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente