HOME - Chirurgia Orale
 
 
18 Novembre 2014

Lesione mandibolare a stretto contatto con il forame mentale: approccio mini invasivo

di T. Ghedini, J. Motta Jones


Il trattamento chirurgico di lesioni mascellari a stretto contatto con strutture anatomiche nobili aumenta notevolmente il rischio di sequele post-operatorie invalidanti per il paziente.

L'utilizzo della tecnologia piezoelettrica, come in questo caso, permette di eseguire una chirurgia non solo più semplice e alla portata di chirurghi meno esperti ma anche di limitare al massimo le possibili complicanze intra e post-operatorie.

La paziente, 73 anni, si presenta presso il nostro Istituto per una visita di controllo.
L'esame obiettivo intraorale evidenzia una parodontite cronica dell'adulto, a carico di elementi pilastri protesici, confermata dallo studio dell'OPT.


L'indagine inoltre evidenza la presenza di una lesione radiotrasparente apicale associata all'elemento 44 già precedentemente trattato endodonticamente.

 

Il sospetto diagnostico è di cisti radicolare di origine odontogena. Data la compromissione parodontale dell'elemento si opta non per il ritrattamento ma per l'estrazione dello stesso con la lesione associata mantenendo però la protesi fissa esistente. Si prescrive una tomografia computerizzata in modo da poter osservare i margini della lesione nelle tre dimensioni e indagare i rapporti con il nervo alveolare inferiore.



La paziente è in trattamento per l'osteoporosi da 10 anni con acido alendronico assunto per os una volta a settimana. Nel tentativo di prevenire eventuali sequele infettive post-operatorie, con il rischio di sviluppo di osteonecrosi da bisfosfonati, si decide per una terapia antibiotica da iniziare 3 giorni prima dell'intervento (Amoxicillina + Ac. Clavulanico 1 gr, 1 cpr ogni 12 ore) da continuare fino alla guarigione dei tessuti molli.

L'intervento viene eseguito in sedazione cosciente. Previa anestesia plessica (2 tubofiale di Articaina cloridrato 40 mg/ml, soluzione iniettabile con adrenalina 1:100000) si esegue un'incisione intrasulculare con scarico mesialmente all'elemento 43 e distalmente all'elemento 45 scolpita mediante lama 15C. Successivamente viene elevato un lembo mucoperiosteo isolando l'emergenza del nervo mentoniero.


L'ostectomia di accesso viene eseguita con strumenti ultrasonici mediante inserti diamantati in modo da prevenire eventuali danni alle strutture nobili contigue.




Si procede quindi con l'odontotomia a livello della radice mantenendo la corona all'interno della struttura protesica. Al fine del mantenimento del ponte osseo vestibolare si effettua un'ulteriore odontotomia verticale.
Nel contempo tramite cucchiai di Lucas si procede con il clivaggio della lesione dal suo contesto osseo e finalmente si estrae la radice residua associata.

 


Si può notare, una volta enucleata la lesione, il suo stretto rapporto con il ginocchio del nervo alveolare inferiore.



Viene poi effettuata un' attenta revisione mediante inserti ultrasonici da elevazione di seno mascellare.




Viene posta una spugna di collagene nella cavità residua e suturato mediante monofilamento Ethilon 5-0 in modo da ottenere una chiusura per prima intenzione ed una corretta emostasi.



Al termine vengono prescritti Naprossene sodico 550 mg (1 cpr 2 volte al giorno per 3 giorni a stomaco pieno) e sciacqui con Clorexidina allo 0,2% (1 sciacquo puro ogni 12 ore dopo l'igiene orale per 10 giorni a partire dal mattino seguente). Alla rimozione sutura la guarigione risulta nella norma.

L'esame istopatologico conferma il sospetto clinico di cisti radicolare. Ai successivi controlli a 3 settimane e a 3 mesi si evidenzia una sempre migliore guarigione clinica e radiografica senza alcun segno di alterazione della sensibilità a carico del nervo alveolare inferiore.

Articoli correlati

I dentisti, così come i chirurghi orali, rappresentano una categoria indiscutibilmente molto esposta a svariate malattie infettive professionali, a causa delle procedure dentali...


Il trapianto di un dente da un sito all’altro nello stesso paziente, chiamato autotrapianto, rappresenta oggi una tecnica ben documentata che dovrebbe essere considerata come...

di Lara Figini


Immagine di archivio

L’avulsione del dente provoca un riassorbimento dell’osso alveolare sia in senso verticale che orizzontale con un rimodellamento volumetrico spontaneo dei tessuti duri e...

di Alessandra Abbà


L’allungamento di corona è una delle procedure chirurgiche di più frequente utilizzo durante la pratica clinica parodontale. è una tecnica che consente di evitare una...

di Edoardo Mancuso


L’estrazione di un elemento dentale, oltre ad avere un impatto diretto sulla qualità della vita, avvia una cascata di eventi biologici che ne risultano come le alterazioni...

di Lara Figini


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio