HOME - Chirurgia Orale
 
 
25 Giugno 2015

Inquadramento clinico e trattamento chirurgico dei terzi molari inferiori inclusi

di Anna Maria Melica


Il primo modulo della prima parte del II corso FAD (Dental Cadmos 6/2015, Autori A. Di Marco, M. Sicilia, L. Crivelli, T. Ghedini, J. Motta Jones) ha come obiettivo la valutazione delle indicazioni all'estrazione dei terzi molari inferiori inclusi e delle relative difficoltà operatorie. Il lavoro descrive una tecnica operativa ben definita e presenta protocolli per la gestione del decorso postoperatorio e delle eventuali complicanze.

I terzi molari inferiori sono gli elementi che più frequentemente vanno incontro a mancata eruzione (82,2%) e presentano aspetti particolari che rendono l'intervento di avulsione più difficoltoso rispetto ad altri elementi dentari.
Per ridurre al minimo il rischio di danni iatrogeni e prevenire le eventuali complicanze chirurgiche e mediche intra e postoperatorie risulta di fondamentale importanza una accurata valutazione preoperatoria del paziente, anche da un punto di vista sistemico, e la conoscenza dell'anatomia del distretto operato.

Il primo passaggio che il clinico deve compiere per una corretta pianificazione dell'intervento consiste nell'analizzare le variabili cliniche e radiografiche. A tal proposito sono prese in esame le due storiche classificazioni relative agli ottavi inferiori: Winter e Pell&Gregory.

L'intervento segue precisi protocolli chirurgici. Dopo l'esecuzione di un'anestesia loco-regionale, si procede all'allestimento di un lembo di accesso mucoperiosteo a spessore totale, la cui scelta è determinata principalmente dalla profondità dell'inclusione e dalla posizione del terzo molare. In tutti i casi, il lembo deve creare un sufficiente accesso chirurgico (visivo e strumentale), evitare le strutture anatomiche circostanti (nervo linguale, arteria facciale), consentire un corretto riposizionamento del lembo e un'agevole sutura.

L'utilizzo dello strumentario piezoelettrico rappresenta una valida alternativa nei casi di ostectomia profonda e per l'avulsione di residui radicolari in stretto rapporto con strutture anatomiche nobili.

Il decorso postoperatorio che segue l'intervento chirurgico di avulsione può essere caratterizzato da diversi segni e sintomi, è importante informare il paziente sulla sintomatologia più frequente che comprende trisma, edema della zona interessata e sanguinamento.
Poiché gli interventi di avulsione degli ottavi inferiori prevedono l'utilizzo di uno strumentario base per la chirurgia estrattiva e uno strumentario specifico per le manovre di ostectomia e odontotomia, sono anche forniti i criteri di scelta più adeguati per l'esecuzione dell'intervento, per la preparazione del paziente e dell'ambiente di lavoro.

A cura di: Anna Maria Melica

  • Ostectomia vestibolare eseguita con manipolo piezoelettrico con inserto OT7

  • Odontotomia e separazione radici eseguita con fresa a fessura montata su manipolo dritto

  • Avulsione radice mesiale mediante klemmer dopo lussazione con leva dritta tipo Bein 1

  • Alveolo post-estrattivo

  • Sutura con filamento non riassorbibile in seta 4/0

Articoli correlati

Pubblicato uno dei primi lavori europei riguardante l’impatto che il Covid-19 ha avuto sugli odontoiatri. Ricerca condotta grazie alla collaborazione tra Federazione Regionale degli Ordini...


Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Altri Articoli

Critici i sindacati che ricordano come molti dentisti sono stati costretti a chiudere sia per l’elevato rischio di esposizione che per i costi legati alle forniture dei sistemi di protezioni...


Per il presidente Cassarà non si può mettere in discussione i rischi della professione che deve essere considerata prioritaria per ricevere i vaccini  


Il Gruppo europeo con oltre 300 cliniche in Europa acquista il gruppo italiano ed approda nel mercato italiano


Nella restaurativa abbiamo visto tutto e il suo contrario, nella protesi pure. Il tema affrontato dal prof. Massimo Gagliani è quello dei perni

di Massimo Gagliani


Berrutti (UNIDI): Lo spostamento di Expodental Meeting a giugno tiene conto del mutato calendario fieristico e della volontà di espositori e visitatori di incontrarsi nuovamente


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale