HOME - Conservativa
 
 
09 Dicembre 2015

Preriscaldamento dei nuovi materiali compositi Bulk-fill: contrazione da polimerizzazione e grado di conversione

di Lara Figini


Una resina composita ideale dovrebbe presentare un elevato grado di conversione (DC) e solo una minima contrazione da polimerizzazione

L'adeguata conversione di materiali compositi in resina è essenziale per determinare il loro rendimento meccanico.

Idealmente, durante la reazione di polimerizzazione tutto il monomero nel materiale composito di resina dovrebbe essere convertito a polimero. Tuttavia i monomeri dimetacrilato presentano doppi legami carbonio residuo nel materiale finale, con un grado di conversione (DC) che oscilla tra il 55 % e il 75% [ Eliades 1987, Ferracane 1986, Ruyter 1988].

Recentemente sono stati introdotti sul mercato i compositi Bulk-fill che stanno ricevendo attenzione soprattutto perché possono permettere incrementi di 4 mm senza effetti negativi sulla polimerizzazione, vantando buonissima caratteristica di adattamento alle cavità e un buon grado di conversione (DC) . Inoltre la loro contrazione da polimerizzazione pare essere inferiore ai compositi convenzionali, tale da ridurre le problematiche post-operatorie di formazione di gap con conseguente formazione di carie secondaria.

Ormai è noto che il tipo di materiale composito e la temperatura pre-polimerizzazione influenzano il grado di contrazione finale del composito.

Pre-riscaldando i nuovi compositi bulk-fill durante i restauri prima della fotoattivazione pare diminuisca ulteriormente la forza di contrazione da polimerizzazione indotta senza compromettere il grado di conversione ancora di più che non nei materiali compositi convenzionali.

Di questo se ne parla in un articolo comparso sul Journal od Dentistry di novembre 2015.

Gli autori di questo lavoro hanno analizzato quattro materiali compositi bulk-fill (Tetric EvoCeram Bulk Fill-TECBF, x-tra fil-XF, QuixFil-QF, SonicFill-SF) e un composito convenzionale nano-ibrido (Tetric EvoCeram-TCE). I materiali di prova sono stati o conservati a temperatura ambiente o preriscaldata a 68 ° C mediante un dispositivo di riscaldamento commerciale, prima di essere fotoattivati con lampada fotopolimerizzante a LED per 20s a 1170mW / cm . Sono quindi stati registrati i valori di forza di contrazione a 1,5 mm di spessore in tempo reale per 15min all'interno di una camera a temperatura controllata a 25 ° C (temperatura di simulazione intraorale dopo l'applicazione della diga di gomma) con un analizzatore di stress misura. E' stato anche analizzato il grado di conversione dei campioni mediante spettroscopia infrarossa. I dati sono stati analizzati con test t, HSD test post-hoc ANOVA e Tukey.

Gli autori hanno ottenuto i seguenti risultati:

il preriscaldamento del materiale composito prima della fotopolimerizzazione ha portato a un aumento significativo del grado di conversione del Tetric EvoCeram Bulk Fill (TECBF), ma non ha avuto effetti particolari sulla conversione dei monomeri degli altri materiali indagati. Per ciascuno dei materiali di prova, i compositi preriscaldati hanno generato forze di contrazione significativamente inferiori rispetto ai compositi utilizzati a temperatura ambiente.

Preriscaldare i materiali compositi prima della foto- polimerizzazione riduce significativamente la forza di contrazione anche dei nuovi compositi ad alta viscosità bulk-fill oltre ai compositi di resina convenzionali, ma la diversità del grado di conversione finale dipende molto anche dal materiale composito specifico utilizzato.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

- C. Eliades, G.J. Vougiouklakis, A.A. Caputo Degree of double bond conversion in light-cured composites Dent Mater, 3 (1) (1987), pp. 19-25

- J.L. Ferracane, E.H. Greener The effect of resin formulation on the degree of conversion and mechanical properties of dental restorative resins J Biomed Mater Res, 20 (1) (1986), pp. 121-131

- I.E. Ruyter, H. Oysaed Analysis and characterization of dental polymers Crit Rev Biocompat, 4 (3) (1988), pp. 247-279- J Dent. 2015 Nov;43(11):1358-64.  Pre-heating of high-viscosity bulk-fill resin composites: Effects on shrinkage force and monomer conversion. Tauböck TT, Tarle Z, Marovic D, Attin T.

Articoli correlati

Una scoperta USA potrebbe permettere ai dentisti di identificare i materiali di restauro più adatti ai tessuti e al microbioma orale di ciascun paziente.


I materiali endodontici utilizzati per l'otturazione canalare e per le riparazioni radicolari vengono considerati ottimali qualora posseggano determinate caratteristiche tra cui:- non devono essere...


I restauri dentali tendono ad avere durata limitata e nello specifico i restauri in composito, prevalentemente per la contrazione da polimerizzazione, subiscono col tempo microperdite con la...


Continua l'attenzione del settore sul servizio de Le Iene andato in onda domenica scorsa. Dopo la posizione della CAO arriva anche quella di ANDI che in un articolo a firma del segretario nazionale...


Altri Articoli

Presentato il suo nuovo sito internet con una nuova veste grafica e una soluzione di e-commerce migliorata, che offre una procedura d’ordine semplificata e più efficiente


Molti i dubbi sulle modalità di applicazione per studi e laboratori. ANTLO: molto dipenderà dai decreti attuativi


INAIL: 8 infezioni su 10 sono in ambito sanitario ma dopo il lockdow scendono tra le professioni sanitarie ed aumento di altri settori di attività. I pochi dati sull’odontoiatria, rassicurano


Tra le richieste anche quella di sostenere la produzione europea. Già oggi in commercio prodotti riciclabili che rispettano le indicazioni ministeriali, l’ambiente e risultando anche economici


Finisce davanti al giudice la richiesta di un ASO che riteneva i problemi a schiena e spalle fossero di natura professionale. Riconosciuto l’indennizzo per l’inabilità certificata


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio