HOME - Conservativa
 
 
20 Aprile 2016

Le ricostruzioni parziali negli elementi anteriori e posteriori con metodiche di impronta digitale

di R.Spreafico, F. Brenna, M. Nuvina, C. Robello, M. Grassi, M. Gagliani


Due lavori (III e IV modulo) del primo corso FAD 2016 di Dental Cadmos hanno come argomento le ricostruzioni parziali sia nei settori posteriori sia in quelli anteriori.

Il primo lavoro (Le ricostruzioni parziali negli elementi posteriori con metodiche di impronta digitale, autori R.Spreafico, F. Brenna, M. Nuvina, C. Robello, M. Grassi, M. Gagliani, Dental Cadmos 3/2016) è soprattutto dedicato ai nuovi metodi digitali di acquisizione dell'impronta, ma prende anche in esame le tipologie degli elementi dentali interessati dai restauri, la loro classificazione con particolare attenzione alle indicazioni cliniche e alla longevità dei materiali compositi e delle ceramiche.

Le metodiche tradizionali per la preparazione di ricostruzioni indirette prevedono il rilevamento di una impronta, l'invio in laboratorio, la sua colatura con materiale di precisione e la realizzazione, da parte di un odontotecnico, di un manufatto con il materiale di scelta. Oggi il ricorso alle tecnologie digitali rappresenta una valida alternativa a queste fasi di lavoro e l'impiego di uno scanner intra-orale vicaria la presa dell'impronta con materiale di precisione (fig. 1).

  • Fig.1 Esecuzione di impronta con scanner intraorale


Nella procedura cosiddetta "chair-side" o alla poltrona con il paziente, le informazioni dell'impronta digitale vengono subito elaborate, si progetta un manufatto adeguato per forma e misura, si inviano le informazioni a un fresatore che, nel tempo richiesto dalla complessità del manufatto stesso, restituirà un intarsio o una corona nel materiale desiderato (figg. 2-4).

  • Fig. 2 Immagine a monitor che identifica preparazione e limiti della stessa

  • Fig. 3 Fresatore in azione

  • Fig. 4 Un intarsio in materiale ceramico vetroso ancora grezzo


Questo, se realizzato in composito o in ceramica, opportunamente caratterizzato e trattato potrà essere provato nella cavità preparata e, se giudicato idoneo, cementato nella medesima seduta (figg. 5-7)

  • Fig. 5 Elemento dentale con vecchio restauro in amalgama da sostituire: esiste

  • Fig. 6 Preparazione cavitaria per restauro indiretto tipo overlay

  • Fig. 7 Il restauro cementato


Un flusso analogo si verifica quando le informazioni dell'impronta digitale giungono (via web, via posta elettronica o con "corrieri elettronici" diversi) al laboratorio odontotecnico dove il percorso di progettazione e di invio al fresatore avviene nello stesso modo precedente. Cambia solo la consegna al paziente che risente unicamente del tempo di trasferimento dal laboratorio allo studio dell'intarsio realizzato.

I risultati garantiti dai sistemi di presa dell'impronta digitale per la realizzazione di

ricostruzioni indirette sono affidabili e riproducibili al pari di quelli ottenibili con metodiche tradizionali, una scelta clinica da perseguire al fine di ottenere restauri di qualità, duraturi nel tempo e privi di effetti indesiderati.

Il secondo lavoro (La ricostruzione parziale negli elementi anteriori con metodiche di impronta digitale, autori F. Brenna, R. Spreafico, M. Nuvina, C. Robello, M. Gagliani, Dental Cadmos 4/2016) ha come tema le ricostruzioni estetiche impiegate per restaurare elementi dentali anteriori danneggiati da processi cariosi o da discromie e traumi.

Sono descritte le indicazioni d'uso delle faccette in ceramica o in altri materiali estetici simili, le tipologie di preparazioni dentali, i sistemi per condizionare il substrato dentale e i materiali da cementazione.

I criteri di scelta tra restauro diretto e indiretto parziale sono spesso legati alla vitalità dell'elemento dentale, alla perdita di una parte consistente del tessuto interprossimale e alla profondità, sempre a livello interprossimale, della lesione. Tanto più sarà profonda, ovvero oltre la giunzione amelo-cementizia, tanto meglio funzionerà la tecnica indiretta parziale. La seconda scelta tra restauro indiretto parziale o totale è legata alla presenza o meno di smalto di spessore adeguato lungo il contorno della superficie dentale residua, quanto più smalto è rappresentato, tanto più le tecniche adesive per ricostruzioni parziali indirette saranno idonee a ritenere il restauro. Non sono infrequenti gli impieghi delle tecniche adesive, sussidiate da metodiche digitali per la preparazione dei materiali da ricostruzione, per le finalità di tipo estetico che possono coinvolgere la faccia vestibolare o le facce interprossimali, per esempio nella chiusura di diastemi o per il miglioramento dei volumi di denti di ridotte dimensioni o conoidi.

Le alternative di ricostruzione nei settori anteriori possono quindi essere varie e sia le metodiche indirette, in senso lato, sia quelle mediate da sistemi CAD/CAM possono essere utili nel ripristino morfo-funzionale duraturo di questi elementi dentali (figg. 8-11).

  • Fig. 8: Elementi dentali del settore anteriore che presentano difetti di forma e di croma; situazione ideale per la preparazione di faccette in materiale ceramico

  • Fig. 9: La prove delle stesse con materiale grezzo per verificare le forme e le relazioni con i tessuti periorali

  • Fig. 10: La cementazione sotto diga di gomma requisito ideale per ottenere un’adesione efficace

  • Fig. 11: Il risultato finale che si armonizza ottimamente con i tessuti parodontali e gli elementi dentali vicini


Il flusso di lavoro digitale per la realizzazione di restauri indiretti, siano essi in composito o in materiale ceramico, è variabile, mentre non paiono essere presenti grandi discrepanze riguardo al grado di precisione raggiungibile con restauri interamente eseguiti in laboratorio se paragonati a quelli messi a punto con sistemi "chair-side" (figg. 12, 13 a,b).

  • Fig.12: Progettazione CAD di quattro faccette in ceramica vetrosa

  • Fig.13: Realizzazione delle stesse a un anno dalla cementazione nella visione vestibolare

  • Fig.14: Realizzazione delle stesse a un anno dalla cementazione nella visione occlusale


La possibilità di ricostruire con materiali compositi o ceramici elementi dentali anteriori è nota da tempo, l'opportunità di eseguire questi restauri con sistematiche CAD/CAM è oggi più riproducibile e parimenti efficace.

Sintesi a cura di: Anna Maria Melica, Consulente Scientifica Dental Cadmos

Articoli correlati

I denti mancanti nella regione estetica anteriore rappresentano quasi sempre un'urgente necessità per il paziente di ricorrere ad interventi dentali dovendo ripristinare sia l'aspetto estetico...


Non di rado l'odontoiatra si trova ad affrontare casi di bambini e adolescenti con problemi funzionali ed estetici dovuti a denti anteriori mancanti. Le principali cause di tali perdite dei denti...


Tra le tante informazioni interessanti emerse dalla ricerca DOXA-AIOP sulla salute orale degli italinai, quelle legate alla mancanza degli elementi dentali ed alla protesizzazione rappresentano un...


Obiettivo del quinto e ultimo modulo del primo corso FAD (Dental Cadmos 5/2014) è quello di valutare le indicazioni al restauro ceramico parziale nei settori anteriori, le fasi operative...


In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi