HOME - Conservativa
 
 
22 Giugno 2016

Diastema mediano: soluzione estetica mini-invasiva

di Emanuele Nardelli


Una paziente di 35 anni si è presentata nel reparto di odontoiatria Restaurativa lamentando la presenza di un diastema tra i due incisivi centrali superiori. Già sottoposta a trattamento ortodontico, la mancanza di contenzione ha portato alla comparsa del problema. Dato il rifiuto da parte della paziente di intraprendere nuovamente una soluzione ortodontica, due restauri diretti vengono proposti come la soluzione meno invasiva.

Materiali e metodi:

Un mock-up diretto è stato eseguito per scegliere la massa composito da utilizzare (A1 ceram.x® universal). Dopo l'isolamento i denti sono stati mordenzati con DeTrey® Conditioner 36 secondo le istruzioni del produttore. Successivamente, l'adesivo Prime&Bond® XP è stato applicato e, dopo la fase di polimerizzazione, ceram.x® universal A1 è stato usato per ricostruire gli elementi. Il posizionamento di un unico apporto per elemento e la modellazione sono stati eseguiti tramite l'uso di una spatola sottile e flessibile. La procedura di rebonding è stata quindi effettuata con lo stesso adesivo usato precedentemente, questo per fare in modo di prevenire eventuali micro-infilatrazioni future causa di discolorazioni marginali e carie secondaria. Come ultimo passaggio, il sistema ceram.x® gloss è stato usatoper rifinire e brillantare i restauri. Tutte le foto sono state eseguite per mezzo di un corpo macchina full-frame abbinato ad un obiettivo 150 mm macro.

L'illluminazione è stata fornita da due flash con relativi diffusori.

Discussione e conclusioni:

Per chiudere un diastema in una paziente di 35 anni con buona igiene orale, l'ortodonzia è probabilmente la scelta migliore. Tuttavia, visto il fallimento precedente, la paziente si è rifiutata di intraprendere nuovamente questo percorso. I restauri indiretti sono stati scartati per il costo elevato. L'unica scelta, nonché quella meno invasiva, è quindi la ricostruzione diretta in composito dei due elementi. La soluzione del caso è stata raggiunta in un singolo appuntamento da 1,5 ore grazie al mock-up diretto e alle proprietà mimetiche dei compositi ceram.x® universal.

  • Fotografia pre-operatoria, si noti la presenza di diastema tra 11 e 21

  • Il mock-up e' stato eseguito per selezionare il croma da utilizzare prima dell'isolamento con diga di gomma. La disidratazione causata da quest'ultimo influenza infatti fortemente il colore dei denti e la loro opacita'. In questo caso, la massa di composito scelta e' stata ceram.x universal con croma A1

  • L'isolamento con diga di gomma e' obbligatorio durante qualsiasi procedura di tipo adesivo

  • Mordenzatura con acido orto-fosforico al 36% (DeTrey Conditioner 36) è stata eseguita per 30 s sulle superfici di smalto

  • Il mordenzante e' stato rimosso con getto di aria e acqua per circa 30 s

  • Un self-priming bonding (Prime Bond XP) e' stato applicato sulle superfici mordenzate attraverso un microbrush. Dopo 20 s e' stato soffiato delicatamente e polimerizzato per altri 20 s

  • Ceram.x universal A1 e' stato posizionato sul dente e modellato tramite una spatola sottile. Tutta la procedura e' stata eseguita a mano libera

  • Prime Bond XP e' stato utilizzato per la procedura di rebonding per abbassare il rischio di micro-infiltrazioni con le relative conseguenze. Un ciclo finale di polimerizzazione e' stato eseguito per 1 minuto su ciascun elemento

  • Una fresa multilama usata a 10000 rpm e' stata usata per regolarizzare la superficie e renderla quindi omogenea. Dopodiche' il sistema ceram.x gloss e' stato usato a 8000 rpm con una leggera pressione per rifinire ulteriormente le ricostruzioni e infine brillantarle

  • Fotografia post-operatoria, il diastema e' stato chiuso con due ricostruzioni dirette

 

Il caso presentato ha vinto il Ceram.x Contest 2015/2016 indetto da Dentsply Italia

Autore Emanuele Nardelli

Tutor: Prof. Eugenio Brambilla

Università: Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Scienze Biomediche, Chirurgiche e Odontoiatriche, Istituto IRCCS Galeazzi

Articoli correlati

Il colore è stato studiato scientificamente collegando il suo aspetto alle misurazioni colorimetriche della luce che penetra nell’occhio. Tuttavia, lo scopo principale della...

di Lorenzo Breschi


Il restauro degli incisivi centrali superiori trattati endodonticamente con difetti di classe III è una sfida a oggi molto impegnativa.L’obiettivo è quello di ridare...

di Simona Chirico


aziende     17 Giugno 2019

Global Clinical Case Contest

Dentsply Sirona ha presentato i risultati dell’edizione 2018/2019 del Global Clinical Case Contest, il concorso universitario mondiale che Dentsply organizza ogni anno, dal...


L’evento del dentale, organizzato da UNIDI-Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane rappresenta un’occasione unica e imperdibile per i professionisti dell’oral care che...


Altri Articoli

Dai suoi primi passi come piccola filiale dell’azienda svedese TePe Munhygienprodukter AB, TePe Italia è cresciuta costantemente. Attualmente, TePe è il secondo marchio di...


I consigli della psicoanalista, ai dentisti ed agli altri operatori del settore dentale, per imparare ad affrontare gli imprevisti ed a convivere con i timori


Venerdì 10 aprile webinar live con il prof. Giovanni Lodi per capire come gestire nello studio odontoiatrico i pazienti che assumono farmaci vecchi e nuovi che interferiscono con l’emostasi


I consigli le indicazioni le implicazioni odontoiatriche del COVID-19 spiegate dal prof. Burioni che ricorda: site tra le categorie più a rischio ma curate persone, dovrete farlo in sicurezza....


Lettera aperta al presidente ENPAM Alberto Oliveti del presidente SUSO Gianvito Chiarello che chiede il rinvio al prossimo autunno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP