HOME - Conservativa
 
 
27 Luglio 2016

Rigenerazione pulpare: un farmaco per cardiopatici la soluzione?

di Massimo Gagliani


Dentina e polpa possono essere danneggiate da carie e trauma. Il danno pulpare iniziale si traduce spesso in una pulpite, che è comunemente sintomatica. Come progredisce la ferita pulpare, essa può causare la necrosi liquefattiva della polpa dentale. In pazienti con denti ad apici immaturi, la necrosi pulpare arresta lo sviluppo delle radici e aumenta la suscettibilità alle fratture. La pulpotomia è una delle modalità per mantenere vitale un dente al fine di promuovere lo sviluppo della radice prima che si instauri una necrosi pulpare totale.

L'ingegneria tissutale, basata su cellule staminali, recentemente è stata identificata come un'alternativa promettente per la rigenerazione della dentina e della polpa stessa. Nel tentativo di ripristinare l'integrità dei tessuti dentali, le cellule staminali possono essere impiantate nella camera pulpare, con il fine di mantenere la polpa coronale; questa sarebbe poi in grado di rigenerare parte della dentina persa.

Sulla base di questi assunti i ricercatori Weiqian J et al. - Università di Pechino - hanno pubblicato sul Journal of Endodontics un articolo in proposito (Simvastatin Promotes Dental Pulp Stem Cell-induced Coronal Pulp Regeneration inPulpotomized Teeth Journal of Endodontics - 1049-1054, Jul 2016) dove hanno verificato le potenzialità che la simvastatina (SIM) - un un inibitore della riduttasi competitivo 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A, farmaco ampiamente usato per il trattamento delle iperlipidemie dei vasculopatici e cardiopatici - avrebbe nel generare una nuova mineralizzazione attraverso la stimolazione di Cellule Staminali Pulpari (DPSCs), così da essere un promettente materiale biocompatibile per l'incappucciamento della polpa, avendo il potenziale di indurre la rigenerazione pulpare e una neo-formazione di dentina.

La SIM, in recenti studi ha dimostrato di stimolare l'espressione della proteina morfogenetica dell'osso (BMP) 2-2 e 3, promuovendo la formazione dell'osso stesso partendo da cellule staminali del midollo.

La polpa dentaria umana possiede una sotto-popolazione di cellule con le caratteristiche fenotipiche delle cellule staminali (cDPSCs), come indicato dalla loro forte potenzialità proliferative e di auto-rinnovamento, dalla differenziazione multilineare e dall'espressione di molteplici indicatori di superficie tipici delle cellule staminali mesenchimali.

L'unione della SIM con le cDPSCs è stata altamente positiva e

i risultati hanno indicato che l'introduzione di cDPSCs trattate con SIM nella camera pulpare dopo pulpotomia potrebbe portare alla rigenerazione della polpa coronale, così come la rigenerazione della dentina, in tempi assai rapidi.

Il lavoro afferma che SIM stimola la mineralizzazione cDPSCs sia in vivo che in vitro. Le cellule staminali pulpari trattate con SIM hanno mostrato una maggiore formazione di noduli di mineralizzazione. Inoltre, esperimenti di trapianto delle stesse, in topi immunodepressi, hanno dimostrato che la SIM ha aumentato la differenziazione delle cellule totipotenti odontogeniche.

La terapia con stimolazione o impianto delle cellule staminali sembra un eccellente elemento nella rigenerazione della polpa e della dentina e la SIM si è dimostrata un materiale biocompatibile favorevole nell'incappucciamento della polpa al fine di indurre la rigenerazione di polpa e dentina.

A cura di: prof. Massimo Gagliani Direttore Scientifico settore Odontoiatria Gruppo Edra

Articoli correlati

Negli ultimi 20 anni diversi biomateriali sono stati sviluppati per le applicazioni di ingegneria tissutale anche in ambito odontoiatrico e nello specifico in ambito endodontico per stimolare la...


Un nuovo approccio all'odontoiatria restaurativa potrebbe giungere da un processo di riparazione semplice, naturale e rapido sperimentato in uno studio inglese su modello animale dal team di Paul...


La precoce esposizione a due prodotti chimici spesso presenti nel packaging dei cibi e nei fungicidi possono produrre danni irreversibili ai denti dei bambini. L'affermazione arriva sulla base dei...


Perché mettere sotto il cuscino  i dentini da latte o buttare i denti del giudizio estratti? Purché sani e privi di carie o patologie i denti, e nello specifico la polpa dentaria,...


L'Università degli Studi di Firenze (Dipartimento di Chirurgia e Medicina Traslazionale) e l'Istituto di Ricerca e Formazione odontoiatrica Microdentistry hanno condotto, insieme, un'analisi...


Altri Articoli

Il dott. Nick Sandro Miranda informa delle criticità indicate dall’OMCeO di Udine spiegandone alcuni passaggi 


Sotto la lente dell’Autority presunte pratiche commerciali scorrette nell’offerta di servizi assicurativi, pratiche evidenziate anche nell’esposto ANOMEC


SIdP: parodontite e diabete, un pericoloso legame a doppio filo. Grazie ai dentisti si può prevenire attraverso diagnosi precoce ed individuare grazie a semplici test alla poltrona


Disappunto del dott. Mele su di una decisione dell’Agenzia delle Entrate che rischia di complicare la vita dei contribuenti in periodo di Covid e scadenze fiscali


Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta sul tema dell’Iva sui riuniti odontoiatrici nate da incomprensioni sulla lettura del Dl 34/2000 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali