HOME - Conservativa
 
 
26 Ottobre 2016

Inlay onlay e overlay: perché falliscono e quale durata hanno. Le risposte dalla letteratura

di Lara Figini


I restauri indiretti parziali classificati come :

- inlay senza ricopertura delle cuspidi,

- onlay con ricopertura di almeno 1cuspide, e

- overlays con copertura di tutte le cuspidi

consentono la conservazione della struttura dentale residua, promuovendo anche il rinforzo del dente compromesso dalla carie o dalla frattura.

I restauri indiretti sono ricostruzioni parziali che richiedono una più estesa e complicata preparazione del dente e hanno costi per i pazienti superiori rispetto alle classiche ricostruzioni dirette. Per questi due motivi i restauri indiretti devono offrire una maggiore durata e performance rispetto alle più semplici e meno costose otturazioni dirette.

Tanti sono gli studi effettuati per valutare caratteristiche fisiche e meccaniche di questi tipi di ricostruzioni ma pochi sono gli studi che ne valutano la reale durata degli stessi e le cause del loro fallimento.

Una revisione sistematica pubblicata sul Journal of Dental Research di agosto 2016 ne ha effettuato una meta-analisi finalizzata a valutare il tasso di sopravvivenza di resina e ceramica inlay, onlay, e overlay identificandone i tipi di complicanze associate.

Gli autori hanno ricercato, sulla base di una search strategy prestabilita, studi clinici randomizzati, prospettici e retrospettivi pubblicati tra il 1983 e il 2014 che riguardassero la sopravvivenza dei resturi in resina e ceramica inlay, onlay, overlay mediante l'utilizzo delle seguenti banche dati:

a) MEDLINE /PubMed (fino al 2 aprile 2015),

b) il registro Cochrane Central di Controlled Trials (fino al 2 aprile 2015),

c) EMBASE (fino al 1 agosto 2014).

I criteri di inclusione sono stati i seguenti:

1) studi clinici riguardanti inlay, onlay, e overlay in composito e ceramica in denti umani posteriori

2) studi clinici con follow-up clinico (studi prospettici, studi retrospettivi, o RCT).

I criteri di esclusione sono stati i seguenti:

- gli articoli senza una descrizione della procedura o in cui erano stati effettuati preparazioni non comuni

- Case report

- Studi in vitro, interviste, protocolli o revisioni sistematiche

- Studi condotti su gruppi di pazienti particolari (bruxisti, con ipoplasia o altri)

- Studi con la stessa campionatura (è stato considerato il più recente e / o più completo)

- Studi senza una analisi di sopravvivenza o con dati incompleti per l'analisi

- Studi con un tasso di perdita dei pazienti superiore al 30%;

- Studi con un follow-up più breve di 5 anni

Di 1.389 articoli, 14 hanno soddisfatto i criteri di inclusione. La meta-regressione ha indicato che il tipo di materiale ceramico (porcellana feldspatica vs vetroceramica), il disegno dello studio (retrospettivo vs. prospettico), il tempo di follow-up (5 vs 10 y), e l'impostazione dello studio (università vs. clinica privata) non influenza il tasso di sopravvivenza. I tassi di sopravvivenza stimati per la vetro-ceramica e porcellana feldspatica sono risultati essere tra il 92% e il 95% a 5 anni (N = 5.811 restauri) e del 91% a 10 y (n = 2.154 restauri).

I fallimenti sono stati correlati a fratture / scheggiatura nel 4% dei casi , a complicazioni endodontiche nel 3% dei casi a carie secondaria nel 1% dei casi , al debonding nel 1% dei casi, e a grave discolorazione marginale nello 0% dei casi.

Da questa meta-analisi emerge che il tasso di sopravvivenza di inlay, onlay, e overlay è molto elevato sia a 5 y che a 10 y ed è indipendentemente dal materiale ceramico utilizzato, dal disegno dello studio, e dall'impostazione di studio. Le fratture rimangono le più frequenti cause di fallimento. Il tipo di dente (premolare, molare etc.) non sembra influenzare il tasso di sopravvivenza, ma la vitalità del dente ne aumenta il successo a distanza.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

J Dent Res.2016 Aug;95(9):985-94. SurvivalRateofResinandCeramicInlays,Onlays, andOverlays: ASystematicReviewandMeta-analysis. Morimoto S,Rebello de Sampaio FB,Braga MM,Sesma N,Özcan M.

Articoli correlati

Negli ultimi anni l’utilizzo delle ceramiche CAD-CAM chairside è rapidamente aumentato. La scelta dei materiali include il silicato di litio rinforzato con zirconia (VS), le...

di Lorenzo Breschi


La zirconia (ZrO2) è una ceramica policristallina ad alta resistenza ed è considerata un materiale adatto per corone singole (SC) e protesi dentali fisse a più elementi (FDP),...

di Lara Figini


La richiesta crescente di sorrisi belli e armoniosi ha incrementato l’uso di faccette in ceramica. Questi restauri estetici, che si dice siano minimamente invasivi in termini di...

di Lorenzo Breschi


Quando dobbiamo affrontare un caso clinico che riguarda la frattura di un incisivo, in cui vi è stato il coinvolgimento di smalto, dentina e polpa, il nostro obiettivo è...

di Simona Chirico


Lo scopo di questo studio, pubblicato su Dental Materials, era di stimare la resistenza alla fatica ciclica di premolari restaurati con due tipologie differenti di ceramiche...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Mentre il Parlamento europeo si interroga su di un possibile “passaporto sanitario” necessario per poter viaggiare tra gli Stati, in sanità si sta cominciando a discutere...

di Norberto Maccagno


Con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate viene posticipata la scadenza dell’invio dei dati per fatture emesse, e rimborsate, nel 2020


Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale