HOME - Conservativa
 
 
26 Ottobre 2016

Inlay onlay e overlay: perché falliscono e quale durata hanno. Le risposte dalla letteratura

di Lara Figini


I restauri indiretti parziali classificati come :

- inlay senza ricopertura delle cuspidi,

- onlay con ricopertura di almeno 1cuspide, e

- overlays con copertura di tutte le cuspidi

consentono la conservazione della struttura dentale residua, promuovendo anche il rinforzo del dente compromesso dalla carie o dalla frattura.

I restauri indiretti sono ricostruzioni parziali che richiedono una più estesa e complicata preparazione del dente e hanno costi per i pazienti superiori rispetto alle classiche ricostruzioni dirette. Per questi due motivi i restauri indiretti devono offrire una maggiore durata e performance rispetto alle più semplici e meno costose otturazioni dirette.

Tanti sono gli studi effettuati per valutare caratteristiche fisiche e meccaniche di questi tipi di ricostruzioni ma pochi sono gli studi che ne valutano la reale durata degli stessi e le cause del loro fallimento.

Una revisione sistematica pubblicata sul Journal of Dental Research di agosto 2016 ne ha effettuato una meta-analisi finalizzata a valutare il tasso di sopravvivenza di resina e ceramica inlay, onlay, e overlay identificandone i tipi di complicanze associate.

Gli autori hanno ricercato, sulla base di una search strategy prestabilita, studi clinici randomizzati, prospettici e retrospettivi pubblicati tra il 1983 e il 2014 che riguardassero la sopravvivenza dei resturi in resina e ceramica inlay, onlay, overlay mediante l'utilizzo delle seguenti banche dati:

a) MEDLINE /PubMed (fino al 2 aprile 2015),

b) il registro Cochrane Central di Controlled Trials (fino al 2 aprile 2015),

c) EMBASE (fino al 1 agosto 2014).

I criteri di inclusione sono stati i seguenti:

1) studi clinici riguardanti inlay, onlay, e overlay in composito e ceramica in denti umani posteriori

2) studi clinici con follow-up clinico (studi prospettici, studi retrospettivi, o RCT).

I criteri di esclusione sono stati i seguenti:

- gli articoli senza una descrizione della procedura o in cui erano stati effettuati preparazioni non comuni

- Case report

- Studi in vitro, interviste, protocolli o revisioni sistematiche

- Studi condotti su gruppi di pazienti particolari (bruxisti, con ipoplasia o altri)

- Studi con la stessa campionatura (è stato considerato il più recente e / o più completo)

- Studi senza una analisi di sopravvivenza o con dati incompleti per l'analisi

- Studi con un tasso di perdita dei pazienti superiore al 30%;

- Studi con un follow-up più breve di 5 anni

Di 1.389 articoli, 14 hanno soddisfatto i criteri di inclusione. La meta-regressione ha indicato che il tipo di materiale ceramico (porcellana feldspatica vs vetroceramica), il disegno dello studio (retrospettivo vs. prospettico), il tempo di follow-up (5 vs 10 y), e l'impostazione dello studio (università vs. clinica privata) non influenza il tasso di sopravvivenza. I tassi di sopravvivenza stimati per la vetro-ceramica e porcellana feldspatica sono risultati essere tra il 92% e il 95% a 5 anni (N = 5.811 restauri) e del 91% a 10 y (n = 2.154 restauri).

I fallimenti sono stati correlati a fratture / scheggiatura nel 4% dei casi , a complicazioni endodontiche nel 3% dei casi a carie secondaria nel 1% dei casi , al debonding nel 1% dei casi, e a grave discolorazione marginale nello 0% dei casi.

Da questa meta-analisi emerge che il tasso di sopravvivenza di inlay, onlay, e overlay è molto elevato sia a 5 y che a 10 y ed è indipendentemente dal materiale ceramico utilizzato, dal disegno dello studio, e dall'impostazione di studio. Le fratture rimangono le più frequenti cause di fallimento. Il tipo di dente (premolare, molare etc.) non sembra influenzare il tasso di sopravvivenza, ma la vitalità del dente ne aumenta il successo a distanza.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

J Dent Res.2016 Aug;95(9):985-94. SurvivalRateofResinandCeramicInlays,Onlays, andOverlays: ASystematicReviewandMeta-analysis. Morimoto S,Rebello de Sampaio FB,Braga MM,Sesma N,Özcan M.

Articoli correlati

I sistemi di vetroceramica rinforzati sono sempre più utilizzati per le riabilitazioni monolitiche grazie al continuo miglioramento delle loro proprietà meccaniche associate...

di Lara Figini


L’aumento delle esigenze estetiche dei pazienti ha portato a sviluppare una sempre maggiore varietà di materiali estetici, e i restauri estetici di successo clinico combinano...

di Lara Figini


La carie dentale e le malattie periodontali, tra cui gengivite e parodontite, sono causate da batteri organizzati in biofilm tridimensionali adesi alle superfici dentali, ai...

di Lara Figini


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi