HOME - Conservativa
 
 
26 Ottobre 2016

Inlay onlay e overlay: perché falliscono e quale durata hanno. Le risposte dalla letteratura

di Lara Figini


I restauri indiretti parziali classificati come :

- inlay senza ricopertura delle cuspidi,

- onlay con ricopertura di almeno 1cuspide, e

- overlays con copertura di tutte le cuspidi

consentono la conservazione della struttura dentale residua, promuovendo anche il rinforzo del dente compromesso dalla carie o dalla frattura.

I restauri indiretti sono ricostruzioni parziali che richiedono una più estesa e complicata preparazione del dente e hanno costi per i pazienti superiori rispetto alle classiche ricostruzioni dirette. Per questi due motivi i restauri indiretti devono offrire una maggiore durata e performance rispetto alle più semplici e meno costose otturazioni dirette.

Tanti sono gli studi effettuati per valutare caratteristiche fisiche e meccaniche di questi tipi di ricostruzioni ma pochi sono gli studi che ne valutano la reale durata degli stessi e le cause del loro fallimento.

Una revisione sistematica pubblicata sul Journal of Dental Research di agosto 2016 ne ha effettuato una meta-analisi finalizzata a valutare il tasso di sopravvivenza di resina e ceramica inlay, onlay, e overlay identificandone i tipi di complicanze associate.

Gli autori hanno ricercato, sulla base di una search strategy prestabilita, studi clinici randomizzati, prospettici e retrospettivi pubblicati tra il 1983 e il 2014 che riguardassero la sopravvivenza dei resturi in resina e ceramica inlay, onlay, overlay mediante l'utilizzo delle seguenti banche dati:

a) MEDLINE /PubMed (fino al 2 aprile 2015),

b) il registro Cochrane Central di Controlled Trials (fino al 2 aprile 2015),

c) EMBASE (fino al 1 agosto 2014).

I criteri di inclusione sono stati i seguenti:

1) studi clinici riguardanti inlay, onlay, e overlay in composito e ceramica in denti umani posteriori

2) studi clinici con follow-up clinico (studi prospettici, studi retrospettivi, o RCT).

I criteri di esclusione sono stati i seguenti:

- gli articoli senza una descrizione della procedura o in cui erano stati effettuati preparazioni non comuni

- Case report

- Studi in vitro, interviste, protocolli o revisioni sistematiche

- Studi condotti su gruppi di pazienti particolari (bruxisti, con ipoplasia o altri)

- Studi con la stessa campionatura (è stato considerato il più recente e / o più completo)

- Studi senza una analisi di sopravvivenza o con dati incompleti per l'analisi

- Studi con un tasso di perdita dei pazienti superiore al 30%;

- Studi con un follow-up più breve di 5 anni

Di 1.389 articoli, 14 hanno soddisfatto i criteri di inclusione. La meta-regressione ha indicato che il tipo di materiale ceramico (porcellana feldspatica vs vetroceramica), il disegno dello studio (retrospettivo vs. prospettico), il tempo di follow-up (5 vs 10 y), e l'impostazione dello studio (università vs. clinica privata) non influenza il tasso di sopravvivenza. I tassi di sopravvivenza stimati per la vetro-ceramica e porcellana feldspatica sono risultati essere tra il 92% e il 95% a 5 anni (N = 5.811 restauri) e del 91% a 10 y (n = 2.154 restauri).

I fallimenti sono stati correlati a fratture / scheggiatura nel 4% dei casi , a complicazioni endodontiche nel 3% dei casi a carie secondaria nel 1% dei casi , al debonding nel 1% dei casi, e a grave discolorazione marginale nello 0% dei casi.

Da questa meta-analisi emerge che il tasso di sopravvivenza di inlay, onlay, e overlay è molto elevato sia a 5 y che a 10 y ed è indipendentemente dal materiale ceramico utilizzato, dal disegno dello studio, e dall'impostazione di studio. Le fratture rimangono le più frequenti cause di fallimento. Il tipo di dente (premolare, molare etc.) non sembra influenzare il tasso di sopravvivenza, ma la vitalità del dente ne aumenta il successo a distanza.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

J Dent Res.2016 Aug;95(9):985-94. SurvivalRateofResinandCeramicInlays,Onlays, andOverlays: ASystematicReviewandMeta-analysis. Morimoto S,Rebello de Sampaio FB,Braga MM,Sesma N,Özcan M.

Articoli correlati

Il cavo orale rappresenta un ambiente ostile per i materiali dentali utilizzati in odontoiatria. Stress fisici e chimici, causati da bevande acide e componenti alimentari...

di Lara Figini


Il materiale innovativo combina un’altissima stabilità con un’elevata elasticità, consentendo riabilitazioni minimamente invasive ed estremamente precise.


La metallo-ceramiche per le protesi supportate da impianti ha sempre rappresentato il gold standard nonché il materiale più studiato in letteratura, ma oggigiorno l’utilizzo...

di Alessandra Abbà


Negli ultimi anni l’utilizzo delle ceramiche CAD-CAM chairside è rapidamente aumentato. La scelta dei materiali include il silicato di litio rinforzato con zirconia (VS), le...

di Lorenzo Breschi


La zirconia (ZrO2) è una ceramica policristallina ad alta resistenza ed è considerata un materiale adatto per corone singole (SC) e protesi dentali fisse a più elementi (FDP),...

di Lara Figini


Altri Articoli

La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


Il Decreto-Legge 21 settembre 2021, n. 127  (DL Green Pass Lavoro) recante Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio