HOME - Conservativa
 
 
14 Febbraio 2017

Approcci troppo invasivi dei dentisti Usa nel trattamento della carie. Dentisti generici fanalino di coda per l'utilizzo della diga

di Adelmo Calatroni


Il trattamento delle lesioni cariose è parte dell'attività quotidiana della maggior parte dei dentisti. Ci sono però ampie variazioni, sia riguardo ai criteri diagnostici che alle tecniche di trattamento, che possono andare da una completa asportazione del tessuto a diversi approcci meno invasivi, a seconda della scelta dell'odontoiatra. Su Jada, il giornale della American Dental Association, è comparsa un'analisi volta a differenziare le scelte cliniche in base alla tipologia di professionisti: dentisti generici, dentisti pediatrici ed endodontisti.

"Lo scorso anno - scrivono i ricercatori americani - un gruppo internazionale di esperti aveva pubblicato delle raccomandazioni che, oltre a proporsi di unificare le terminologie adottate su questo tema, avevano cercato di offrire dei criteri per orientare in maniera ottimale le scelte cliniche; tuttavia, per facilitare l'implementazione di linee guida basate sulle evidenze scientifiche, dobbiamo prima capire come operano effettivamente i dentisti nella loro pratica abituale e, sulla base di questo, determinare quali cambiamenti sono necessari".

Il numero di studi su questo tema è limitato e gli autori hanno dunque condotto, attraverso Internet, un sondaggio tra gli odontoiatri statunitensi, a cui hanno risposto 175 dentisti generici, 511 dentisti pediatrici e 377 specialisti in endodonzia.

Ne è risultato che la maggior parte degli endodontisti (68%) e quasi la metà dei dentisti generici (47%) effettua generalmente una rimozione completa della carie nel timore che minacci la vitalità della polpa. Al contrario, il 74% dei dentisti pediatrici si è detto in disaccordo con questo approccio e il 31% di loro effettua abitualmente una rimozione parziale, contro appena il 12% dei dentisti generici e il 4% degli endodontisti.

Alla domanda se, nelle lesioni cariose profonde, il tessuto dentale vicino alla polpa debba essere preservato per evitarne l'esposizione, il 45% dei dentisti generici e il 65% dei dentisti pediatrici si sono detti d'accordo o fortemente d'accordo, mentre il 66% degli endodontisti intervistati è contrario.

La valutazione del grado di durezza della dentina è stato il criterio diagnostico più importante, adottato dal 90% dei dentisti generici, dal 72% dei dentisti pediatrici e dall'88% degli endodontisti, mentre altri testi diagnostici, come quello della sensibilità al freddo, è stato utilizzato rispettivamente dal 30%, 17% e 90%. Una percentuale piuttosto elevata (dal 30% al 40% di chi ha risposto il sondaggio, indipendentemente dalla tipologia professionale) ha dichiarato di ritenere sempre opportuno il trattamento endodontico delle lesioni cariose profonde nei pazienti in età pediatrica, anche in assenza di sintomi.

Un altro dato che fa riflettere è relativo all'utilizzo della diga di gomma, strumento semplice e non nuovo, che è ritenuto essenziale ogni volta che il dentista si accinge a fare un'otturazione o una devitalizzazione e viene raccomandato da tutte le linee guida. Se quasi tutti gli endodontisti (98%) e gran parte dei dentisti pediatrici (88%) ha affermato di farne un uso standard, vi ricorre meno di un dentista generico statunitense su tre (31%).

Volendo trovare una sintesi dei numerosi e diversificati dati prodotti dallo studio, ciò che emerge con maggior forza è la ancora scarsa diffusione dei metodi meno invasivi, con una situazione un po' migliore dei dentisti pediatrici ma, sorprendentemente, non degli specialisti in endodonzia. "Sulla base di questi risultati - affermano gli autori - raccomandiamo di produrre uno sforzo in ambito formativo per enfatizzare opzioni di trattamento più conservative che, benché raccomandate, non sono sufficientemente adottate dai dentisti statunitensi".

Adelmo Calatroni


Per approfondire:
Koopaeei MM, Inglehart MR, McDonald N, Fontana M. General dentists', pediatric dentists', and endodontists' diagnostic assessment and treatment strategies for deep carious lesions: A comparative analysis. J Am Dent Assoc. 2017 Feb;148(2):64-74.

Articoli correlati

L’uso degli scanner intraorali in tridimensionale (3D) per il monitoraggio della salute orale, in particolare per il rilevamento e la successiva osservazione delle lesioni...

di Lara Figini


Il riconoscimento globale dei benefici dei preparati topici contenenti fluoro, cemento vetroionomerico, fluoruro di diammina d'argento, salutato come "un enorme passo avanti per la salute orale"


Una ricerca ha cercato di capire quanto la posizione della carie può influenzare il successo della pulpotomia completa in denti permanenti con pulpite parziale irreversibile sintomatica


In questa revisione sistematica gli autori hanno voluto determinare l’esito del trattamento basato sull’incappucciamento diretto della polpa in denti permanenti ad apice maturo...

di Lara Figini


Altri Articoli

Per la terza dose si sta procedendo con le categorie a maggior rischio e poi agli altri operatori sanitari. Sileri: a gennaio verosimilmente sarà estesa a tutti i cittadini


Ad aprire le lezioni il prof. Carlo Guastamacchia. Ancora la possibilità di iscriversi ad una full immersion di tre giorno a gennaio


Il doppio libro sulla Restaurativa Adesiva dei settori latero-posteriori supera le 2 mila copie vendute. Albonetti (EDRA), merito della qualità e professionalità dell’Autore


Discordanti le indicazioni del Governo e quelle NHS. Per la British dental Association poca chiarezza che penalizza il paziente


Studi odontoiatrici ma anche laboratori odontotecnici devono “proteggere” i dati sensibili dei pazienti conservati nei computer e device. Il Garante pubblica un utile vademecum 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio