HOME - Conservativa
 
 
07 Settembre 2009

Il vino bianco può macchiare lo smalto dentale

di Debora Bellinzani


Non solo bevande contenenti pigmenti come il vino rosso, ma anche sostanze come il vino bianco possono macchiare i denti.
“Anche se il colore lo fa sembrare apparentemente ‘innocuo’, il vino bianco può in realtà aumentare la capacità dei pigmenti provenienti da altre sostanze introdotte nel cavo orale di colorare lo smalto” ha spiegato Cristina Dobrescu, ricercatrice presso il dipartimento di cariologia del New York College of Dentistry, negli Stati Uniti. L’affermazione deriva da una ricerca non ancora pubblicata che, al contrario di quanto si pensava finora, aggiunge il vino bianco alla lista delle sostanze potenzialmente coloranti. “Finora solo bevande come tè, caffè e vino rosso erano riconosciute come agenti che possono macchiare lo smalto dentale” ha detto la ricercatrice nella sua presentazione; “il nostro studio invece ha dimostrato che anche il vino bianco può avere questa capacità, anche se in modo indiretto”.
Lo studio è stato realizzato immergendo denti di bovino, la cui superficie è comparabile a quella dei denti umani, nel vino bianco per un’ora e successivamente nel tè; le superfici dei denti sono poi state analizzate con lo spettrofotometro, uno strumento che può misurare l’intensità dei colori. “Questo esperimento ha dimostrato che il contatto con il vino bianco provoca sulla superficie più esterna del dente microscopici solchi e aree di ruvidità che permettono ai pigmenti contenuti nel tè di penetrare più profondamente nello smalto, aumentando così la probabilità che il colore dello smalto ne sia alterato” ha affermato Dobrescu. “I denti che erano stati immersi nel vino bianco, infatti, hanno mostrato una capacità di assorbire i pigmenti del tè superiore rispetto ai denti immersi semplicemente nel tè.”
Nelle conclusioni della presentazione, comunque, la ricercatrice ha affermato che non è necessario rinunciare al vino bianco; “il modo migliore per evitare la formazione di macchie, oltre naturalmente a un consumo moderato, è l’uso di un dentifricio contenente uno specifico agente sbiancante”.

Fonte: press release dell’International Association for Dental Research

GdO 2009; 11

Tag

Articoli correlati

L’effetto combinato degli acidi erosivi e degli insulti meccanici a livello orale culmina nella progressiva perdita di smalto, nota come usura erosiva dei denti (ETW). L’uso...

di Lara Figini


Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


L'amelogenesi imperfetta (AI) è un disturbo che colpisce principalmente lo smalto dentario ed è di tipo ereditario e, fortunatamente, poco frequente. Studi internazionali...

di Lara Figini


Altri Articoli

La notizia della settimana è certamente quella “dell’Italia che riapre”, come hanno titolato molti quotidiani. In realtà, come oramai tradizione in questo anno abbondante...

di Norberto Maccagno


Oltre il 59% della popolazione spagnola tra i 35 e i 44 anni necessita di un qualche tipo di protesi dentale


Come verificare se le certificazioni dei Dispositivi medici sono corrette, quali le responsabilità se non lo fossero ed in caso di “incedente” come ci si deve comportare? I consigli...


Firmato il protocollo di intesa tra Governo, Regioni e Province Autonome e FNO TRSM PSTRP per la somministrazione dei vaccini da parte di tutti i professionisti sanitari, compresi gli igienisti...


Iandolo (Cao): “Abbiamo di fronte quattro anni di lavoro a tutela della salute. Prima sfida, le vaccinazioni: adesione massiva ed entusiasta degli Odontoiatri”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente