HOME - Conservativa
 
 
09 Ottobre 2018

Restauri diretti Vs restauri indiretti in denti trattati endodonticamente

Quali costano di più al paziente nell’arco degli anni?

di Lara Figini


I molari trattati endodonticamente possono essere ricostruiti mediante restauri diretti, con compositi resinosi (RBC), o in alternativa con restauri indiretti, cioè corone complete o parziali (FC/PC), realizzati in metallo o porcellana o con entrambi i materiali. I restauri diretti richiedono un solo appuntamento, sono altamente estetici, con costi limitati per il paziente. I restauri indiretti richiedono, invece, diversi appuntamenti con costi di trattamento più elevati.

Dati della letteratura evidenziano però che i denti trattati endodonticamente - ripristinati con l’impiego di FC/PC - mostrano, a distanza, una maggiore resistenza alla frattura rispetto a quelli ricostruiti con compositi diretti (Cobankara, 2008) e minori rischi e complicanze sia protesiche che endodontiche (Dawson, 2017; Raedel, 2015).

Quindi, se inizialmente i restauri diretti appaiono economicamente quelli a minor costo, non è detto che lo siano anche a distanza di tempo, in quanto se maggiormente soggetti a frattura e complicanze è più probabile che debbano essere rivisti o addirittura rifatti, eventualità che sia economicamente che biologicamente ha un ulteriore costo per il paziente da sommare a quello già sostenuto inizialmente.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio tedesco pubblicato sul Journal of Dentistry di ottobre 2018 vengono analizzati i costi, in rapporto all’efficacia, dei restauri diretti a paragone con quelli indiretti a distanza di tempo in molari trattati endodonticamente. Gli autori hanno estrapolato le complicazioni riportate nei vari studi di coorte o revisioni sistematiche.

I costi sono stati stimati utilizzando tariffari di assicurazioni pubbliche e private tedesche. Un modello di Markov è stato costruito per valutare a distanza un molare trattato endodonticamente ricostruito con i diversi restauri in un paziente di 50 anni nel corso della sua vita. È stato esaminato il tempo di durata per ogni restauro e, nell’arco di tempo, quante volte si è dovuto intervenire sul medesimo restauro sommandone i costi relativi.

Risultati
Gli RBC nel tempo sono risultati meno costosi dei restauri indiretti
FC/PC (749 euro spesi durante gli anni di permanenza del dente otturato in questione contro i 782 euro per gli indiretti), ma anche meno efficaci (22 anni di permanenza dell’elemento dentario otturato in questione contro 24 anni per gli indiretti). Il rapporto costo-efficacia incrementale è risultato essere di 10,80 euro/anno.

Nel caso in cui non siano stati sostituiti i denti naturali otturati i restauri RBC sono risultati molto più economici (rapporti costo-efficacia incrementali di 52,95 euro/anno). Nel caso in cui siano stati sostituiti i denti in questione, l'FC è risultato essere sia il più efficace che il meno costoso.

Conclusioni
Dai dati emersi da questo studio, i restauri diretti in composito sui denti trattati endodonticamente mostrano costi inferiori, ma anche minore efficacia rispetto ai restauri indiretti FC/PC. Di conseguenza, il rapporto costo-efficacia di entrambe le strategie dipende dalla disponibilità economica dei pazienti che possono scegliere se spendere meno subito o avere una ricostruzione più duratura ed efficace nel tempo.

Implicazioni cliniche
I pazienti disposti a pagare un prezzo maggiore inizialmente per ricostruire i denti trattati endodonticamente scegliendo la formula dei restauri indiretti FC/PC potranno riscontrare che questa è, a lunga distanza, la scelta più economica
, poiché nonostante lo svantaggio del costo iniziale - nettamente maggiore quello dei restauri indiretti rispetto a quelli diretti - a un’analisi a distanza di anni i costi finali sono abbattuti in quanto minore è la necessità degli interventi di riparazione o di rifacimento integrale del restauro per conservare l’elemento dentale più a lungo.

Clinicamente, un gran numero di fattori legati all’elemento dentale in questione, e al singolo paziente, devono essere presi in considerazione nel processo decisionale.

Per approfondire

  • Cobankara FK, Unlu N, Cetin AR, Ozkan, HB. The effect of different restoration techniques on the fracture resistance of endodontically-treated molars. Oper Dent 2008;33(5):526-33.
  • Dawson VS, Isberg PE, Kvist T, Fransson H. Further treatments of root-filled teeth in the swedish adult population: A comparison of teeth restored with direct and indirect coronal restorations. J Endod 2017;43(9):1428-32.
  • Raedel M, Hartmann A, Bohm S, Walter MH. Three-year outcomes of root canal treatment: mining an insurance database. J Dent 2015;43(4):412-7.
  • Schwendicke F, Stolpe M. Restoring root-canal treated molars: Cost-effectiveness-analysis of direct versus indirect restorations. J Dent 2018 Oct;77:37-42.

Articoli correlati

Il colore è stato studiato scientificamente collegando il suo aspetto alle misurazioni colorimetriche della luce che penetra nell’occhio. Tuttavia, lo scopo principale della...

di Lorenzo Breschi


Il restauro degli incisivi centrali superiori trattati endodonticamente con difetti di classe III è una sfida a oggi molto impegnativa.L’obiettivo è quello di ridare...

di Simona Chirico


aziende     17 Giugno 2019

Global Clinical Case Contest

Dentsply Sirona ha presentato i risultati dell’edizione 2018/2019 del Global Clinical Case Contest, il concorso universitario mondiale che Dentsply organizza ogni anno, dal...


L’evento del dentale, organizzato da UNIDI-Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane rappresenta un’occasione unica e imperdibile per i professionisti dell’oral care che...


Altri Articoli

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


Istituto indica i DPI che gli operatori devono indossare a seconda delle mansioni, comprese quelle che prevedono una esposizione all’aerosol a meno di un metro


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP