HOME - Conservativa
 
 
06 Dicembre 2018

Inlay, onlay e corone. Tassi di sopravvivenza e cause di fallimento a 5 anni 

di Lara Figini


Poiché l'aspettativa di vita è sempre maggiore a livello globale, la popolazione adulta nei paesi sviluppati tende a curare e a mantenere la propria dentatura naturale il più a lungo possibile, scongiurando le procedure estrattive e prediligendo quelle conservative/riabilitative.

Esistono due tipi di restauro che di solito possono essere utilizzati per il ripristino di un dente singolo:

  • restauro diretto;
  • restauro indiretto (inlay, onlay, corone complete).

Ogni tipo di restauro ha le sue indicazioni e controindicazioni, così come i suoi vantaggi e svantaggi. I restauri a ricopertura completa sono ampiamente utilizzati nella pratica clinica quotidiana, specialmente quando la struttura dei denti ha subito una perdita superiore al 50%.

Tutti i restauri in ceramica sono diventati molto popolari grazie alla loro traslucenza e alle loro elevate proprietà estetiche, e ormai frequentemente vengono scelti come materiale di prima scelta.

Ma qual è la prognosi dei vari tipi di restauro sopraelencati e quali sono le complicanze più frequenti che li portano al fallimento?

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In una revisione sistematica pubblicata sul Journal of Ora Rehabilitation di novembre 2018 si è cercato di identificare se i diversi tipi di restauro indiretti comunemente eseguiti per riabilitare funzionalmente i denti singoli avessero diverse complicazioni biologiche e tecniche, così come diversi tassi di sopravvivenza.

Gli autori hanno condotto una ricerca elettronica di tutti gli studi pubblicati sull’argomento tra il 1980 e il 2017 mediante Medline eseguita da 2 revisori indipendenti. Un'ulteriore ricerca elettronica è stata effettuata con i database Scopus ed Embase oltre a una ricerca manuale per gli stessi periodo di tempo. Sono stati paragonati inlay, onlay e corone complete.

Risultati
Dei 2849 studi individuati, solo 9 studi sono stati inclusi nella revisione finale. Purtroppo a causa dell'eterogeneità degli studi non è stato possibile condurre né una meta-analisi né alcun confronto significativo tra i tipi di restauro o i materiali.

Il tasso medio di sopravvivenza a 5 anni degli inlay è risultato essere del 90,89%, mentre per gli onlay e le corone del 93,50% e del 95,38%, rispettivamente. L'analisi statistica ha dimostrato che la carie è la principale complicanza biologica per tutti i tipi di restauro, seguita dalla frattura di radice e/o del dente (11,34%) e da motivazioni endodontiche.

Le fratture di ceramica rappresentano la complicanza tecnica più comune, seguita dalla perdita di ritenzione e dalla scheggiatura della porcellana.

Conclusioni
Dai dati emersi da questa revisione si può concludere che il tasso di sopravvivenza per corone e inlay/onlay a 5 anni è molto alto, superiore al 90%. Non è stato possibile riscontrare un'associazione tra il tipo di complicanza e i diversi tipi di restauro eseguiti.

Tuttavia, il maggior tasso di fallimento si è visto essere dovuto a carie secondaria e frattura di ceramica.

Implicazioni cliniche
I risultati evidenziati in questa revisione devono trovare conferma con altre revisioni analoghe, e sono necessari ulteriori studi di qualità sull’argomento in quanto è emerso da questo lavoro che la qualità complessiva dei 9 studi inclusi è purtroppo bassa.

Per approfondire

Vagropoulou GI, Klifopoulou GL, Vlahou SG, Hirayama H, Michalakis K. Complications and survival rates of inlays and onlays vs complete coverage restorations: A systematic review and analysis of studies. J Oral Rehabil 2018 Nov;45(11):903-20.

Articoli correlati

Il restauro degli incisivi centrali superiori trattati endodonticamente con difetti di classe III è una sfida a oggi molto impegnativa.L’obiettivo è quello di ridare...

di Simona Chirico


aziende     17 Giugno 2019

Global Clinical Case Contest

Dentsply Sirona ha presentato i risultati dell’edizione 2018/2019 del Global Clinical Case Contest, il concorso universitario mondiale che Dentsply organizza ogni anno, dal...


L’evento del dentale, organizzato da UNIDI-Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane rappresenta un’occasione unica e imperdibile per i professionisti dell’oral care che...


La fluorosi è una condizione cronica causata dall'eccessiva ingestione di fluoro. Ciò determina un’alterata formazione dello smalto, caratterizzata dall’ipomineralizzazione,...

di Simona Chirico


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi