HOME - Conservativa
 
 
13 Marzo 2019

Grave compromissione degli elementi frontali. Una soluzione di compromesso esteticamente soddisfacente

di Dott. Gianmarco Calabria

Dott. Gianmarco CalabriaDott. Gianmarco Calabria

Non è sempre possibile mettere in atto un piano di trattamento ideale in ogni situazione clinica.

Il paziente trattato in questo caso, si presenta alla mia osservazione con una grave compromissione degli elementi dentari del settore frontale, già trattati endodonticamente.

Il problema maggiormente sentito dal paziente è relativo principalmente alla condizione estetica del proprio sorriso, ma in realtà presenta perdita di vari elementi dentari e fallimenti restaurativi nei settori posteriori, con forte riduzione della dimensione verticale.

Un trattamento ideale in questo caso significherebbe ripristinare una corretta dimensione verticale, con approccio protesico su entrambe le arcate. Il paziente purtroppo non è in grado di sostenere i costi di una riabilitazione “full mouth” e sarebbe assolutamente scorretto intervenire protesicamente solo sul settore frontale per motivi estetici, lasciando inalterata la ridotta dimensione verticale.

È stato dunque necessario mettere in atto un piano di trattamento di compromesso, che restituisse, almeno per il momento, una condizione estetica accettabile al nostro paziente: sono state effettuate 5 ricostruzioni dirette in composito a mano libera, senza prendere impronte e senza quindi usare una guida palatale.

I moderni materiali compositi presentano delle ottime caratteristiche di resistenza meccanica, e il loro corretto utilizzo consente di ottenere restauri ad alta valenza estetica; questi materiali sono, inoltre, riparabili, caratteristica estremamente utile soprattutto in casi limite come questo.

Fig. 1 Caso iniziale

Fig. 2 Isolamento del campo operatorio

Fig. 3 Stratificazione creste marginali

Fig. 4 Stratificazione diretta di smalto palatale con matrice trasparente


Figg. 5, 6 Detersione cavitaria e inizio di stratificazione

Fig. 7 Foto finale post-operatoria immediata (persiste un po’ di normale disidratazione)

Fig. 8 Confronto prima e dopo

Articoli correlati

La richiesta di riabilitazioni protesiche che soddisfino il più possibile le esigenze non solo funzionali, ma anche estetiche, è sempre più diffusa anche in pazienti che sono...


Utilizzo di una procedura minimamente invasiva, ricerca italiana pubblicata all'estero


Cari Colleghi,Il prossimo Corso di Aggiornamento della Società Italiana di Implantologia Osteointegrata (SIO) è dedicato alla memoria del Prof. Giorgio Vogel, recentemente scomparso. Il...


Obiettivi. La riabilitazione implantoprotesica nella monoedentulia mandibolare con deficit di spessore richiede un approccio rigenerativo. Tra le procedure cliniche per la risoluzione delle atrofie...


Obiettivi. Valutare l’efficacia di una membrana corticale ossea equina parzialmente decalcificata associata a osso eterologo equino nella riparazione di un difetto perimplantare.Materiali e metodi....


Altri Articoli

Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Caprara: è una strada da percorrere per il nostro bene e quello dei nostri pazienti, non per tornaconti personali o per strategie di marketing


Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi