HOME - Conservativa
 
 
29 Aprile 2019

Affaticamento e resistenza all’usura dei compositi, il punto da recenti ricerche


di Lorenzo Breschi


I denti sono sottoposti a sollecitazioni cicliche che si ripetono più di 300.000 volte all’anno per la persona media. Quando i restauri dei compositi dentali vengono eseguiti, sono costantemente sottoposti a un ambiente ostile in cui forze provenienti da masticazione, bruxismo o serramento e la presenza di saliva e attacchi acidi possono minare la longevità delle ricostruzioni.

In questo contesto, è fondamentale avere una profonda conoscenza di come e perché i materiali da restauro reagiscono allo stress ciclico e all’affaticamento, al fine di rendere la scelta clinica corretta per il paziente.

I processi di affaticamento e usura sono strettamente correlati alla propagazione delle cricche sotto la superficie e sono considerati fattori chiave di guida nei meccanismi di usura dei materiali compositi. Inoltre, il carico ciclico meccanico può intensificare la ruvidità dei restauri, aumentando la capacità dei batteri di colonizzare la superficie del materiale e potenzialmente creare un ambiente favorevole per la carie secondaria, che è la ragione più comune per la sostituzione dei restauri in composito.

Inoltre, è ben noto che l’idratazione dell’acqua influenza le proprietà meccaniche dei compositi dentali influenzando le interfacce matrice, riempitivo o matrice-riempitivo.

Alcuni potenziali effetti dell’acqua che possono accelerare la crescita delle fessure da fatica includono:

  • plastificazione e ammorbidimento della matrice di resina;
  • degradazione idrolitica dell’agente di accoppiamento silanico che favorisce l’indebolimento interfacciale.

Un recente articolo pubblicato sul Journal of the Mechanical Behavior of Biomedical Materials, Kruzic et al. hanno sottolineato l’importanza di considerare la microstruttura dei materiali compositi durante l’analisi del comportamento di usura dei materiali per restauro dentale. L’aumento della resistenza all'usura dei polimeri a base di resina è generalmente correlato a:

  • volume delle particelle di riempimento;
  • diametro delle particelle di riempimento;
  • grado e profondità del tasso di conversione della matrice polimerica;
  • qualità dell'interfaccia di legame.

L’antagonista svolge anche un ruolo importante nel modo in cui un restauro composito si comporta sotto affaticamento. In effetti, è stato dimostrato che un’usura significativamente maggiore si verifica quando l’antagonista contiene cariche grandi dure (per esempio ~ 3,5 μm di zirconia) rispetto alla ricostruzione a base di resina eseguita con un materiale di riempimento nanometrico e/o più morbido.

Inoltre, anche l'immediata spazzolatura dei denti dopo l'esposizione a una soluzione alcalina si è dimostrata responsabile dell’aumento dell’usura in un range compreso tra il 60 e il 1400% (Sarkar, 2000).

Recenti scoperte sul campo indicano che l’ambiente orale del paziente influenza sostanzialmente la quantità di perdita di materiale e la qualità della superficie e indica che i compositi ibridi e micro-ibridi hanno subito un danno superficiale maggiore (aumento della ruvidità/usura), mentre i nano-compositi hanno una migliore resistenza all’assalto chimico e meccanico.

Per approfondire

Kruzic J, Arsecularatner JA, Tanaka CB, Hoffman MJ, Cesar PF. Recent advances in understanding the fatigue and wear behavior of dental composites and ceramics. J Mech Beh Biom Mat 2018;88:504-33.

Versione inglese disponibile su Dentistr33 a questo link:

Articoli correlati

protesi     26 Luglio 2018

Longevità delle corone singole

Dati di uno studio retrospettivo olandese

di Lara Figini


Photo Credits: dr Allegra Comba

Una ricerca britannica hai studiato motivi e tipologie dei rifacimenti

di Lara Figini


L'odontoiatria moderna richiede sempre più agli operatori di eseguire restauri dentali con la massima estetica quasi fino a pretendere talvolta il mimetismo. I restauri dentali per garantire...


I materiali restaurativi che imitano il colore dello smalto possono essere sottoposti a procedure di sbiancamento dentale, ma è necessario ricordare ai pazienti innanzitutto che il loro colore non...


L’amalgama d’argento è un materiale da restauro criticato negativamente per il suo contenuto in mercurio. Numerosi lavori hanno evidenziato come alcuni fattori possano condizionare la...


Altri Articoli

“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


Ampio e articolato il giudizio del prof. Giampietro Farronato, titolare della Cattedra di Ortognatodonzia all’Università di Milano, sull’andamento dell’incontro.  Partendo dal...


Dopo aver deplorato la persistente circolazione in ambito delle cd. catene di numerose e radicate “fake news” Michel Cohen, Amministratore Delegato di DentalPro, “catena” di...


Secondo la Presidente COI AIOG, Maria Grazia Cannarozzo dall’incontro uscirebbe  un quadro preciso della professione, seppur attraversato da varie visioni. Anche se obiettivi in sé, i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi