HOME - Conservativa
 
 
05 Novembre 2020

Compositi single-shade per l’integrazione cromatica dei restauri diretti nei settori posteriori


di Nicola Scotti

Nicola ScottiNicola Scotti

È ormai assodato come i compositi siano considerati i materiali gold standard per l’esecuzione di restauri diretti dei settori anteriori e posteriori. Il motivo è da cercarsi sicuramente nello sfruttamento delle tecniche adesive, che consentono preparazioni cavitarie meno invasive, oltre alle proprietà biomeccaniche e fisiche in continua evoluzione dato il continuo sviluppo dei monomeri e dei filler di cui i compositi sono costituiti.

Ovviamente, anche l’integrazione estetica ha giocato un ruolo fondamentale nella loro affermazione clinica. Resta tuttavia da considerare che i restauri adesivi richiedono il rispetto di rigidi e precisi protocolli per poter fornire performance cliniche soddisfacenti e longeve, oltre che risultati estetici realmente “mimetici”.

Già, il mimetismo: da sempre si è cercato un composito che fosse in grado di integrarsi alle caratteristiche cromatiche del dente. Ottimi risultati si sono potuti ottenere con l’impiego di masse composite da stratificare che presentassero caratteristiche di opacità e translucenza diverse, in modo da mimare le proprietà ottiche di smalto e dentina.

Recentemente, sull’onda della continua ricerca della semplificazione dei protocolli restaurativi, sono state introdotte in commercio resine composite monomassa e monocromatiche che – grazie a un effetto scattering derivante da forma, dimensione e distribuzione dei filler, nanoibridi – consentono una buona integrazione cromatica indipendentemente dalla tinta dell’elemento da restaurare. Questi materiali sfruttano la presenza del substrato dentale nel quale vengono incastonati per mimetizzarsi il più possibile nella struttura dentaria. I compositi single-shade si fanno infatti attraversare dalla luce, che va quindi a rifrangersi su smalto e dentina che costituiscono le pareti cavitarie. Il risultato finale è un reale effetto mimetico, in cui il composito risulta della tinta del dente su cui è stato applicato, sia esso un A2 piuttosto che un C3, sempre utilizzando l’unica massa cromatica a disposizione.

Di seguito si presentano due casi che mostrano l’utilizzo e il risultato finale ottenuto con Venus Diamond One (Kulzer) nel restauro di elementi posteriori con caratteristiche cromatiche differenti.

Caso 1

Il paziente presenta un vecchio restauro in amalgama fratturato nella sua porzione distale e infiltrato nella sua porzione vestibolo-mesiale (fig. 1).

Fig. 1



Cavità mesio-occluso-distale ultimata con matrici sezionali posizionate (fig. 2).

Fig. 2



Ricostruzione delle pareti interprossimali con Venus Diamond ONE (Kulzer) (fig. 3).

Fig. 3



Applicazione di uno strato di Venus Diamond Flow (Kulzer) di circa 1 mm sulle pareti cavitarie (fig. 4).

Fig. 4


Completamento del restauro sempre con la sola applicazione di Venus Diamond ONE, stratificato con due masse orizzontali dello spessore uguale o inferiore a 2 mm. Dopo polimerizzazione sotto gel di glicerina, si procede con la rifinitura e la lucidatura con gommini siliconi ad abrasività decrescente (fig. 5).

Fig. 5


Visione occlusale del restauro prima della rimozione della diga di gomma (fig. 6).

Fig. 6



Risultato clinico ottenuto, controllo a due settimane (fig. 7).

Fig. 7



Caso clinico 2
Sostituzione di un restauro in amalgama con segni clinici di infiltrazione marginale secondaria (fig. 8).

Fig. 8



Cavità ultimata con matrici sezionali posizionate prima della procedura adesiva, effettuata con adesivo universale iBond Universal (fig. 9).

Fig. 9



Esecuzione delle pareti interprossimali con Venus Diamond One (fig. 10).

Fig. 10



Utilizzo di Venus Flow Baseliner al fine di creare uno strato opaco sulla base cavitaria che limiti la trasmissione ottica delle discromie dentali legate alla presenza dell’amalgama e la formazione di dentina terziaria di reazione (fig. 11).

Fig. 11



Strato orizzontale di Venus Diamond One dello spessore di 2 mm (fig. 12).

Fig. 12



Completamento dell’anatomia occlusale tramite stratificazione di un’ultima massa di Venus Diamond One e posizionamento di pigmenti Choco nei solchi occlusali (fig. 13).

Fig. 13



Visione occlusale alla rimozione della diga di gomma (fig. 14).

Fig. 14



Controllo a una settimana (fig. 15).

Fig. 15




Con il contributo non condizionante di Kulzer



Articoli correlati

La paziente di 32 anni si presenta alla mia attenzione per eseguire una visita odontoiatrica in quanto percepisce la presenza di una cavità a livello del primo molare inferiore...

di Simona Chirico


L’avvento dell’odontoiatria adesiva ha introdotto il concetto di odontoiatria minimamente invasiva con un design della cavità più conservativo e nessuna ritenzione...

di Lorenzo Breschi


Caso clinico risolto con una resina composita monocromatica, su elementi che sono andati incontro a perdita di tessuto sano a causa di un processo carioso primario

di Allegra Comba


Compositi nanoriempiti/nanoibridi vs compositi ibridi: dati di una recente revisione sistematica


Altri Articoli

Anche le spese per le cure odontoiatriche concorreranno al numero di acquisti minimi necessari per ottenere il contributo del 10%. Al via la sperimentazione per il periodo natalizio. 


Rinnovati i componenti della Commissione Albo Odontoiatri della provincia di Trento, questi gli eletti. 


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Partecipa al webinar gratuito in programma sabato 5 dicembre alle ore 10.00. con il dott. Flavio Frisardi e la Dott.ssa Serena Pizzagalli


I dentisti di Italia, Spagna, Inghilterra lamentano cali di pazienti simili. Una ricerca ADA indica dentisti in affanno per riduzione del numero di pazienti assistiti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali