HOME - Conservativa
 
 
30 Settembre 2009

Sbiancamento dentale domiciliare e ambulatoriale a confronto

di S. Corbella, M. Basso, E. Roci, F. De Siena, L. Francetti


OBIETTIVI. Valutare l’efficacia di due tipologie di trattamento sbiancante (domiciliare e ambulatoriale) in relazione anche agli effetti collaterali riferiti dai fascicoli.
MATERIALI E METODI. 21 pazienti sono stati selezionati e suddivisi in due gruppi, di cui uno ha subito un trattamento ambulatoriale con perossido di idrogeno al 38% e l’altro un trattamento domiciliare con perossido di carbamide al 10%. A tutti i pazienti è stato prescritto l’utilizzo quotidiano di un prodotto desensibilizzante (Curasept Sensitivity dentifricio e collutorio – Curaden Healthcare). Sono stati valutati e registrati i valori di FMPS%, FMBS%, il grado di ipersensibilità dentinale, il grado di soddisfazione e il colore degli elementi trattati in un periodo di tempo fino a sei mesi di distanza dalla prima seduta.
RISULTATI E CONCLUSIONI. Lo sbiancamento dentale domiciliare o ambulatoriale è un trattamento di scelta nel caso di una richiesta estetica da parte dei pazienti con di discromie di varia natura a carico degli elementi dentari che ne alterano la normale colorazione. Tale trattamento si dimostra ampiamente supportato dalla letteratura internazionale, sebbene siano spesso riferiti effetti collaterali come, per esempio, l’ipersensibilità dentinale. Entrambe le modalità di trattamento si sono dimostrate efficaci nello sbiancamento degli elementi dentari inducendo elevati livelli di soddisfazione nei pazienti trattati. L’utilizzo di un prodotto desensibilizzante si è dimostrato utile nel limitare l’insorgenza di elevata ipersensibilità dentinale.



Articoli correlati

Grazie all’evoluzione degli ultimi anni, i nuovi sistemi di ablazione magnetostrittiva possono essere oggi utilizzati con ottimi risultati anche in situazioni cliniche...

di Giulia Ottaviano


L’ipersensibilità dentinale (DH) è un sintomo che frequentemente i pazienti riportato all’odontoiatra. Si manifesta più spesso durante i pasti, mentre si beve o durante lo...

di Lara Figini


L'impiego di agenti sbiancanti, sia nella pratica professionale odontoiatrica, sia nei trattamenti domiciliari sta riscuotendo sempre più successo e ha sempre maggiori richieste.La maggiore...


Secondo la teoria idrodinamica, che ha appena compiuto i suoi primi quarant’anni (risale infatti al 1967 la prima pubblicazione sulla rivista Caries Research di Brännström, Linden e Astrom, "The...


Altri Articoli

Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


In vista del termine del triennio formativo e dell’obbligo per medici ed odontoiatri iscritti all’Albo di ottemperare al debito formativo previsto l’OMCeO Milano, sul proprio sito,...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi